Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le azioni inciampano in uno stato d’animo nervoso prima dell’inflazione degli Stati Uniti

Le azioni inciampano in uno stato d’animo nervoso prima dell’inflazione degli Stati Uniti
  • L’MSCI Asia escluso il Giappone ha perso lo 0,4%.
  • I mercati valutari sono stabili. Il rischio di default dei buoni del tesoro
  • CPI USA alle 12:30 GMT

SINGAPORE (Reuters) – Le azioni faticano a salire in Asia e il dollaro è forte mercoledì in vista dei dati sui prezzi al consumo negli Stati Uniti che potrebbero minare le speranze di un taglio dei tassi se l’inflazione non mostra molta moderazione.

Il più ampio indice MSCI di azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) è ​​sceso martedì ed è sceso di un altro 0,4% mercoledì. Il Nikkei giapponese (.N225) ha perso lo 0,3%.

I futures S&P 500 sono rimasti piatti e i futures europei sono saliti dello 0,1%. Il dollaro USA stabile ha spinto l’euro sotto $ 1,10 a $ 1,0968.

I dati sui prezzi al consumo di aprile negli Stati Uniti sono previsti per le 12:30 GMT e gli economisti prevedono che l’IPC core si manterrà stabile al 5% annuo e l’IPC core si attesterà leggermente al 5,5%, anche se ci si aspetta qualcosa di più stabile.Le scommesse potrebbero confondere il calo dei tassi di interesse.

“Questa è la cosa che verrebbe tralasciata se i numeri dell’IPC fossero al rialzo”, ha affermato Rob Carnell, economista di ING.

“Non ha particolarmente senso se l’inflazione sta scendendo a un ritmo molto lento e ciò potrebbe far salire anche i rendimenti dei Treasury a lungo termine”.

I futures sui tassi di interesse implicano una probabilità del 60% che la Federal Reserve taglierà i tassi di interesse a settembre, secondo CME FedWatch uno strumento.

I titoli del Tesoro sono rimasti sostanzialmente invariati, con il rischio calcolato sull’avvicinarsi del tetto del debito statunitense che ha stimolato la domanda di beni rifugio, comprese le obbligazioni, da un lato, e allo stesso tempo ha spinto gli investitori a ritirare i buoni del Tesoro in scadenza all’inizio di giugno.

READ  Tesla taglia il piano di produzione per la sua fabbrica di Shanghai per l'approvvigionamento di dicembre

Il presidente Joe Biden e i massimi legislatori non sono riusciti a sbloccare la situazione di stallo sull’aumento del limite del debito statunitense di 31,4 trilioni di dollari, ma hanno promesso di incontrarsi di nuovo prima di giugno, quando il Tesoro si aspetta che inizierà a lottare per rispettare i suoi impegni.

Il rendimento di riferimento a 10 anni è rimasto stabile al 3,517% in Asia. Il rendimento a due anni è stato del 4,049%.

OROLOGIO CPI

I deboli dati sulle importazioni della Cina per aprile hanno fatto scendere le azioni cinesi e di Hong Kong per la seconda sessione consecutiva, poiché gli investitori temono che la riapertura stia svanendo in una ripresa irregolare.

L’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) è sceso dello 0,5%. Lo Shanghai Composite Index (.SSEC) è sceso dell’1,3% e lo yuan è sceso al minimo di due settimane.

Un giro di vite sulla due diligence aziendale sembra irritare il settore e sconvolgere gli investitori. Reuters riferisce che CICC Capital, un’unità della principale banca d’investimento cinese China International Capital Corp (3908.HK) ha smesso di utilizzare la società di consulenza Capvision.

I mercati dei cambi sono andati a rotoli mentre i mercati valutano la retorica dei politici contro la convinzione degli operatori che i tassi di interesse statunitensi e il dollaro debbano scendere.

L’indice G7 FX Volatility di JP Morgan si è attestato al minimo di un anno (.JPMVXYG7).

Le aspettative di un taglio dei tassi erano mal riposte, ma ciò non ha dato all’euro un grande impulso, ha detto martedì Isabel Schnabel, membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea, poiché i trader erano riluttanti a vendere dollari in modo aggressivo prima dei dati CPI.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sull'IPC statunitense e sull'inflazione cinese

Mercoledì la valuta condivisa è stata fissata al di sotto di $ 1,10. Il dollaro si è attestato a 135,34 yen ed è salito leggermente rispetto ai recenti minimi del dollaro australiano e neozelandese e della sterlina inglese.

“Il dollaro potrebbe ottenere una spinta temporanea dopo l’IPC”, ha affermato Joe Capurso, stratega presso la Commonwealth Bank of Australia.

“Ma è improbabile che il dramma del tetto del debito e l’attenzione degli operatori di mercato sui tagli dei tassi di interesse cambino molto da un singolo rapporto sull’IPC. Ci vorrebbe un risultato forte… per sollevare il dollaro in modo sostanziale”.

I profitti di SoftBank (9.434 TB), Panasonic (6.752 TB) e di una manciata di giganti commerciali giapponesi sono dovuti dopo la chiusura del mercato a Tokyo mercoledì.

I futures del Brent si sono attestati a 76,90 dollari al barile. L’oro ha iniziato a stabilizzarsi sopra i 2.000 dollari l’oncia, mentre il bitcoin si è attestato a 27.732 dollari.

Montaggio di Simon Cameron Moore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.