Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le borse asiatiche vacillano, l’incertezza politica scuote l’euro

Le borse asiatiche vacillano, l’incertezza politica scuote l’euro

Di Ray Vee

SINGAPORE (Reuters) – Le azioni asiatiche sono crollate lunedì, poiché i trader hanno in gran parte rinunciato alla corsa ai tagli dei tassi di interesse della Federal Reserve quest’anno, il mercato del lavoro statunitense è rimasto teso e la convocazione elettorale anticipata in Francia ha alimentato preoccupazioni politiche più ampie e ha pesato sull’euro.

Gli scambi sono stati inferiori in Asia, con Australia, Cina, Hong Kong e Taiwan scambiati in ribasso nei giorni festivi, ma il più ampio indice MSCI delle azioni dell’area Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è sceso dello 0,33%.

I futures S&P 500 e Nasdaq sono saliti ciascuno di circa lo 0,03%, invertendo le piccole perdite della sessione precedente.

Il dollaro è tornato in rialzo mentre i titoli del Tesoro americano hanno aumentato i rendimenti.

L’arresto del rally del rischio globale è arrivato sulla scia del rapporto sull’occupazione non agricola di venerdì, che ha mostrato che l’economia statunitense ha creato più posti di lavoro del previsto a maggio e che la crescita annuale dei salari ha nuovamente accelerato, sottolineando la resilienza del mercato del lavoro.

Il future mostra ora un taglio di circa 36 punti base (pb), in aumento rispetto ai 50 pb della scorsa settimana. Anche le probabilità di un ciclo di allentamento a partire da settembre sono elevate.

Gli ultimi sviluppi arrivano prima della decisione politica della Fed di mercoledì, prima dei dati sull’inflazione statunitense per maggio.

“Sarebbe molto difficile per la banca centrale prevedere tre tagli dei tassi quest’anno”, ha affermato Rob Cornell, responsabile regionale della ricerca Asia-Pacifico di ING.

“Alcuni oratori federali parlano della possibilità di un taglio. Molto probabilmente il risultato è che vedremo tutti e tre diventare due, ma è possibile che passeremo a uno.”

READ  Il vomito di 150 milioni di anni trovato nello Utah offre "uno scorcio raro" negli ecosistemi preistorici

Lunedì i rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono aumentati in modo simile, riflettendo le aspettative di tassi statunitensi più elevati. [US/]

Il rendimento a due anni e quello chiave a 10 anni sono aumentati di due punti base ciascuno, rispettivamente al 4,8931% e al 4,4512%.

Contro il dollaro, lo yen è sceso di oltre lo 0,2% a 157,09. L’indice del dollaro, che misura il biglietto verde rispetto a sei valute, è rimasto fermo a 105,29.

Il Nikkei giapponese è salito dello 0,9%, aiutato dall’indebolimento dello yen.

La Banca del Giappone (BOJ) terrà questa settimana la sua riunione di politica monetaria di due giorni e potrebbe fornire nuove indicazioni su come intende ridurre i suoi massicci acquisti di obbligazioni.

Elezioni SNAP

In Francia, il presidente Emmanuel Macron domenica ha indetto elezioni legislative anticipate alla fine di questo mese dopo che il partito di estrema destra di Marine Le Pen è stato sconfitto nel referendum sull’Unione Europea.

La decisione shock di Macron ha causato un terremoto politico in Francia, con l’estrema destra che ha intravisto un vero potere politico dopo anni di emarginazione e ha minacciato di congelare la sua presidenza tre anni prima della sua fine.

L’euro è sceso al minimo di un mese dopo l’annuncio in un contesto di crescente incertezza sulla futura direzione politica dell’Europa. L’ultima volta era in calo dello 0,5% a $ 1,0749.

I futures sono scesi in modo simile, con i futures EUROSTOXX 50 che hanno perso lo 0,42%, mentre i futures sulle obbligazioni francesi sono scesi dello 0,3%. I futures sul FTSE scendono dello 0,7%.

“La decisione di Macron, vista come un rischio calcolato, rende difficile il progresso legislativo mentre lotta con una maggioranza parlamentare”, ha affermato Shier Lee Lim, responsabile FX dell’APAC e macro stratega di Convera.

READ  La Cina sollecita il cessate il fuoco nella guerra in Ucraina

“Siamo ribassisti sull’euro nel breve termine.”

Tra le materie prime, i prezzi del petrolio sono stati scambiati per l’ultima volta in rialzo, aiutati dalle speranze che la domanda di carburante riprenderà quest’estate, con guadagni limitati da un dollaro più forte.

I future del greggio Brent sono saliti dello 0,26% a 79,83 dollari al barile, mentre i future del greggio statunitense West Texas Intermediate sono saliti dello 0,24% a 75,71 dollari al barile. [O/R]

L’oro spot è salito dello 0,13% a 2.295,29 dollari l’oncia. [GOL/]

(Montaggio di Sonali Paul e Sam Holmes)