Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le commissioni immobiliari potrebbero diminuire dopo l'accordo con gli agenti statunitensi

Le commissioni immobiliari potrebbero diminuire dopo l'accordo con gli agenti statunitensi
  • Di Mike Wendling
  • Notizie della BBC a Chicago

Fonte immagine, Immagini Getty

Un accordo in una causa contro gli agenti immobiliari statunitensi potrebbe significare la riduzione dei costi di acquisto e vendita di case.

L'Associazione Nazionale degli Agenti Immobiliari (NAR) e le società immobiliari sono state accusate di aver gonfiato artificialmente le commissioni di vendita in una serie di cause legali.

Venerdì è stato annunciato un accordo, compreso un risarcimento del valore di 418 milioni di dollari (328 milioni di sterline).

NAR ha accettato di ridurre le commissioni e di rendere più semplice per gli acquirenti negoziare le tariffe, misure che alla fine potrebbero portare a una riduzione dei costi di acquisto e vendita.

Si prevede che l'accordo aumenterà la concorrenza nel mercato immobiliare statunitense, dove una commissione del 6% sul prezzo di vendita è la norma.

Al prezzo medio di una casa negli Stati Uniti di 417.700 dollari (328.000 sterline), la commissione standard ammonta a poco più di 25.000 dollari, un costo che spesso viene trasferito in tutto o in parte all’acquirente.

Nel novembre 2023, una giuria federale del Missouri ha ordinato alla NAR e alle società di intermediazione di pagare 1,78 miliardi di dollari (1,4 miliardi di sterline). Secondo la legge antitrust statunitense, il giudice avrebbe potuto triplicare questi danni. Il caso alla fine ha portato all’accordo annunciato venerdì.

La NAR, con sede a Chicago, afferma che circa 1 milione dei suoi membri sono inclusi nell'accordo, che è soggetto all'approvazione finale della corte.

Senza questo requisito, gli acquirenti avrebbero più libertà di negoziare tassi di commissione più bassi o tariffe forfettarie sulle vendite. L'accordo comprende anche altre disposizioni che potrebbero potenzialmente ridurre i costi di transazione.

“NAR ha lavorato duramente per anni per risolvere questa causa in un modo che avvantaggiasse i nostri membri e i consumatori americani”, ha affermato in una nota il CEO ad interim di NAR, Nikia Wright. “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di preservare la scelta dei consumatori e proteggere i nostri membri nella massima misura possibile. Questo accordo raggiunge entrambi questi obiettivi.”

Secondo i termini dell'accordo, che entrerà in vigore a luglio, la NAR e le società immobiliari non devono ammettere gli illeciti.

Robert Brown, un avvocato con sede a Chicago che rappresenta gli acquirenti di case in due azioni collettive contro agenti immobiliari, ha definito questo “un grande cambiamento rispetto alle vecchie norme”.

“Ma resta da vedere se questo cambierà effettivamente i prezzi nel mercato immobiliare”, ha detto Brown in una e-mail.

L'accordo non risolve una serie di altre cause legali contro società immobiliari o una potenziale indagine federale sulla NAR. Anche gli agenti immobiliari in Canada devono affrontare azioni legali simili sulle commissioni di acquisto e vendita.