Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le donne palestinesi detenute da Israele denunciano abusi durante la detenzione israeliana

Le donne palestinesi detenute da Israele denunciano abusi durante la detenzione israeliana

GERUSALEMME (AP) — Nabila ha pensato alle Nazioni Unite La scuola di Gaza City era un rifugio sicuro. Poi è arrivato l'esercito israeliano.

Ha aggiunto che i soldati hanno fatto irruzione nel posto, hanno ordinato agli uomini di togliersi i vestiti e hanno portato le donne alla moschea per perquisirle. Iniziarono così sei settimane di custodia israeliana, che secondo lei includevano ripetuti pestaggi e interrogatori.

“I soldati sono stati molto crudeli, ci hanno picchiato e ci hanno urlato contro in ebraico”, ha detto la 39enne di Gaza City, che ha parlato a condizione che il suo cognome non venisse utilizzato per paura di essere arrestata di nuovo. “Se alzassimo la testa o dicessimo una parola, ci colpirebbero sulla testa”.

Palestinesi arrestati dalle forze israeliane A Gaza durante Guerra Israele-Hamas Hanno denunciato abusi fisici diffusi e negligenza. Non si sa quante donne o minori siano stati arrestati.

Nabila ha detto di essersi spostata tra le strutture all'interno di Israele in un gruppo misto prima di arrivare alla prigione di Damon, nel nord, dove secondo lei c'erano almeno 100 donne.

Gruppi per i diritti umani affermano che Israele sta “nascondendo” i palestinesi di Gaza, detenendoli senza accusa o processo e non rivelando alle loro famiglie o agli avvocati dove sono detenuti. Il Servizio penitenziario israeliano afferma che tutti “i diritti fondamentali richiesti sono pienamente garantiti da guardie carcerarie professionalmente addestrate”.

Israele allora dichiarò guerra Uccisione di militanti guidati da Hamas Circa 1.200 persone e ne hanno prese in ostaggio circa altre 250 il 7 ottobre.

Da allora, le forze di terra hanno arrestato centinaia di palestinesi per cercare sospetti attivisti e raccogliere informazioni. Immagini di uomini bendati inginocchiati con la testa chinata e le mani legate hanno suscitato indignazione globale. Nel nord di Gaza e nella città di Khan Yunis nel sud. Le forze ne hanno arrestate dozzine contemporaneamente Dalle scuole e dagli ospedali delle Nazioni Unite, compreso il personale medico.

L'esercito ha detto che costringe i detenuti a togliersi i vestiti per cercare esplosivi, e porta i detenuti in Israele prima di rilasciarli di nuovo a Gaza se ritenuti innocenti.

Per Nabila, questo processo ha richiesto 47 giorni strazianti.

Nonostante l’ordine israeliano di evacuare, Nabila e la sua famiglia sono stati costretti a farlo Ha deciso di non lasciare Gaza CityCredere che non esista un posto sicuro a Gaza. Le forze sono entrate nella scuola dove si erano rifugiate il 24 dicembre.

READ  Berlino per consentire a tutti di andare in topless nelle piscine pubbliche

Ha detto: “Mi sono sentita terrorizzata quando ho immaginato che volessero giustiziarci e seppellirci lì”.

Le forze hanno separato Nabila dalla figlia di 13 anni e dal figlio di 4 anni e l'hanno caricata su un camion diretto a una struttura nel sud di Israele. Secondo il gruppo israeliano Medici per i Diritti Umani, o PHRI, tutti i detenuti a Gaza vengono prima portati alla base militare di Sde Teman.

“Eravamo congelate e costrette a rimanere in ginocchio a terra”, ha detto Nabila all'Associated Press da una scuola trasformata in rifugio a Rafah, dove vive con altre detenute rilasciate di recente. “Musica ad alto volume, urla, intimidazioni: volevano umiliarci. “Le nostre mani erano legate, i nostri occhi erano bendati e i nostri piedi erano incatenati”.

Nabila, che è stata trasferita tra diverse carceri, ha detto di essere stata sottoposta a ripetute perquisizioni e interrogatori sotto la minaccia delle armi.

Le ho chiesto della sua relazione agitazione E la conoscenza dei militanti Una vasta rete di tunnel sotterraneiLei ha insistito sulla sua innocenza, raccontando agli investigatori che era una casalinga e che suo marito lavorava per l'Autorità Palestinese, rivale di Hamas.

“Un dispositivo per vendetta e vendetta”

Una donna detenuta di Gaza, che ha parlato a condizione di anonimato per paura di essere arrestata di nuovo, ha detto all'AP che durante una visita medica prima del suo trasferimento nella prigione di Damoun, le forze israeliane le hanno ordinato di baciare la bandiera israeliana. Quando ha rifiutato, un soldato l'ha afferrata per i capelli e le ha sbattuto la faccia contro il muro, ha detto.

In un rapporto pubblicato dal PHRI, ex detenuti di Gaza hanno denunciato maltrattamenti simili.

Uno di loro, il cui nome è stato nascosto, ha detto che le guardie gli hanno urinato addosso nella prigione di Ketziot, nel sud di Israele, e hanno assistito a perquisizioni in topless in cui le guardie hanno costretto i detenuti nudi a stare vicini e hanno inserito dispositivi di ricerca nelle loro natiche.

PHRI ha anche descritto le carceri israeliane Per ospitare i palestinesi della Cisgiordania e di Gerusalemme Est Coloro che sono detenuti con accuse di sicurezza, come “apparato di punizione e vendetta”. Ha affermato che al servizio carcerario e all'esercito è stata “concessa la libertà di agire come ritenevano opportuno”.

READ  Gli attacchi missilistici israeliani hanno messo fuori servizio l'aeroporto di Damasco

Il rapporto affermava che all’inizio della guerra le carceri entrarono in modalità “lockdown”, con i detenuti rinchiusi nelle loro celle per due settimane. Nell’ambito delle misure di emergenza in tempo di guerra, il parlamento israeliano in ottobre ha sospeso i normali requisiti di capacità per le celle. Da allora, i detenuti dormono su materassi in celle sovraffollate.

I privilegi telefonici sono stati completamente sospesi, afferma il rapporto. In alcune strutture, l’elettricità e l’acqua sono state tagliate nei reparti di sicurezza, facendo sprofondare i detenuti nell’oscurità per gran parte della giornata e rendendo inutilizzabili bagni e lavandini.

Durante gli otto giorni trascorsi in una struttura poco conosciuta nel sud di Israele, Nabila ha detto di non essersi fatta la doccia e di non essere stata in grado di procurarsi assorbenti mestruali o articoli da toeletta. Il cibo era scarso. Nabila ha detto che le guardie una volta lanciavano i pasti ai detenuti e dicevano loro di mangiare sul pavimento.

L'esercito ha detto che ogni detenuto riceve vestiti, coperte e biancheria da letto. Ha negato che le celle fossero sovraffollate, affermando che i detenuti avevano un accesso adeguato ai servizi igienici, al cibo, all'acqua e alle cure mediche.

“Il trattamento violento e ostile dei detenuti descritto nelle accuse è proibito”, hanno detto i militari in risposta a una richiesta di commento dell'AP. “I casi di comportamento inappropriato verranno trattati.”

Ha rinviato le questioni relative alle carceri di Ketziot e Damon al servizio carcerario israeliano, che non ha commentato queste accuse, affermando solo che non era coinvolto nell'arresto e negli interrogatori dei palestinesi di Gaza.

“Combattenti illegali”

Nabila ha detto di non aver mai parlato con un avvocato o un giudice.

Secondo una revisione della legge israeliana in tempo di guerra, tutti i detenuti di Gaza potrebbero essere detenuti per 45 giorni senza accusa o processo.

Classificati come “combattenti illegali”, non godono della stessa protezione dei prigionieri di guerra secondo il diritto internazionale. Secondo PHRI, la loro comparizione in tribunale potrebbe essere ritardata e l'accesso agli avvocati revocato. L'organizzazione israeliana per i diritti umani HaMoked ha affermato che 600 persone provenienti da Gaza sono detenute come combattenti illegali nelle carceri israeliane e altre potrebbero essere detenute in strutture militari.

READ  Gli elettori svizzeri accettano l'imposta minima globale sulle società e gli obiettivi climatici

I detenuti palestinesi hanno detto al PHRI che un'assistenza medica adeguata è rara, anche per coloro che necessitano di insulina o chemioterapia.

Un documento ufficiale ottenuto dall'Associated Press, che descrive le operazioni presso la struttura medica militare di Sde Timan, afferma che i combattenti illegali vengono trattati ammanettati e bendati.

Ha aggiunto che i nomi del personale medico sono stati mantenuti anonimi “per preservare la sicurezza, il benessere e la vita degli operatori sanitari”. Non richiedeva il consenso del paziente per le procedure mediche e le informazioni mediche riservate potevano essere trasmesse al personale del centro di detenzione.

L’esercito ha affermato che l’ammanettamento dei detenuti “è stato effettuato in base al livello di pericolo valutato e alle loro condizioni mediche”. Il Ministero della Salute israeliano non ha risposto alle richieste di commento.

Undici detenuti palestinesi sono morti nelle carceri israeliane dal 7 ottobre, secondo il gruppo di difesa Palestine Prisoner's Club, l'ultimo proprio questa settimana. Almeno cinque di loro avevano condizioni di salute preesistenti, il che secondo PHRI solleva preoccupazioni sulla loro morte a causa di negligenza medica.

L'esercito israeliano ha detto che esaminerà le morti.

“Meglio di Gaza”

Le fortune di Nabila migliorarono quando raggiunse Damon. Lì ha incontrato donne palestinesi detenute Cisgiordania.

Ha detto che le donne erano gentili. Aveva l'elettricità e una doccia calda. L'investigatore si chiese ad alta voce perché Nabila fosse stato arrestato.

Un mese e mezzo dopo il suo arresto, il direttore del carcere ha annunciato che Nabila sarebbe stata rilasciata insieme ad altre venti donne. Gli autobus israeliani li hanno trasportati al valico di Gaza, da dove si sono diretti verso i rifugi delle Nazioni Unite nel sud della città di Gaza. Rafah è piena di palestinesi sfollati. Non può recarsi a Gaza City, dove risiede la sua famiglia.

Nabila, con il volto pieno di lividi, ricorda uno dei suoi ultimi interrogatori. Cominciò a piangere e l'investigatore le disse:

“Non piangere. Si vive meglio qui che a Gaza.”