Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le elezioni europee iniziano con una corsa serrata nei Paesi Bassi: gli exit poll

Le elezioni europee iniziano con una corsa serrata nei Paesi Bassi: gli exit poll

Fonte immagine, Sim van der Waal/EPA-EFE/REX/Shutterstock

Commenta la foto, I leader della coalizione laburista verde olandese si sono detti soddisfatti dei risultati del sondaggio

  • autore, Paolo Kirby
  • Ruolo, A Bruxelles

Gli elettori olandesi hanno iniziato a votare da quattro giorni in tutta l’Unione Europea, con gli exit poll che indicano una corsa serrata tra la coalizione della Sinistra Verde e il partito populista e anti-Islam di Geert Wilders.

Si prevede che i partiti di destra e di estrema destra otterranno guadagni significativi in ​​molti dei 27 Stati membri dell’UE, e questo sembra essere stato confermato in una certa misura nei Paesi Bassi.

Anche se secondo i sondaggi d’opinione la coalizione dei laburisti verdi è destinata a guadagnare più seggi al Parlamento europeo, il Partito della Libertà di Wilders è sulla buona strada per ottenere grandi guadagni.

Ma non ha ripetuto la vittoria schiacciante ottenuta nelle elezioni generali dello scorso novembre.

Secondo la legge europea, i risultati finali non vengono pubblicati fino a dopo che ogni paese vota, nella tarda serata di domenica. Circa 373 milioni di europei hanno diritto di voto nelle seconde elezioni democratiche più grandi del mondo dopo l’India.

Si prevede che il prossimo Parlamento europeo comprenderà 720 seggi, e ciascun paese avrà seggi proporzionali alla sua popolazione. La Germania ne avrà 96, la Francia 81, l’Italia 76 e i Paesi Bassi 31.

Venerdì Irlanda e Repubblica Ceca voteranno, mentre il resto dell’Unione Europea voterà nel fine settimana.

In queste elezioni era ampiamente previsto uno spostamento a destra, con i partiti di estrema destra che cercavano di vincere in Francia, Belgio, Austria e Italia.

I loro avversari probabilmente trarranno una certa soddisfazione dai sondaggi d’opinione di giovedì sera, vista la performance dell’alleanza Verdi/Laburisti. Il partito di Geert Wilders è arrivato primo alle elezioni nazionali olandesi dello scorso novembre, ottenendo un accordo ministeriale con altri tre partiti, anche se non ricoprirà la carica di primo ministro.

Qualsiasi spostamento fondamentale a destra nella composizione del Parlamento europeo potrebbe influenzare le politiche dell’UE sul cambiamento climatico, sull’agricoltura e forse sulla difesa.

Secondo un sondaggio Ipsos I&O condotto tra 20 e 30mila elettori olandesi in 35 seggi elettorali, la coalizione olandese di centrosinistra guidata dall’ex commissario europeo Frans Timmermans è sulla buona strada per vincere otto seggi, uno in più del Partito della Libertà di Wilders.

Tuttavia, il margine di errore è così ampio che la gara è diventata molto serrata. Il tasso di partecipazione è stato stimato intorno al 47%, in aumento di cinque punti rispetto a cinque anni fa. Prima del voto si parlava di stanchezza degli elettori dopo mesi di dibattito sulla formazione di un nuovo governo.

Gli exit poll indicano quanto sia diventato polarizzato il voto olandese, con un partito filo-europeo a favore delle politiche sul cambiamento climatico, seguito da vicino da Wilders, che vuole restringere l’Europa e promette un governo con la politica di asilo “più forte” di sempre.

Tuttavia, i commentatori hanno sottolineato che circa due terzi dei voti sono stati presi da partiti pro-UE, molti dei quali erano centristi o liberali.

Secondo Ipsos, l’immigrazione e l’asilo sono stati i fattori più importanti per gli elettori olandesi, e questo probabilmente si rifletterà in gran parte del resto d’Europa.

Giovedì gli elettori con cui la BBC ha parlato in diversi seggi elettorali dell’Aia hanno parlato di sicurezza e delle guerre a Gaza e in Ucraina. Molti hanno affermato che un’Unione europea più forte è essenziale di fronte all’insicurezza globale.

Mentre un quarto degli elettori olandesi ha affermato di essere motivato dalla politica europea, il 21% ha affermato che si trattava di politica interna e il 48% ha affermato che era una combinazione di entrambe.