Giugno 18, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le famiglie sono esortate a cancellare TikTok e i social media prima di potenziali video di ostaggi israeliani

Le famiglie sono esortate a cancellare TikTok e i social media prima di potenziali video di ostaggi israeliani


New York
CNN

Le scuole in Israele, Regno Unito e Stati Uniti hanno consigliato ai genitori di eliminare le app dei social media dei propri figli per paura che i militanti di Hamas trasmettano o pubblichino video inquietanti di ostaggi presi negli ultimi giorni.

Un’associazione di genitori di una scuola di Tel Aviv ha affermato di aspettarsi che sui social media compaiano video di ostaggi che “chiedono per la propria vita”. In una lettera ai genitori, condivisa con la CNN da una madre di bambini di una scuola superiore di Tel Aviv, l’associazione ha chiesto ai genitori di rimuovere applicazioni come TikTok dai telefoni dei loro figli.

“Non possiamo permettere che i nostri figli vedano queste cose. È anche difficile, addirittura impossibile, contenere tutti questi contenuti sui social media – ha affermato l’associazione dei genitori -. Grazie per la comprensione e la collaborazione”.

Hamas ha avvertito che avrebbe pubblicizzato l’uccisione degli ostaggi sui social media se Israele avesse preso di mira le persone a Gaza senza preavviso.

Vi sono ulteriori preoccupazioni che i terroristi sfruttino gli algoritmi dei social media per indirizzare specificamente questi video a seguaci ebrei o influencer israeliani nel tentativo di condurre una guerra psicologica contro israeliani, ebrei e i loro sostenitori a livello globale.

Durante attacco Sabato, combattenti armati di Hamas hanno attraversato il confine pesantemente fortificato verso Israele e hanno preso fino a 150 ostaggi, tra cui ufficiali dell’esercito israeliano, a Gaza. Secondo l’esercito israeliano gli attacchi improvvisi hanno provocato la morte di almeno 1.200 persone e il ferimento di altre migliaia.

Da quando Israele ha avuto inizio Raid aerei Sabato, nell’enclave palestinese, almeno 1.055 persone sono state uccise a Gaza, tra cui centinaia di bambini, donne e intere famiglie, secondo il Ministero della Sanità palestinese. Ha detto che altri 5.184 erano stati infettati da mercoledì.

READ  Summit di pace del Cairo sul conflitto di Gaza: chi partecipa?

Mentre la guerra continua, anche alcune scuole ebraiche negli Stati Uniti chiedono ai genitori di non condividere video o foto rilevanti che potrebbero apparire, e impediscono ai bambini – e a loro stessi – di visualizzarli. Le scuole stanno inoltre consigliando ai membri della comunità di eliminare le loro app di social media durante questo periodo.

“In collaborazione con altre scuole diurne ebraiche, avvertiamo i genitori di non disattivare le app di social media come Instagram, X e TikTok dai telefoni dei loro figli”, ha scritto in una e-mail un preside di una scuola del New Jersey. “Le informazioni grafiche e spesso fuorvianti circolano liberamente, aumentando le preoccupazioni dei nostri studenti…. I genitori dovrebbero discutere i pericoli di queste piattaforme e chiedere quotidianamente ai propri figli cosa vedono, anche se hanno eliminato la maggior parte delle app non filtrate dai loro telefoni.”

Un’altra scuola nel Regno Unito ha affermato di aver chiesto agli studenti di eliminare le loro app di social media durante una riunione sulla sicurezza.

TikTok, Instagram e

Ma x Egli ha detto Sulla sua piattaforma, ha visto un aumento degli utenti attivi quotidianamente nella zona del conflitto, e i suoi team di allentamento dell’escalation hanno “condotto decine di migliaia di post condividendo contenuti grafici, retorica violenta e comportamenti che incitano all’odio”. Non ha risposto alla richiesta di ulteriori commenti o di definire “l’azione intrapresa”.

“Continuiamo inoltre a monitorare in modo proattivo la retorica antisemita come parte di tutti i nostri sforzi”, ha affermato il team di sicurezza di X. “Inoltre, abbiamo adottato misure per rimuovere diverse centinaia di account che tentavano di manipolare argomenti di tendenza.”

READ  Gli imprenditori tecnologici cinesi sono ansiosi di "eliminare la Cina" mentre le tensioni con gli Stati Uniti aumentano

La società ha aggiunto che rimane “focalizzata” sull’applicazione delle regole del sito e ha ricordato agli utenti che possono limitare i contenuti multimediali sensibili che potrebbero incontrare visitando l’opzione “Contenuto visualizzato” nelle Impostazioni.

Tuttavia, la disinformazione continua a diffondersi sulle piattaforme dei social media, tra cui X.

Un post che è stato visto più di 500.000 volte – che include l’hashtag #PalestineUnderAttack – affermava di mostrare un aereo abbattuto. Ma la clip proveniva dal videogioco Arma 3, come è stato poi sottolineato in una “nota della community” che accompagnava il post.

Un altro video è Quello presunto Il film, che mostra i generali israeliani catturati dai combattenti di Hamas, è stato visto più di 1,7 milioni di volte a partire da lunedì. Tuttavia, viene invece visualizzato il video Arresto dei separatisti In Azerbaigian.

Martedì l’Unione Europea alla cautela Elon Musk sulle “sanzioni” per la disinformazione circolata su X nel mezzo della guerra tra Israele e Hamas.

Mercoledì l’Unione Europea ha anche informato il CEO Meta Zuckerberg di un aumento della disinformazione sulle sue piattaforme – tra cui Facebook – e ha chiesto alla società di rispondere entro 24 ore su come intende combattere il problema.

Martedì, in una storia su Instagram, Zuckerberg ha definito l’attacco “puro male” e ha affermato che il suo obiettivo “rimane la sicurezza dei nostri dipendenti e delle loro famiglie in Israele e nella regione”.