Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le Filippine condannano la “barriera galleggiante” della Cina nel Mar Cinese Meridionale

Le Filippine condannano la “barriera galleggiante” della Cina nel Mar Cinese Meridionale

MANILA (Reuters) – Domenica le Filippine hanno accusato la guardia costiera cinese di erigere una “barriera galleggiante” in un’area contesa nel Mar Cinese Meridionale, affermando che essa impedisce ai filippini di entrare e pescare nell’area.

La Guardia costiera di Manila e l’Ufficio per la pesca e le risorse acquatiche “condannano fermamente” l’installazione della barriera da parte della Cina in una parte dell’area di Scarborough Shoal, ha pubblicato il portavoce della Guardia costiera, Commodoro Jay Tarella, sulla piattaforma di social media X, precedentemente Twitter.

Ha aggiunto che la barriera che impedisce ai pescatori di raggiungere le acque poco profonde li priva delle attività di pesca e di sostentamento.

“La (Guardia Costiera filippina) continuerà a lavorare a stretto contatto con tutte le agenzie governative competenti per affrontare queste sfide, sostenere i nostri diritti marittimi e proteggere i nostri domini marittimi”, ha affermato Tarriela.

L’ambasciata cinese a Manila non ha risposto immediatamente alle richieste di commento.

La Cina rivendica la sovranità su oltre il 90% del Mar Cinese Meridionale, sovrapponendosi alle zone economiche esclusive di Vietnam, Malesia, Brunei, Indonesia e Filippine. Pechino ha preso il controllo dello Scarborough Shoal nel 2012 e ha costretto i pescatori filippini a viaggiare più lontano per le piccole catture.

Pechino ha permesso ai pescatori filippini di tornare nei banchi disabitati quando le relazioni bilaterali stavano migliorando significativamente sotto il presidente Rodrigo Duterte. Ma le tensioni sono aumentate di nuovo da quando il suo successore, Ferdinand Marcos Jr., è entrato in carica l’anno scorso.

READ  La morte di Ali Ahmed Aslam, l'inventore del "Chicken Tikka Masala", all'età di 77 anni

Il personale della Guardia costiera filippina e dell’Ufficio della pesca ha scoperto la barriera galleggiante stimata essere lunga circa 300 metri (1.000 piedi) durante un pattugliamento di routine venerdì vicino alla secca conosciuta localmente come Bajo de Masinloc, ha detto Tarriela.

Ha aggiunto che tre gommoni appartenenti alla Guardia costiera cinese e una barca di servizio appartenente alla Milizia marittima cinese hanno installato la barriera all’arrivo della nave filippina.

Tarella ha detto che i pescatori filippini dicono che la Cina solitamente installa tali barriere quando controlla un gran numero di pescatori nella zona.

Ha aggiunto che le barche cinesi hanno lanciato 15 sfide radio e hanno accusato la nave filippina e i pescatori di violare le leggi internazionali e cinesi, prima di allontanarsi “dopo aver notato la presenza di personale dei media a bordo della nave (filippina)”.

Lo riferisce Enrico della Cruz. A cura di William Mallard

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottenere i diritti di licenzaapre una nuova scheda