Luglio 19, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le immagini satellitari mostrano le petroliere iraniane sequestrate al largo di Bandar Abbas

Le immagini satellitari mostrano le petroliere iraniane sequestrate al largo di Bandar Abbas

DUBAI, Emirati Arabi Uniti (AFP) – Le immagini satellitari, analizzate dall’Associated Press Sunday, mostrano due petroliere recentemente sequestrate dall’Iran al largo di una delle sue principali città portuali sullo strategico Stretto di Hormuz.

Le immagini di Planet Labs PBC hanno mostrato Advantage Sweet e Niovi ormeggiati a sud di Bandar Abbas vicino a una base navale nella città portuale nella provincia iraniana di Hormozgan sabato. La loro cattura rappresenta solo l’ultimo sequestro di navi da parte dell’Iran tra le tensioni con l’Occidente per il suo programma nucleare in rapido avanzamento, anche se sembra che le due navi possano essere state sequestrate per ragioni diverse.

L’Iran ha sequestrato la nave battente bandiera delle Isole Marshall Advantage Sweet, con a bordo 23 indiani e un russo, il 27 aprile. Ha anche navigato nel Golfo di Oman. Teheran ha affermato che la nave si è scontrata con un’altra nave, sebbene i dati di tracciamento della Advantage Sweet non abbiano mostrato comportamenti strani durante il viaggio. In passato l’Iran ha fatto accuse di sequestro di navi per coprire le navi prese come ostaggi nei negoziati con l’Occidente.

La “Advantage Suite” trasportava greggio kuwaitiano per la compagnia energetica statunitense Chevron Corp. a San Ramon, in California, al momento del suo sequestro. Il suo sequestro arriva quando un’altra petroliera che si credeva trasportasse greggio iraniano è scomparsa da un ancoraggio al largo di Singapore, un anno dopo che era stata identificata mentre cercava di eludere le sanzioni statunitensi..

Il Financial Times, così come la compagnia di intelligence navale Ambry, hanno riferito che la nave, chiamata Suez Ragan, era stata sequestrata per ordine delle autorità statunitensi. I funzionari statunitensi e quelli associati alla Swiss Ragan non hanno risposto alle domande sulla scomparsa della petroliera durante il viaggio verso ovest.

READ  Uno studente di dottorato saudita è stato condannato a 34 anni per i suoi tweet

Mercoledì scorso, le Guardie rivoluzionarie paramilitari iraniane hanno sequestrato la petroliera panamense Nioufi Dove ha lasciato un bacino di carenaggio a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, diretta a Fujairah, sulla costa orientale degli Emirati Arabi Uniti. Sebbene nessun carico sia stato spostato, i dati di S&P Global Market Intelligence visti dall’AP hanno mostrato che nel luglio 2020 Niofi ha ricevuto petrolio da una nave allora nota come Oman Pride.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti nell’agosto 2021 ha sanzionato l’Oman Pride e altri associati alla nave per il suo coinvolgimento in una rete internazionale di contrabbando di petrolio che supporta la Quds Force, l’unità di spedizione della Guardia rivoluzionaria che opera in tutto il Medio Oriente.

Separatamente, presunte e-mail pubblicate online da Wikiran, un sito Web che sollecita documenti trapelati dalla Repubblica islamica, indicano che le merci trasportate da Niovi sono state vendute a società in Cina senza permesso.

Claire Jongman, capo dello staff dell’organizzazione United Against Nuclear Iran, che ha monitorato le spedizioni di greggio sanzionato da Teheran, “sospetta fortemente che il sequestro di Niofi sia correlato a una disputa su una spedizione di petrolio iraniano”. L’Iran ha dichiarato di aver sequestrato la Niofi a causa di un’ordinanza non specificata del tribunale di Teheran.

I gestori di Niovi non hanno risposto a ripetute telefonate per un commento. La guardia costiera greca ha detto che l’equipaggio del Niouvi era composto da marinai greci, filippini e dello Sri Lanka.

___

Segui Jon Gambrell su Twitter all’indirizzo www.twitter.com/jongambrellAP.