Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le Nazioni Unite fanno pressioni sui generali in guerra del Sudan dopo il saccheggio degli aiuti

Le Nazioni Unite fanno pressioni sui generali in guerra del Sudan dopo il saccheggio degli aiuti
  • Funzionario umanitario delle Nazioni Unite cerca incontri personali con le fazioni sudanesi
  • Le Nazioni Unite hanno dichiarato che sei camion carichi di aiuti umanitari sono stati saccheggiati
  • I combattimenti continuano nonostante la presunta tregua tra i generali

KHARTOUM (Reuters) – Le Nazioni Unite hanno fatto pressioni sulle fazioni in guerra in Sudan mercoledì per garantire un passaggio sicuro per gli aiuti umanitari dopo che sei camion sono stati saccheggiati e gli attacchi aerei nella capitale Khartoum hanno minato una presunta tregua.

Il segretario generale delle Nazioni Unite per gli aiuti Martin Griffiths ha dichiarato di sperare di tenere incontri faccia a faccia con le parti in guerra in Sudan entro due o tre giorni per ottenere da loro garanzie per i convogli di aiuti per la consegna di aiuti umanitari.

“L’incontro doveva svolgersi a Khartoum o in un altro luogo per pianificare un’operazione di soccorso su larga scala”, ha detto Griffiths a Reuters in un’intervista telefonica da Jeddah, in Arabia Saudita, dopo una visita a Port Sudan.

“Per me è importante che ci incontriamo fisicamente e faccia a faccia per discuterne, perché abbiamo bisogno che sia un momento pubblico e responsabile”, ha detto.

Le Nazioni Unite hanno avvertito che i combattimenti tra esercito e paramilitari Rapid Support Forces, scoppiati il ​​15 aprile, minacciano una catastrofe umanitaria che potrebbe estendersi ad altri Paesi. Il Sudan ha dichiarato martedì che 550 persone sono state uccise e 4.926 ferite finora nel conflitto.

Mercoledì si sono uditi attacchi aerei a Khartoum e nelle vicine città di Omdurman e Bahri, anche se entrambe le parti hanno concordato di estendere la traballante e interrotta catena di tregue per altri sette giorni a partire da giovedì.

READ  Giappone: isole contese "occupate illegalmente dalla Russia"

A Khartoum, milioni di persone stavano ancora cercando di ripararsi dalla guerra aperta tra un esercito che utilizzava attacchi aerei e artiglieria pesante e le Forze di supporto rapido di stanza nei quartieri residenziali.

La maggior parte degli ospedali era fuori servizio e molte aree erano prive di elettricità e acqua a causa della diminuzione delle scorte di cibo e carburante.

Sotto la pressione dei mediatori internazionali per i colloqui di pace, l’esercito sudanese ha dichiarato che invierà un inviato per colloqui con i leader di Sud Sudan, Kenya e Gibuti.

Gli aiuti sono bloccati nel paese di 46 milioni di persone, un terzo delle quali dipende già dai soccorsi.

Parlando in precedenza, Griffiths ha affermato che il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite gli ha detto che sei camion diretti verso la regione occidentale del Darfur sono stati saccheggiati durante il viaggio, nonostante le garanzie di sicurezza.

Griffiths ha dichiarato in un’intervista a Reuters di aver parlato al telefono con il capo dell’esercito, Abdel Fattah al-Burhan, e il comandante delle forze di supporto rapido, Mohamed Hamdan Dagalo, noto come Hemedti, mercoledì per dire loro che c’era bisogno per corridoi di soccorso e specifici trasferimenti aerei.

“Ora siamo molto chiari sui nostri requisiti operativi in ​​termini di ciò di cui abbiamo bisogno in termini di impegni da parte loro”, ha affermato.

READ  Il video mostra i "lupi bianchi" ucraini che scaricano rifiuti nei carri armati russi

Pressioni generali, dice l’Onu

E a Nairobi, il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha detto che la comunità internazionale deve dire ai due leader che la situazione è inaccettabile. Ha detto che i due leader devono subire pressioni per fermare i combattimenti, avviare il dialogo e consentire una transizione al governo civile.

L’inviato di Al-Burhan, Daffallah Al-Hajj, ha detto al Cairo che l’esercito ha accettato i colloqui, ma non ci saranno discussioni faccia a faccia con le RSF e la comunicazione avverrà attraverso mediatori.

Il Sud Sudan ha affermato che le due parti hanno concordato un cessate il fuoco e l’invio di rappresentanti ai colloqui, ma RSF non ha commentato ufficialmente. Hemedti ha dichiarato mercoledì in un tweet di essere impegnato ad “aprire e garantire passaggi sicuri”.

Le Nazioni Unite affermano che circa 100.000 persone sono fuggite dal Sudan con poco cibo o acqua verso i paesi vicini.

Il conflitto si è esteso al Darfur, dove le RSF sono emerse dalle milizie tribali che hanno combattuto a fianco delle forze governative per schiacciare i ribelli in una guerra ventennale.

L’esercito e le forze di supporto rapido hanno unito le forze in un colpo di stato due anni fa e hanno condiviso il potere in una transizione sostenuta a livello internazionale verso libere elezioni e un governo civile.

Scritto da Michael Georgy. Montaggio di Simon Cameron Moore

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.