Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economista del premio Nobel Paul Krugman afferma che il complotto di Putin per armare i prezzi del gas naturale è un fallimento e lo status di superpotenza della Russia è una facciata

L’economista del premio Nobel Paul Krugman afferma che il complotto di Putin per armare i prezzi del gas naturale è un fallimento e lo status di superpotenza della Russia è una facciata

Il presidente russo Vladimir Putin partecipa al vertice economico eurasiatico a Bishkek, in Kirghizistan, il 9 novembre 2022.Collaboratore/Getty Images

  • Paul Krugman ha detto che il piano di Putin per armare i prezzi del gas naturale non ha funzionato.

  • In una colonna sul New York Times, il capo economista ha notato il successo dell’Europa nella vela lo scorso inverno.

  • La Russia ha ridotto le sue forniture di gas in risposta alle sanzioni occidentali.

Il piano di Putin per armare il mercato del gas naturale è stato finora un fallimento e la Russia è solo un’imitazione di una superpotenza globale, secondo il premio Nobel Paul Krugman.

In un editoriale per Il New York Times Giovedì, Krugman ha citato gli sforzi della Russia per ridurre la sua fornitura di gas naturale dai mercati globali, una mossa che è ancora valida Ha devastato i mercati dell’energia l’anno scorso. In particolare, si dice che l’Europa sia ad alto rischio di scivolare in una crisi energetica quest’inverno, con i prezzi dell’elettricità che hanno toccato i massimi storici dopo che i flussi di gas russo si sono sostanzialmente fermati. Gasdotto Nord Stream 1.

Ma il tentativo della Russia di respingere le sanzioni è in gran parte fallito, ha detto Krugman, poiché l’Europa ha avuto un inverno piuttosto buono lo scorso inverno. Istituiti i paesi dell’Unione Europea Grandi riserve di gas naturale che sono in gran parte inutilizzati tra temperature più calde, la zona euro che evita il disastro fiscale e gestisce un’inflazione elevata senza un aumento della disoccupazione.

I depositi di gas dell’UE erano all’84% della capacità Alla fine dello scorso anno, secondo Reuters. Nel frattempo, il blocco delle 27 nazioni è in attesa al momento L’inflazione nell’eurozona è scesa al 6,9%. a marzo, in calo dall’8,5% di febbraio.

READ  L'ultimo picco di casi di COVID-19 in Cina ostacola i turisti, limita i viaggi

“L’Europa ha resistito molto bene alla perdita delle forniture russe”, ha detto Krugman, aggiungendo che le economie moderne sono molto più resistenti di quanto si pensasse quando la Russia ha lanciato per la prima volta la sua guerra energetica con l’Occidente. “Le democrazie stanno dimostrando, come hanno fatto molte volte in passato, di essere molto più dure, molto più difficili da intimidire di quanto sembri”.

Il Cremlino ha affermato che i tagli alle forniture sono stati una risposta alle sanzioni occidentali Tagliare fuori la Russia dal sistema bancario globale E soprattutto Restrizione al commercio di petrolio greggio. L’Europa ha resistito alla rappresaglia russa, mentre alcune stime mostrano che l’economia russa sta soffrendo per le attuali restrizioni commerciali.

Le entrate energetiche della Russia sono crollate del 50%. Dallo scorso anno, secondo le stime del ministero delle finanze russo all’inizio del 2023, il paese sta affrontando un deficit di bilancio maggiore poiché la spesa aumenta durante la sua invasione militare.

“Più che mai, la Russia sembra una grande potenza in Potëmkin, con ben poco dietro la sua imponente facciata”, ha detto Krugman. Il suo ruolo di fornitore di energia si sta rivelando molto più difficile da armare di quanto molti immaginino.

Altri economisti hanno affermato che l’economia russa avrebbe difficoltà a lungo termine. nazione può diventare Stato fallito in 10 anniCome stima un think tank, deve affrontare un grande vento contrario nel bel mezzo di esso Isolamento dai mercati mondiali E Diminuzione degli investimenti in tecnologia.

Leggi l’articolo originale su Affari interessati

READ  Manifestanti ebrei ultra-ortodossi bloccano le strade di Gerusalemme prima della decisione della corte israeliana sull'esenzione dalla coscrizione