Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Legge sul Ruanda: il governo subisce cinque sconfitte alla Camera dei Lord

Legge sul Ruanda: il governo subisce cinque sconfitte alla Camera dei Lord
  • Scritto da Paul Seddon
  • Reporter politico

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Il disegno di legge è una parte fondamentale del piano del Primo Ministro di “vietare” alle piccole imbarcazioni di attraversare la Manica

Il governo ha subito cinque sconfitte alla Camera dei Lord riguardo al suo disegno di legge volto a rilanciare il piano di deportazione proposto dal Ruanda.

La legislazione considererebbe il Ruanda un paese sicuro in cui inviare i richiedenti asilo, nel tentativo di impedire che le deportazioni vengano ostacolate dagli appelli.

Ma i loro colleghi hanno sostenuto cambiamenti che renderebbero più facile per i giudici contestare l’ordinanza.

Hanno anche affermato che il trattato alla base delle deportazioni deve essere “pienamente attuato” prima che i voli decollino.

Il disegno di legge continuerà a passare attraverso la Camera dei Lord mercoledì, dove i colleghi dell’opposizione potrebbero essere in grado di infliggere ulteriori sconfitte.

Tuttavia, è probabile che il governo abroghi queste leggi quando tornerà alla Camera dei Comuni, probabilmente alla fine di questo mese.

Il disegno di legge è una parte fondamentale del piano del governo di “vietare” alle piccole imbarcazioni di attraversare il Canale della Manica, che Rishi Sunak ha reso una priorità del suo premiership. I ministri vogliono che i voli per il Ruanda inizino questa primavera.

I ministri hanno presentato il progetto di legge alla fine dello scorso anno, dopo che la Corte Suprema aveva stabilito che un piano per inviare un numero imprecisato di richiedenti asilo nel paese dell’Africa orientale era illegale.

Nel tentativo di rilanciare il sistema e prevenire sfide legali che ostacolino future deportazioni, sosterrà che il Ruanda è un paese sicuro secondo la legge britannica e limiterà la capacità dei tribunali di bloccarlo per motivi di diritti umani.

Il governo afferma che questo è un passo necessario per garantire che le deportazioni non siano ostacolate da sfide legali.

Ma i critici, compresi alcuni conservatori, sostengono che ciò metterebbe a rischio le persone e minerebbe anche l’indipendenza dei tribunali.

In una serie di votazioni precedenti, i colleghi dell’opposizione hanno sostenuto un emendamento che consentirebbe ai tribunali di ribaltare la presunzione che il Ruanda sia sicuro, se vedono “prove credibili del contrario”.

L'emendamento, proposto da Lord Anderson di Ipswich, ha avuto il sostegno anche di una manciata di conservatori, tra cui l'ex ministro degli Interni Lord Clarke di Nottingham.

Lord Anderson ha aggiunto: “Se il Ruanda è sicuro come il governo vuole farci dire, non ha nulla da temere da un simile esame”.

I loro colleghi hanno anche concordato cambiamenti che significheranno che il Ruanda potrà essere considerato sicuro solo quando i funzionari indipendenti che supervisionano il trattato di deportazione del Regno Unito con il paese affermeranno che sarà stato “pienamente attuato”.

Hanno anche sostenuto l'emendamento del Labour secondo cui il disegno di legge deve mantenere “il pieno rispetto del diritto nazionale e internazionale”.

Un “giro divertente” di sfide

Il governo afferma che il nuovo trattato con il Ruanda, firmato a dicembre, risponde alle obiezioni della Corte Suprema.

Il ministro degli Interni Lord Sharpe, di Epsom, ha affermato che il trattato, che sostituisce un accordo precedente, significherebbe che non vi è alcun rischio che le persone inviate in Ruanda vengano rimandate nei loro paesi d’origine, dove potrebbero affrontare persecuzioni.

Spiegando perché ha respinto gli emendamenti, ha affermato che i motivi legali per contestare le deportazioni dovrebbero rimanere “limitati” al fine di “prevenire una spirale di sfide legali”.

“Non possiamo permettere che le sfide legali sistemiche continuino a frustrare e ritardare le deportazioni”, ha aggiunto.

Le modifiche al disegno di legge torneranno ora alla Camera dei Comuni, dove il governo ha la maggioranza e probabilmente le annullerà.

Se le modifiche verranno respinte, il disegno di legge passerà attraverso un processo noto come “ping-pong”, previsto alla fine di questo mese, quando sarà approvato tra i parlamentari e i loro colleghi in modo che possano concordare la formulazione finale.

Il Labour ha indicato che i suoi pari non cercheranno di impedire che il disegno di legge venga completamente convertito in legge, anche se uno dei membri del partito, Lord Coker, ha detto che i ministri dovrebbero “ascoltare” le obiezioni sollevate alla Camera dei Lord.

READ  Il pakistano Imran Khan pronuncia dalla prigione un discorso elettorale generato dall'intelligenza artificiale | Omran Khan