Aprile 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'architetto che costruisce comunità vince il Premio Pritzker

L'architetto che costruisce comunità vince il Premio Pritzker

Ricken Yamamotoi cui edifici discretamente semplici enfatizzano la comunità e la connessione, ha ricevuto quest'anno il Pritzker Prize, la più alta onorificenza dell'architettura.

“Che si tratti di progettare case private, infrastrutture pubbliche, scuole, caserme dei vigili del fuoco, municipi o musei, la dimensione condivisa e gioiosa è sempre presente”, ha affermato martedì la giuria annunciando il premio. “Il suo continuo, meticoloso e vivo interesse per la comunità ha portato alla creazione di sistemi di spazi pubblici di co-working che motivano le persone a riunirsi in modi diversi.”

Il desiderio di rimuovere le barriere tra la sfera pubblica e quella privata era evidente nel primo progetto di Yamamoto, nel 1977, un Casa estiva privata all'aperto nelle foreste di Nagano, in Giappone. “Ha solo un tetto, niente muri”, ha ricordato l'architetto 78enne in un'intervista telefonica da Yokohama, in Giappone, dove vive. “In inverno vengono molti animali.”

Allo stesso modo, la casa di Kawasaki che Yamamoto progettò l'anno successivo per gli artisti presentava una stanza simile a un padiglione che poteva fungere da palcoscenico per le esibizioni, con alloggi sottostanti.

La gente chiedeva costantemente: “Perché Yamamoto dovrebbe costruire una casa così strana?” disse l'architetto. “Spiego ogni volta il significato: la comunità è la cosa più importante. Ogni famiglia ha un legame con la società”.

Il prestigioso Premio Pritzker è forse più strettamente associato a vincitori di “archistar” come Frank Gehry, Rem Koolhaas e Zaha Hadid. Ma negli ultimi anni, la giuria ha premiato anche designer di spicco, come Frances Kéré dell’Africa occidentale (2022), Anne Lacaton e Jean-Philippe Vassal (2021) e Yvonne Farrell e Shelley McNamara (2020).

Anche i progetti pubblici di Yamamoto con la sua azienda, Riken Yamamoto & Field Shop, erano orientati all'interazione sociale. L'Università della Prefettura di Saitama, completata nel 1999, è composta da nove edifici trasparenti collegati da balconi, che consentono la vista da un'aula all'altra. “La distinzione tra dove finisce un edificio e dove ne inizia un altro è intenzionale “Non chiaro” “Presenta un linguaggio architettonico tutto suo”, afferma Pritzker nel suo libro fotografico sul lavoro di Yamamoto.

READ  Sembra che Hamas si sia ritirato dall'accordo sugli ostaggi che avrebbe potuto porre fine alla guerra a Gaza in pochi mesi: rapporto

“La sua architettura esprime chiaramente le sue convinzioni attraverso la struttura modulare e la semplicità della forma”, ha affermato la giuria nella sua citazione. “Tuttavia non detta le attività, ma piuttosto consente alle persone di modellare la propria vita all’interno dei suoi edifici con eleganza, naturalezza, poesia e gioia.”

L'architetto ha combinato trasparenza, funzionalità e accessibilità in progetti come Università del futuro, Hakodate (2000), la cui filosofia di base, “Open Space, Open Mind”, si riflette negli spazi aperti di Yamamoto. Le aule, l'auditorium e la biblioteca sono rivestite con pareti di vetro e le aree comuni aperte appena fuori dalle stanze trasparenti sono posizionate su livelli sfalsati, incoraggiando studenti e insegnanti a lavorare in modo collaborativo.

A Stazione dei vigili del fuoco ovest di Hiroshima (2000), Yamamoto costruì la facciata, le pareti interne e i pavimenti in vetro e rese centrale l'atrio dove si allenano i vigili del fuoco, incoraggiando i passanti a guardare e interagire con coloro che proteggono la comunità.

Quando nel 2004 progettò Jian Wei Soho, nove torri residenziali e quattro piccoli uffici a est di piazza Tiananmen a Pechino, Yamamoto disse di aver resistito con successo agli sforzi del costruttore di rendere la comunità recintata. “Ho cercato di renderlo aperto alla città”, ha detto l'architetto.

Nel 2020, Yamamoto ha progettato Cerchio all'aeroporto di ZurigoSi tratta di un complesso indoor-outdoor di hotel, ristoranti e negozi caratterizzato da pareti di vetro, soffitti finestrati e sottili colonne di cemento.

Di solito, gli aeroporti “hanno solo negozi di souvenir, ma è completamente diverso”, ha detto Yamamoto nel 2016, aggiungendo che il suo complesso “non è dedicato all’aeroporto stesso”. La città progettata è destinata agli abitanti dell'area di Zurigo.

READ  Heinz vuole comprare una nuova barca per l'uomo che è sopravvissuto al ketchup quando si è perso in mare

Nato nel 1945 in Cina e formatosi in Giappone, Yamamoto aveva cinque anni quando perde il padre, ingegnere, e cerca di imitarne la professione, trovando infine la sua strada nell'architettura. All'età di 17 anni, ha visitato tempio di Kohfukuji, A Nara, uno dei santuari buddisti più famosi del Giappone, risalente al VII secolo. Lì rimase affascinato dal tempio a cinque piani che simboleggiava gli elementi di terra, acqua, fuoco, aria e spazio.

“Era molto buio, ma potevo vedere la torre di legno illuminata dalla luce della luna, e quello che ho trovato in quel momento è stata la mia prima esperienza di architettura”, ha detto nella biografia di Pritzker.

Nel 1968, Yamamoto si laureò alla Nihon University e tre anni dopo conseguì un Master of Arts in Architettura presso la Tokyo University of the Arts. Ha fondato il suo studio nel 1973.

Yamamoto è stato influenzato dal suo mentore, l'architetto Hiroshi Hara, progettista dell'Umeda Sky Building di Osaka, che presenta due torri collegate in alto da ponti di vetro ed è ora considerato un punto di riferimento. Yamamoto 2018 Progettazione vincente Il Taoyuan Museum of Art di Taiwan è costituito da due edifici con tetti spioventi verdi collegati da una passerella fuori terra.

]Ispirandosi alle teorie di Hannah Arendt, ha affermato la giuria del Pritzker, Yamamoto è impegnato “a credere che tutti gli spazi possano arricchire e servire le considerazioni dell'intera comunità, non solo di coloro che li occupano. Passare dall'edilizia unifamiliare all'edilizia sociale”. alloggi, come Progetto Hotakubo a Kumamoto (1991), con 16 blocchi residenziali disposti attorno ad una piazza centrale alberata. Il progetto era basato sulle tradizionali “machiya” giapponesi (case a schiera) e sulle “oikos” greche (famiglie), soluzioni abitative che promuovono il collettivismo.

READ  Gli sposi rompono il silenzio dopo che 10 dei loro ospiti sono morti in un incidente d'autobus: "Affrontare questa tragedia"

Ha continuato a creare progetti pubblici più grandi, ad es Biblioteca di Tientsin In Cina (2012), che ospita librerie in una griglia incrociata di travi a parete. Le aperture in pietra all'esterno riducono la polvere e creano trasparenza.

Yamamoto si è anche sforzato di restituire personalmente, collaborando con gli architetti Toyo Ito e Kazuyo Sejima nei soccorsi in caso di catastrofe. Alloggi comunitari In seguito al devastante terremoto e tsunami che colpì Tohoku nel 2011 e causò la fusione della centrale nucleare di Fukushima Daiichi. Nel 2018 ha istituito il Premio della Repubblica Locale per onorare i giovani architetti.

“Per qualche ragione, siamo educati ad accettare che un architetto debba essere sia buono che arrogante, il che ci porta all'errata convinzione che l'arroganza sia una condizione per la bontà”, ha affermato Graham MacKay, architetto e professore universitario. libri Sul suo blog “Misfits' Architecture” nel 2021. “Vorrei usare Rikken Yamamoto e la sua carriera per dimostrare che questo non è vero.”

Gli edifici di Yamamoto sono spesso composti da materiali basilari di uso quotidiano come alluminio, vetro, cemento e legno, e non attirano l'attenzione su di sé. Ma le loro priorità emergono forti e chiare. “La mia architettura ha un messaggio forte, che è quello di creare qualcosa in relazione ad altre persone”, ha detto Yamamoto.