Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ex vice di Ghosn si prepara a tornare negli Stati Uniti dopo la sospensione dell’attuazione

L'ex vice di Ghosn si prepara a tornare negli Stati Uniti dopo la sospensione dell'attuazione

Greg Kelly, ex CEO di Nissan Motor Co., entra nel tribunale distrettuale di Tokyo, a Tokyo, in Giappone, il 3 marzo 2022. Zhang Xiaoyu/Paul via Reuters

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

TOKYO (Reuters) – Giovedì un tribunale di Tokyo ha condannato a sei mesi di reclusione con sospensione l’ex CEO di Nissan Motor Co Greg Kelly per aver aiutato Carlos Ghosn a nascondere gli stipendi degli organizzatori, aprendo la strada al ritorno a casa dell’avvocato americano dopo più di tre anni . in Giappone.

“La corte ha ritenuto che avere salari non pagati” e non divulgare le informazioni equivalesse a “false segnalazioni”, ha detto il giudice capo Kenji Shimotsu, dicendo a Kelly che era responsabile di uno degli otto anni coperti dalle accuse.

“Sono scioccato dal verdetto”, ha detto Kelly in una dichiarazione dopo la sentenza. “La corte per lo più mi ha assolto, ma non capisco perché abbia detto che ero colpevole in uno degli anni”, ha aggiunto.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I suoi avvocati hanno detto che avrebbero impugnato la condanna, cosa che Kelly dovrebbe essere in grado di fare dagli Stati Uniti.

Con un’aspra critica ai pubblici ministeri, la sentenza ha incolpato Toshiaki Onuma, il funzionario Nissan che sovrintende al risarcimento, a cui è stata concessa l’immunità legale in cambio di una testimonianza che coinvolge Kelly.

“La dichiarazione di Onuma è rischiosa perché stava facendo dichiarazioni in linea con i desideri dei pubblici ministeri”, ha detto Shimotsu. “C’era il pericolo come partner che avrebbe cercato di trasferire la responsabilità a Ghosn”, ha aggiunto.

READ  Euro in procinto di rompere la parità, le azioni scendono di nuovo

La corte ha anche imposto una multa di 200 milioni di yen (1,73 milioni di dollari) a Nissan, che ha invocato all’inizio del processo 18 mesi fa, per il suo ruolo nella cattiva condotta finanziaria e nel prendere di mira i fallimenti della governance aziendale.

“La gestione sbagliata dell’azienda ha permesso a Ghosn di agire nel proprio interesse. Il grave danno alla reputazione sociale dell’azienda può essere descritto solo come una conseguenza delle conseguenze”, ha detto Shimotsu, descrivendo il mandato di Ghosn come una “dittatura”.

disegna una linea

Il verdetto a più di tre anni dall’arresto di Kelly insieme a Ghosn traccia una linea di demarcazione in un caso che ha minacciato di mettere a dura prova le relazioni tra Giappone e Stati Uniti, suo stretto alleato. Alcuni osservatori occidentali hanno criticato il sistema giudiziario giapponese per il trattamento riservato a Kelly.

I sospetti in Giappone non possono avere un avvocato presente durante l’interrogatorio e possono essere trattenuti per un massimo di tre settimane senza accusa e spesso in isolamento. E il 99% dei casi che vanno in giudizio finiscono con la condanna.

“Sebbene questi tre anni siano stati lunghi per la famiglia Kelly, questo capitolo è finito. Lui e Dee (sua moglie) possono iniziare il loro prossimo capitolo nel Tennessee”, ha dichiarato l’ambasciatore degli Stati Uniti in Giappone Rahm Emanuel in una nota.

Kelly ha testimoniato che la sua unica intenzione era quella di dare a Ghosn, che era anche l’amministratore delegato della Renault, un pacchetto di risarcimenti che lo avrebbe scoraggiato dal disertare per una casa automobilistica rivale.

Bill Hagerty, il senatore statunitense dello stato natale di Kelly, il Tennessee, ha detto che prevede di accogliere il suo elettore in aeroporto.

READ  I timori di recessione non possono frenare il boom delle materie prime

“Greg è stato esposto a circostanze a cui l’America aziendale non avrebbe mai potuto pensare”, ha detto Haggerty. Ha aggiunto che “Greg è innocente delle accuse contro di lui”.

Tuttavia, la sentenza del tribunale non significa porre fine ai problemi legali affrontati dall’ex capo della Nissan e dal suo partner dell’alleanza Renault SA. (RENA.PA)ma potrebbe essere il tribunale più vicino a Tokyo a pronunciarsi sulla colpevolezza di Ghosn.

Ghosn è diventato fuori dalla portata dei pubblici ministeri giapponesi dopo essere fuggito in Libano nel 2019 nascondendosi in una scatola su un jet privato. Non può partire senza rischiare l’arresto.

Oltre ad essere accusato di nascondere i suoi guadagni, Ghosn è anche accusato di arricchirsi a spese del suo datore di lavoro attraverso pagamenti di 5 milioni di dollari a una concessionaria di automobili del Medio Oriente e di trasferire temporaneamente le perdite di investimento personale sui libri contabili del suo ex datore di lavoro.

Ghosn ha negato tutte le accuse contro di lui.

(dollaro = 115.5900 yen)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Tim Kelly e Satoshi Sugiyama; Montaggio di Grant McCall, Michael Perry ed Emilia Sithole Mataris

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.