Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inflazione negli Stati Uniti rallenta mentre i prezzi al consumo scendono; Il mercato del lavoro è ancora teso

  • I prezzi al consumo sono scesi dello 0,1% a dicembre
  • L’IPC aumenta del 6,5% su base annua
  • L’IPC core sale dello 0,3%; Un aumento anno su anno del 5,7%
  • Le richieste settimanali di disoccupazione scendono di 1.000 a 205.000

WASHINGTON, 12 gennaio (Reuters) – I prezzi al consumo negli Stati Uniti sono scesi per la prima volta in più di 2 anni e mezzo a dicembre a causa del calo dei prezzi della benzina e degli autoveicoli, facendo sperare che l’inflazione sia ora su una costante tendenza al ribasso. Il mercato del lavoro è stretto.

Anche gli americani hanno avuto più sollievo al supermercato il mese scorso, con un rapporto del Dipartimento del lavoro di giovedì che mostra l’aumento mensile più lento dei prezzi dei generi alimentari da marzo 2021. Ma l’affitto era molto alto e le utenze costose.

Il raffreddamento dell’inflazione consentirà alla Federal Reserve di rallentare ulteriormente il ritmo dei suoi aumenti dei tassi di interesse il prossimo mese. La Federal Reserve statunitense è impegnata nel ciclo di rialzi dei tassi più rapido dagli anni ’80.

“Il picco dell’inflazione è alle nostre spalle, ma la domanda è quanto ripido sarà il ribasso”, ha detto Sung Won Son, professore di finanza ed economia alla Loyola Marymount University di Los Angeles. “Certamente, gli sforzi della banca centrale stanno cominciando a dare i suoi frutti, e dopo un po’, la terra promessa di un tasso di inflazione del 2% è qui per restare”.

L’indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,1% il mese scorso, il primo calo da maggio 2020, quando l’economia si stava riprendendo dalla prima ondata di casi di Covid-19. L’IPC è salito dello 0,1% a novembre.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto l’IPC invariato. L’IPC è stato inferiore alle aspettative per il terzo mese consecutivo, aumentando il potere d’acquisto dei consumatori e facendo sperare che l’economia eviterà una grave recessione quest’anno.

READ  Al draft i giocatori hanno passato la palla di Lamello, ma non se ne sono pentiti

“Il percorso attuale potrebbe fornire un atterraggio più morbido, un mercato del lavoro più forte e una posizione meno aggressiva da parte della Fed, ma solo il tempo lo dirà”, ha affermato James Bentley, direttore di Financial Markets Online.

I prezzi della benzina sono diminuiti del 9,4%, in calo del 2,0% a novembre. Ma i prezzi del gas naturale sono aumentati del 3,0% e dell’elettricità dell’1,0%.

I prezzi del cibo sono aumentati dello 0,3%, il più piccolo aumento in quasi due anni, dopo l’aumento dello 0,5% nel mese precedente. Il prezzo del cibo consumato a casa è aumentato dello 0,2%, il più basso da marzo 2021. I prezzi di frutta e verdura sono diminuiti, così come i prodotti lattiero-caseari, ma i prezzi di carne, pollame e pesce rimangono elevati. I prezzi delle uova sono aumentati dell’11,1% a causa dell’influenza aviaria.

Nei 12 mesi fino a dicembre, l’IPC è aumentato del 6,5%. Questo è stato il più piccolo aumento dall’ottobre 2021 e ha seguito un aumento del 7,1% a novembre. L’IPC annuo è salito al 9,1% a giugno, il maggiore aumento dal novembre 1981. L’inflazione è al di sopra dell’obiettivo del 2% della banca centrale.

Il presidente Joe Biden ha accolto con favore la tendenza dell’inflazione, affermando che “dà alle famiglie un vero respiro” e “la prova che il mio piano sta funzionando”.

Man mano che gli alti costi di indebitamento diminuiscono, la domanda diminuisce e le catene di approvvigionamento si allentano, riducendo le pressioni sui prezzi.

Lo scorso anno la banca centrale ha alzato il tasso ufficiale di 425 punti base, da quasi zero a un intervallo compreso tra il 4,25% e il 4,50%, il più alto dalla fine del 2007. A dicembre, ha previsto un aumento degli oneri finanziari di almeno 75 punti base entro la fine. L’anno è il 2023.

READ  Punteggio Cowboys at Rams: aggiornamenti in tempo reale, statistiche di gioco, highlights, streaming per la resa dei conti della settimana 5 NFC

L’IPC è salito dello 0,3% il mese scorso dopo l’aumento dello 0,2% di novembre, escludendo le componenti alimentari ed energetiche volatili. Nei 12 mesi fino a dicembre, il cosiddetto core CPI è salito del 5,7%. Questo è stato il guadagno più piccolo da dicembre 2021 e ha seguito un aumento del 6,0% a novembre.

Azioni scambiate in rialzo a Wall Street. Il dollaro è sceso contro un paniere di valute. I prezzi dei Treasury USA sono saliti.

Grafica Reuters

Deprezzamento delle merci

I prezzi di auto e camion usati sono scesi del 2,5%, registrando il loro sesto calo mensile. I nuovi veicoli a motore sono diminuiti dello 0,1%, il primo calo da gennaio 2021.

I prezzi delle materie prime core sono diminuiti dello 0,3%, un terzo mese consecutivo di ribassi. I prezzi dell’abbigliamento sono aumentati anche quando i rivenditori hanno offerto sconti per eliminare l’inventario in eccesso. I servizi, la componente più importante del paniere dell’IPC, sono aumentati dello 0,6% dopo lo 0,3% di novembre, quando la deflazione dei beni si è radicata.

I servizi principali esclusa l’energia sono aumentati dello 0,5% il mese scorso, in aumento dello 0,4% a novembre.

Sono guidati da affitti vischiosi. L’affitto equivalente dei proprietari, una misura di quanto i proprietari di case pagano in affitto o guadagnano dall’affitto della loro proprietà, è aumentato dello 0,8% dopo l’aumento dello 0,7% di novembre. Tuttavia, misure indipendenti suggeriscono che l’inflazione degli affitti si sta raffreddando.

Le misure di affitto nell’IPC lag misure indipendenti. La spesa sanitaria è aumentata dello 0,1% dopo due cali mensili consecutivi. Escludendo gli alloggi in affitto, l’inflazione dei servizi è salita dello 0,4% dopo essere rimasta invariata a novembre.

La moderazione dell’inflazione sarà accolta con favore dai banchieri centrali, anche se vorranno vedere ulteriori prove di allentamento delle pressioni sui prezzi prima di sospendere gli aumenti dei tassi.

READ  Soldato americano Sudy Mureksi liberato nello scambio di prigionieri tra Ucraina e Russia

Il costo del lavoro è pari a due terzi del CPI. Il mercato del lavoro rimane teso, con il tasso di disoccupazione al minimo degli ultimi cinque decenni del 3,5% a dicembre e 1,7 posti di lavoro per ogni disoccupato a novembre.

Un rapporto separato del Dipartimento del lavoro ha mostrato che le richieste iniziali di indennità di disoccupazione statale sono scese di 1.000 a 205.000 destagionalizzate nella settimana terminata il 7 gennaio.

Gli economisti avevano previsto 215.000 reclami nell’ultima settimana. Le richieste di risarcimento sono rimaste basse nonostante gli alti livelli di licenziamenti nel settore tecnologico e tagli di posti di lavoro in settori sensibili ai tassi di interesse come la finanza e l’edilizia abitativa.

Gli economisti affermano che le aziende sono ora riluttanti a mandare a casa i lavoratori dopo le difficoltà a trovarli durante la pandemia. Dic. Nella settimana terminata il 31, il numero di persone che hanno ricevuto sussidi è diminuito di 63.000 a 1,634 milioni dopo la settimana iniziale del sussidio.

Il governo ha annunciato la scorsa settimana che l’economia ha creato 223.000 posti di lavoro a dicembre, più del doppio dei 100.000 posti di lavoro che la banca centrale ritiene che l’inflazione stia raffreddando.

“Finché la domanda e l’offerta di lavoro mostreranno una migliore armonia, la Fed si preoccuperà che l’aumento dell’inflazione sia proprio dietro l’angolo”, ha affermato Will Combernoll, economista senior presso FHN Financial a New York.

Relazione di Lucia Muticani; Montaggio di Chisu Nomiyama e Andrea Ricci

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.