Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inviato di Israele come palle di neve nei ranghi dei “file del Kashmir”

L'inviato di Israele come palle di neve nei ranghi dei "file del Kashmir"

Nadav Lapid, un regista israeliano, è stato presidente della giuria all’International Film Festival of India.

Nuova Delhi:

L’ambasciatore israeliano in India oggi ha denunciato pubblicamente un regista del suo paese che ha definito “The Kashmir Files” una “propaganda” e un “film volgare” all’International Film Festival of India (IFFI) a Goa. L’inviato, Naor Gillon, si è anche scusato con l’India in una “lettera aperta” su Twitter, un giorno dopo che il regista Nadav Lapid, che presiede la giuria del festival, ha criticato il film ieri alla cerimonia di chiusura del festival.

The Kashmir Files, diretto da Vivek Agnihotri, parla dell’esodo e dell’uccisione di Pandit del Kashmir dalla valle del Kashmir nel 1990. Ha suscitato polemiche sin dalla sua uscita a marzo, con molti che lo descrivono come un ritratto toccante di un periodo tragico. I critici affermano che è sciolto con i fatti.

“Una lettera aperta a #NadavLapid dopo le sue critiche a #KashmirFiles. Non è in ebraico perché volevo che i nostri fratelli e sorelle indiani fossero in grado di capire. È anche relativamente lungo, quindi ti darò prima la linea di fondo. Dovresti essere vergognoso. Ecco perché “, ha twittato Lapid questa mattina.

Gillon ha detto che Lapid ha abusato dell’invito dell’India alla giuria “nel peggiore dei modi”.

“Nella cultura indiana, dicono che un ospite è come Dio. Hai violato nel peggiore dei modi l’invito dell’India a presiedere la giuria dell’IFFIGoa, nonché la fiducia, il rispetto e l’ospitalità che ti hanno concesso”, ha aggiunto.

READ  Celine Dion condivide una rara istantanea dei suoi tre figli in un sincero tributo alla festa della mamma

E Nadav Lapid ha detto ieri che la giuria del festival del cinema è stata “turbata e scioccata” dal film “The Kashmir Files”. “Abbiamo ritenuto che questo fosse un film di propaganda, un cliché, inadatto a una sezione competitiva artistica di un festival cinematografico così prestigioso”, ha detto. Di fronte a un contraccolpo di critiche, la giuria ha preso le distanze dalle sue osservazioni, definendole la sua “opinione personale”.

L’inviato israeliano ha detto che i suoi connazionali dovrebbero essere umili perché gli indiani consumano molti contenuti israeliani, inclusa la serie TV Fauda. Ha detto: “Non sono un esperto di film, ma so che è insensibile e presuntuoso parlare di eventi storici prima di studiarli a fondo, il che è una ferita aperta in India perché molti partecipanti sono ancora lì e stanno ancora pagando il prezzo», disse. In un lungo tweet.

Gillon ha detto di essere “profondamente ferito” nel vedere le reazioni in India secondo cui Lapid era sospettoso di “Schindler’s List”, un film basato sull’Olocausto.

“Condanno categoricamente tali osservazioni. Non c’è alcuna giustificazione. Mostra la delicatezza della questione del Kashmir qui”, ha detto l’inviato. “Dalla tua intervista a Ynet, la connessione tra le tue critiche a #KashmirFiles e la tua antipatia per ciò che sta accadendo nella politica israeliana è abbastanza chiara”.

Gilon ha detto nei suoi tweet diretti a Lapid che i rapporti tra India e Israele sono molto forti e sopporteranno il “danno” causato dalle sue dichiarazioni.

“Come essere umano, mi vergogno e voglio scusarmi con i nostri ospiti per il modo povero in cui li abbiamo ripagati per la loro generosità e amicizia”, ​​ha detto l’inviato.

Il leader del BJP Khushboo ha ringraziato Sundar Gelon e ha detto che le sue parole sono state un “balsamo di conforto”. Ha detto: “Il dolore e il trauma rappresentati nel film non sono una dimostrazione di una storia distorta, ma ciò che i critici di Casmiri hanno già attraversato”.

READ  Adam Levine e sua moglie Behati Prinsloo mostrano il fronte unito dopo aver barato lo scandalo