Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Iran afferma che i giornalisti sono stati accusati dopo che la BBC aveva riferito dell'uccisione di manifestanti

L'Iran afferma che i giornalisti sono stati accusati dopo che la BBC aveva riferito dell'uccisione di manifestanti

Fonte immagine, Atash Shukrami

Commenta la foto, La famiglia di Nika Chakarami ha respinto le accuse dei funzionari secondo cui la donna si sarebbe uccisa

  • autore, David Gretten
  • Ruolo, notizie della BBC

La magistratura iraniana ha sporto denuncia contro “un certo numero di giornalisti e attivisti” dopo aver pubblicato un rapporto della BBC in cui si sosteneva che uomini che lavoravano nelle forze di sicurezza avrebbero aggredito sessualmente e ucciso una manifestante di 16 anni.

L'agenzia di stampa Mizan, gestita dalla magistratura, ha descritto l'indagine della BBC sulla morte di Nika Chakarami nel 2022 come “spuria, errata e piena di errori”.

Non è stata identificata l’identità delle persone convocate per il presunto “disturbo della sicurezza psicologica della società”.

Ma due giornalisti iraniani che hanno commentato la notizia online hanno affermato che la pubblica accusa aveva aperto un caso contro di loro.

Uno di loro, Mohammad Parsi, ha scritto su Twitter/X che la procura di Teheran lo ha convocato per aver pubblicato “un articolo su Nika Shakarami e i dettagli del suo omicidio”.

Quanto alla seconda, Marzia Mahmoudi, ha detto: “Non si conoscono né le accuse né i dettagli”.

Mercoledì il ministro degli Interni Ahmed Wahidi ha respinto i risultati dell'indagine della BBC e l'ha descritta come una cospirazione dei nemici dell'Iran, diventando il primo funzionario a commentare pubblicamente.

I media statali hanno citato il ministro che avrebbe detto ai giornalisti fuori dalla riunione del gabinetto: “I nemici e i loro media hanno fatto ricorso a rapporti falsi e irreali per effettuare operazioni psicologiche”.

Non c'è stato alcun commento immediato da parte della BBC News sulle dichiarazioni di Vahidi e della magistratura.

Nika Chakarami è diventata un simbolo del movimento di protesta “Donne, Vita, Libertà” che ha scosso la Repubblica Islamica due anni fa.

Le proteste sono scoppiate in risposta alla morte in custodia, il 16 settembre 2022, di Mahsa Amini, una donna di 22 anni che era stata arrestata dalla polizia morale della capitale per aver presumibilmente indossato il suo hijab “in modo inappropriato”.

Il 20 settembre 2022, Nika è stata fotografata durante una protesta a Teheran mentre dava fuoco al suo hijab, mentre altri manifestanti cantavano “Morte al dittatore” – un riferimento al leader supremo Ayatollah Ali Khamenei.

È scomparsa quella sera dopo aver detto a un amico che le forze di sicurezza la stavano cercando.

La sua famiglia alla fine trovò il suo corpo all'obitorio più di una settimana dopo. Hanno affermato che era morta per colpi alla testa e hanno respinto le affermazioni dei funzionari secondo cui si sarebbe uccisa gettandosi dal tetto di un edificio.

L'indagine della BBC, pubblicata lunedì, si basava su quello che si ritiene essere un documento interno trapelato che riassume un'udienza sul caso Nika tenuta dal Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica.

Secondo il documento, l’adolescente è stato arrestato da membri di un gruppo paramilitare schierato dalla Guardia rivoluzionaria iraniana come squadra segreta per monitorare le proteste a Teheran quel giorno.

  • Uno degli uomini l'ha molestata mentre era seduto su di lei
  • Anche se era ammanettata e legata, ha resistito scalciando e imprecando
  • Ha confessato che questo ha spinto gli uomini a picchiarla a morte
  • Un ufficiale della Guardia rivoluzionaria iraniana ha ordinato agli uomini di gettare il suo corpo in strada

Il rapporto della BBC riconosce l'esistenza di numerosi documenti ufficiali iraniani falsi in circolazione, ma afferma: “Indagini approfondite indicano che i documenti che abbiamo ottenuto raccontano i recenti movimenti dell'adolescente”.

La BBC ha presentato queste accuse anche alla Guardia rivoluzionaria iraniana e al governo iraniano prima di pubblicarle, ma loro non hanno risposto.