Novembre 30, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo chiamano “The Pit”: gli ucraini descrivono gli orrori dell’occupazione di Kherson

Lo chiamano "The Pit": gli ucraini descrivono gli orrori dell'occupazione di Kherson
  • I residenti hanno descritto la detenzione, la tortura e la morte a Kherson
  • I nove mesi di occupazione si sono conclusi venerdì con la ritirata dei russi
  • Tra i detenuti c’erano sospetti combattenti della resistenza
  • La Russia nega il maltrattamento dei detenuti
  • I funzionari delle Nazioni Unite affermano che entrambe le parti hanno maltrattato i prigionieri di guerra

KHERSON, Ucraina (Reuters) – I residenti della città di Kherson, nel sud dell’Ucraina, chiamano la stazione di polizia a due piani “The Pit”. Vitaly Serdyuk, un pensionato, ha detto di essere stato fortunato a essere riuscito a sopravvivere.

“Ho resistito”, ha detto il riparatore di attrezzature mediche in pensione, raccontando il suo calvario mentre era detenuto in una prigione russa a due isolati di distanza, dove lui e sua moglie vivono in un piccolo appartamento di epoca sovietica.

L’edificio della polizia con il tetto verde al numero 3 di Power Workers Street era il più noto dei tanti luoghi in cui, secondo più di una mezza dozzina di abitanti della città riconquistata di recente, le persone sono state interrogate e torturate durante i nove mesi di occupazione. . Un altro era una grande prigione.

Due residenti che vivono in un condominio che si affaccia sul cortile della stazione di polizia hanno detto di aver visto corpi avvolti in lenzuola bianche rimossi dall’edificio, immagazzinati in un garage e successivamente scaricati in camion della spazzatura per essere portati via.

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente tutti gli eventi descritti dai residenti di Kherson.

Il Cremlino e il ministero della Difesa russo non hanno risposto immediatamente alle domande sul conto di Serdyuk o su quello di altri con cui Reuters ha parlato a Kherson.

Mosca ha respinto le accuse di abusi contro civili e soldati e ha accusato l’Ucraina di aver commesso tali abusi in luoghi come Bucha.

L’ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato martedì di aver trovato prove che entrambe le parti hanno torturato prigionieri di guerra, che la Corte penale internazionale classifica come crimine di guerra. Un funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che gli abusi russi sono stati “in qualche modo sistematici”.

Mentre le forze di sicurezza russe si ritirano dalle zone del nord, dell’est e del sud, aumentano le prove di abusi.

Tra le persone detenute a Kherson c’erano persone che avevano espresso opposizione all’occupazione russa, residenti, come Serdyuk, che si credeva avesse informazioni sulle posizioni dei soldati nemici, nonché sospetti combattenti della resistenza clandestina e loro associati.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Serdyuk ha detto di essere stato picchiato sulle gambe, sulla schiena e sul busto con un manganello e colpito con elettrodi attaccati allo scroto da un ufficiale russo che ha chiesto di conoscere la posizione e l’unità di suo figlio, un soldato dell’esercito ucraino.

“Non gli ho detto niente. La mia unica risposta è stata ‘non lo so'”, ha detto il 65enne nel suo appartamento illuminato da una sola candela.

‘ricordare! ricordare! ricordare!’ è stata la risposta insistente”.

“puro puro”

I cupi ricordi della vita sotto occupazione a Kherson sono stati seguiti da gioia selvaggia e sollievo quando i soldati ucraini hanno ripreso la città venerdì dopo che le forze russe si sono ritirate attraverso il fiume Dnipro.

Il presidente Volodymyr Zelensky ha dichiarato due giorni dopo che gli investigatori avevano scoperto più di 400 crimini di guerra russi e trovato i corpi di soldati e civili nelle aree della regione di Kherson liberate dall’occupazione russa.

“Ho visto personalmente cinque cadaveri spostati”, ha detto Oula, 20 anni, che vive in un condominio che si affaccia sulla stazione di polizia, rifiutandosi di dare il suo cognome. “Potevamo vedere le nostre mani penzolare dalle lenzuola e abbiamo capito che erano cadaveri”.

Parlando separatamente, anche Svetlana Pestanek, 41 anni, che vive nello stesso edificio e lavora in un minimarket tra l’edificio e la stazione, ha ricordato di aver visto prigionieri che trasportavano cadaveri.

“Portavano fuori i morti e li scaricavano su un camion con la spazzatura”, ha detto, descrivendo la puzza di cadaveri in decomposizione nell’aria. “Stavamo assistendo al sadismo nella sua forma più pura”.

I giornalisti di Reuters hanno visitato la stazione di polizia martedì, ma agenti di polizia armati e un soldato hanno impedito loro di lasciare il cortile, che è circondato da un muro di filo spinato, e hanno detto che gli investigatori erano all’interno per raccogliere prove.

Un agente, che ha rifiutato di rivelare il suo nome, ha affermato che fino a 12 detenuti erano tenuti in piccole gabbie, un resoconto confermato da Cerdiuc.

I vicini hanno raccontato di aver sentito le urla di uomini e donne provenire dalla stazione e hanno detto che ogni volta che apparivano i russi, indossavano maschere che nascondevano tutto tranne i loro occhi.

READ  I piani di Rishi Sunak per limitare gli studenti stranieri al controllo dell'immigrazione: relazione

“Sono venuti al negozio ogni giorno”, ha detto il tuo giardiniere. “Ho deciso di non parlare con loro. Avevo molta paura di loro.”

Combattenti della Resistenza

Alyona Lapchuk ha detto che lei e suo figlio maggiore sono fuggiti da Kherson ad aprile dopo un terribile calvario per mano del personale di sicurezza russo il 27 marzo, l’ultima volta che ha visto suo marito, Vitaly.

Vitaly era stato un combattente della resistenza sotterranea da quando le forze russe hanno catturato Kherson il 2 marzo, secondo Lapchuk, ed è diventato ansioso quando non ha risposto alle sue telefonate.

Poco dopo, ha detto, tre macchine con un segno russo “Z” si sono fermate a casa di sua madre dove vivevano. E hanno portato Vitaly, che è stato picchiato duramente.

I soldati, che si sono identificati come soldati russi, hanno minacciato di romperle i denti quando lei ha cercato di rimproverarli. Hanno confiscato i loro telefoni cellulari e computer portatili, ha detto, e poi hanno scoperto delle armi nel seminterrato.

Hanno brutalmente picchiato il marito nel seminterrato prima di trascinarlo fuori.

“Non è uscito dalla cantina, l’hanno trascinato fuori. Gli hanno rotto lo zigomo”, ha detto singhiozzando nel villaggio di Krasny, 100 km a ovest di Kherson.

Ha detto che Lapchuk e suo figlio maggiore, Andrey, sono stati coperti e portati alla stazione di polizia in 4, Lutheran Street, a Kherson, dove ha sentito suo marito interrogato attraverso un muro. Lei e Andre vengono successivamente rilasciati.

Dopo aver lasciato Kherson, Labchuk ha scritto a tutti quelli a cui poteva pensare per cercare di trovare suo marito.

Il 9 giugno, ha detto di aver ricevuto una lettera da un patologo che le diceva di chiamare il giorno successivo. Ho capito subito che Vitaly era morto.

Il suo corpo è stato trovato galleggiante in un fiume, ha detto, mostrando foto scattate da un patologo in cui si può vedere una voglia sulla sua spalla.

Lapchuk ha detto di aver pagato per la sepoltura di Vitaly e deve ancora vedere la tomba.

READ  Giappone: isole contese "occupate illegalmente dalla Russia"

È convinta che suo marito sia stato tradito da qualcuno a loro molto vicino.

‘buco’

Ruslan, 52 anni, che gestisce una birreria di fronte alla stazione di polizia dove era detenuto Serdyuk, ha detto che all’inizio dell’occupazione, i camion Ural di fabbricazione russa parcheggiavano quotidianamente davanti alla porta grigia.

Ha detto che i detenuti sarebbero stati lanciati da dietro, con le mani legate e le borse che coprivano la testa.

“Questo posto si chiamava Yama (il buco)”, ha detto.

Serhiy Polako, 48 anni, un commerciante che vive dall’altra parte della strada rispetto alla stazione, ha fatto eco al racconto di Ruslan.

Dopo diverse settimane di occupazione, ha detto, le truppe della Guardia nazionale russa dispiegate sul sito sono state sostituite da uomini alla guida di auto con la lettera “V”, ed è stato allora che sono iniziate le urla.

Ha detto: “Se c’è l’inferno sulla terra, allora lo è”.

Circa due settimane fa, ha detto, i russi hanno rilasciato quelli detenuti nella stazione, apparentemente in preparazione del loro ritiro.

“Improvvisamente hanno svuotato il locale e abbiamo capito che stava succedendo qualcosa”, ha detto a Reuters.

Serdyuk crede di essere stato tradito da un informatore come il padre di un soldato ucraino.

Ha detto che il personale di sicurezza russo lo ha ammanettato, gli ha messo un sacco in testa, lo ha costretto a piegarsi in vita e lo ha fatto salire su un’auto.

Alla stazione, è stato tenuto in una cella così angusta che i passeggeri non potevano muoversi stando sdraiati. In alcuni giorni, i prigionieri ricevevano solo un pasto.

Il giorno successivo, è stato coperto, ammanettato e portato in una stanza nel seminterrato. Ha detto che l’interrogatorio e la tortura sono durati circa 90 minuti.

Serdyuk ha detto che l’interrogatore russo conosceva tutti i dettagli suoi e della sua famiglia, e ha detto che se non avesse collaborato, sua moglie sarebbe stata arrestata e suo figlio chiamato in modo che potesse sentirli entrambi urlare sotto tortura.

Due giorni dopo, è stato rilasciato senza spiegazioni. Sua moglie lo trova fuori dal negozio dove lavora il tuo giardiniere, praticamente incapace di camminare.

Tom Palmforth segnalato da Krasin, Ucraina. Montaggio di Mike Collett-White e Philippa Fletcher

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.