Maggio 22, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’RNA di base nei campioni di asteroidi suggerisce le origini della vita sulla Terra: uno studio

L’RNA di base nei campioni di asteroidi suggerisce le origini della vita sulla Terra: uno studio

Gli scienziati hanno scoperto il composto chimico uracile, uno dei mattoni dell’RNA, in soli 10 milligrammi di materiale dell’asteroide Ryugu, secondo una nuova ricerca pubblicata martedì.

La scoperta dà peso a una teoria di lunga data secondo cui la vita sulla Terra potrebbe essersi originata dallo spazio quando gli asteroidi che trasportavano elementi elementari si sono scontrati con il nostro pianeta.

Questa è una delle ultime ricerche da un’analisi di 5,4 grammi di roccia e polvere raccolti dalla sonda Hayabusa-2 dall’asteroide Ryugu.

Hayabusa-2 è stato lanciato nel 2014 ed è tornato nell’orbita terrestre alla fine del 2020 con una capsula contenente un campione di asteroide.

Il prezioso carico utile è stato suddiviso tra team di ricerca internazionali e ha già prodotto diverse intuizioni, tra cui il fatto che alcuni dei mattoni della vita, gli amminoacidi, potrebbero essersi formati nello spazio.

Tra i campioni è stata trovata la prima goccia d’acqua mai scoperta su un asteroide vicino alla Terra.

La nuova ricerca, pubblicata martedì sulla rivista Nature Communications, ha cercato un’altra base per la vita: le basi nucleari dell’RNA.

Mentre il DNA, la famosa doppia elica, funge da modello genetico, l’RNA a singolo filamento è un messaggero molto importante, trasformando le istruzioni contenute nel DNA per l’esecuzione.

Come il DNA, è costituito da basi: adenina, guanina, citosina e uracile.

Gli scienziati hanno precedentemente trovato alcune o tutte queste basi in vari asteroidi che sono atterrati sulla Terra come meteoriti. Tuttavia, non potevano essere sicuri che le sostanze chimiche provenissero dallo spazio o fossero contaminate al momento dell’atterraggio.

“Poiché ogni meteorite è atterrato sulla superficie terrestre dove i microrganismi sono onnipresenti ovunque, rende sempre più complicato spiegare l’origine di queste molecole biologicamente importanti nei meteoriti”, ha affermato Yasuhiro Ohba, assistente professore all’Università di Hokkaido e autore. dalla ricerca.

READ  Orion vola via dalla Luna, restituendo istantaneamente un'immagine iconica

Come preparare il caffè

Ohba ha affermato che testare i campioni di Ryugu è stato un processo in più fasi che è iniziato mettendoli in acqua calda, proprio come “preparare caffè o tè”.

L’acido è stato quindi applicato per estrarre le particelle, che sono state analizzate da strumenti altamente sensibili in grado di rilevare le quantità esatte di uracile presenti.

La scoperta fornisce “una forte prova che un componente dell’RNA è stato fornito alla Terra anche prima dell’emergere della vita”, ha detto Ohba ad AFP.

“Ci aspettiamo che svolga un ruolo nell’evoluzione dei prebiotici e forse nell’emergere della prima vita”, ha affermato.

Le altre basi di RNA non sono state trovate nel campione, anche se Ohba ritiene che potrebbero essere presenti a livelli troppo bassi per essere rilevati con il metodo utilizzato per trovare l’uracile.

Spera di analizzare nuovi campioni raccolti dallo spazio nei prossimi anni, incluso il materiale Osiris-REx dall’asteroide Bennu, che dovrebbe arrivare quest’anno.

Yoshinori Takano, uno scienziato dell’Agenzia giapponese per la geoscienza e la tecnologia marina e autore del documento Ryugu, ha affermato di attendere con impazienza il Mars Lunar Exploration Project, che dovrebbe essere lanciato dal Giappone il prossimo anno e tornare intorno al 2029.

Raccoglierà campioni da Phobos, una delle lune di Marte.

“Sono sicuro che i chimici organici terranno d’occhio questo evento per i prossimi 10 anni”, ha affermato Takano.