Dicembre 5, 2021

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mark Meadows non è apparso di persona per testimoniare davanti al comitato del 6 gennaio

Il personale del comitato si preparò a procedere con l’intervista e attese in una stanza a Capitol Hill con lo stenografo, ma iniziò a lasciare la stanza nove minuti dopo la scadenza.

Il panel non ha commentato l’assenza di Meadows e il suo avvocato non ha risposto a una richiesta di commento dopo il deposito programmato.

In vista del voto previsto venerdì mattina, l’avvocato di Meadows, George J. Derwilliger III ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che non collaborerà con il suo gruppo di clienti fino a quando i tribunali non decideranno sull’ex presidente Donald Trump. Richieste di diritti esecutivi, “Un forte contenzioso legale con il Comitato.”

“I problemi riguardano il fatto che il signor Meadows possa essere costretto a testimoniare e, se può, essere costretto a rispondere a domande che coinvolgono comunicazioni privilegiate”, ha detto Dervilliger. “Le controversie legali vengono adeguatamente risolte dai tribunali. È irresponsabile per il signor Meadows risolvere in anticipo tale controversia rinunciando volontariamente alle concessioni al centro di tali questioni legali”.

Derwilliger ha aggiunto: “Non importa quanto sia importante la sostanza del lavoro del comitato, i casi di decenni sui privilegi amministrativi mostrano quanto sia importante per gli oppositori politici al Congresso cercare poi senza paura consigli e consigli. Rimuovere lo scudo di segretezza che protegge l’onestà in quelle comunicazioni .”

Fissando ufficialmente una scadenza per il mancato rispetto di Meadows, il panel ha ufficialmente preso provvedimenti per deferire Meadows alla magistratura per aver insultato il Congresso.

Benny Thompson, un presidente del comitato democratico del Mississippi, ha programmato il voto di venerdì sera nel tentativo di forzare il consenso di Meadows.

READ  Aggiornamenti e notizie di Astros contro i Red Sox

“Il comitato di selezione vedrà l’incapacità di Mr. Meadows di comparire sul deposito e preparare un documento reattivo o un record di privilegio che indichi la base specifica per trattenere qualsiasi documento che si ritiene sia intenzionalmente protetto da privilegi”, ha scritto Thompson. Giovedì prima del deposito previsto.

Thompson ha continuato: “Tale deliberata non conformità con Sapona costringerà il comitato ristretto a considerare di insultare le pratiche del Congresso … che potrebbe essere raccomandato al Dipartimento di Giustizia dalla Camera dei Rappresentanti per accuse penali – così come la possibilità di intraprendere un’azione civile contro il signor Meadows a titolo personale”.

Giovedì scorso, il vice consigliere della Casa Bianca Jonathan Sue ha scritto all’avvocato di Meadows, informandolo della decisione di Biden, citando ancora “le circostanze uniche e straordinarie in cui il Congresso sta indagando sui tentativi di impedire il trasferimento legale del potere ai sensi della nostra Costituzione”.

“Biden ha già deciso che gli eventi alla Casa Bianca il 6 gennaio 2021, compreso il tentativo di utilizzare la magistratura per presentare una storia falsa, non si applicano ai privilegi amministrativi nell’ambito del panel. Le elezioni del 2020 sono state segnate da brogli diffusi. ; Altri tentativi per prevenirlo.”

Prima il Washington Post Suwin ha riportato la lettera.

Meadows è stato sabotato a settembre, dopo di che il panel ha indicato che era “impegnato” in trattative sulla modifica dei documenti e sui termini della sua comparsa in una confessione.

6 gennaio Questa è una grande settimana per il processo

Ma poche settimane dopo che il gruppo ha dato a Meadows una scadenza iniziale “breve” ma indefinitamente posticipata, i membri sono sempre più frustrati e si chiedono quando e come aumentare la pressione.

READ  Il dollaro brillava per i timori che le azioni asiatiche sarebbero crollate e l'inflazione sarebbe esplosa

Il gruppo è destinato a seguire lo stesso percorso dell’alleato di Trump Steve Bonan. Dopo aver chiarito fin dall’inizio che non aveva intenzione di collaborare con il gruppo, Bonan ora deve affrontare una possibile causa per violazione della sua soap.

Martedì, il panel ha cercato di saperne di più sui suoi sforzi per mantenere i contatti con due ex funzionari della Casa Bianca che hanno lavorato a stretto contatto con Meadows con altri coinvolti nelle indagini: funzionari elettorali in Georgia, organizzatori degli eventi del 6 gennaio e organi giudiziari di alto livello funzionari.

La storia è stata aggiornata venerdì con ulteriori miglioramenti.