Giugno 24, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliaia di persone protestano ad Atene dopo l’incidente ferroviario in Grecia

Migliaia di persone protestano ad Atene dopo l’incidente ferroviario in Grecia

ATENE, 5 marzo (Reuters) – Un breve scontro tra la polizia e un gruppo di manifestanti è scoppiato domenica nel centro di Atene, sull’orlo di una protesta di migliaia di studenti e ferrovieri per il peggior incidente ferroviario della Grecia.

Un piccolo gruppo di manifestanti ha lanciato molotov contro la polizia, che ha risposto con gas lacrimogeni e granate assordanti. I manifestanti si sono poi dispersi nelle strade vicine.

Martedì un treno passeggeri che trasportava più di 350 passeggeri si è scontrato con un treno merci sulla stessa linea nella Grecia centrale, uccidendo almeno 57 persone e ferendone decine.

Dopo tre giorni di proteste a livello nazionale, circa 10.000 studenti, ferrovieri e gruppi affiliati a partiti di sinistra si sono riuniti domenica in piazza Atene per esprimere cordoglio per le vite perse e chiedere migliori standard di sicurezza sulla rete ferroviaria.

“Quel crimine non può essere dimenticato”, hanno detto i manifestanti, lanciando palloncini neri nel cielo. “Le loro politiche costano vite umane”, si legge su un cartello.

Ultimi aggiornamenti

Guarda altre 2 storie

Il treno da Atene alla città settentrionale di Salonicco era pieno di studenti universitari che tornavano dopo una lunga vacanza. Il disastro ha provocato uno sfogo di rabbia, oltre a una forte attenzione agli standard di sicurezza.

I lavoratori delle ferrovie, che hanno anche perso dei colleghi nell’incidente, hanno inscenato scioperi a rotazione da mercoledì per protestare contro il taglio dei costi e il sottoinvestimento nelle infrastrutture ferroviarie, retaggio della paralizzante crisi del debito della Grecia dal 2010 al 2018.

Il governo del primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha incolpato l’errore umano per l’incidente. Tuttavia, domenica Mitsotakis ha affermato che l’errore umano non dovrebbe deviare la responsabilità per la rete ferroviaria a lungo sofferente.

“Come presidente del Consiglio lo devo a tutti, ma chiedo scusa a tutti i parenti delle vittime”, ha scritto su Facebook. “La giustizia indagherà rapidamente sulla tragedia e determinerà le responsabilità”.

Un capostazione nella vicina città di Larissa, che era in servizio al momento dell’incidente, è stato accusato questa settimana di pericolo di vita e ostruzione dei trasporti pubblici.

Il capostazione, che non può essere nominato ai sensi della legge greca, è comparso sabato davanti a un magistrato dopo che il suo avvocato aveva chiesto più tempo per rispondere alle accuse a seguito di nuove informazioni sul caso. Quelle attività erano in corso.

I sindacati dei dipendenti delle ferrovie affermano che i sistemi di sicurezza in tutta la rete ferroviaria sono carenti da anni poiché i sistemi di monitoraggio e segnalazione a distanza non sono stati forniti in tempo. Hanno invitato il governo a fornire un calendario per l’attuazione dei protocolli di sicurezza.

Mitsotakis ha detto domenica che se ci fosse stato un sistema remoto in tutta la rete ferroviaria, “praticamente, l’incidente non si sarebbe verificato”.

La Grecia annuncerà presto la mossa, ha detto, aggiungendo che Atene si rivolgerà alla Commissione europea e ad altri paesi per specializzarsi nel miglioramento della sicurezza ferroviaria.

Papa Francesco ha detto domenica che i suoi pensieri erano con le vittime dell’incidente. “Prego per i defunti, sono vicino ai feriti e ai loro familiari, e la Madonna li consoli”, ha detto nel suo discorso settimanale in piazza San Pietro a Roma.

READ  Il giudice nega l'offerta dei golfisti LIV per giocare nei playoff della PGA Tour FedEx Cup

(Questa storia è stata corretta per chiarire che la polizia ha usato granate stordenti, non granate, nel paragrafo 2)

Reportage di Alkis Konstantinidis e Stelios Misinas, reportage aggiuntivo di Angelo Amante a Roma, testi di Angeliki Goutandou Montaggio di Francis Kerry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.