Febbraio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ministero degli Affari Esteri: I paesi arabi coopereranno con gli Stati Uniti riguardo a Gaza se Israele si unirà ad esso

Ministero degli Affari Esteri: I paesi arabi coopereranno con gli Stati Uniti riguardo a Gaza se Israele si unirà ad esso

Il segretario di Stato Antony Blinken è tornato da un viaggio di sette giorni in Medio Oriente, dove ha visitato nove paesi per discutere della guerra in corso tra Israele e Hamas e dei conflitti che minacciano una guerra regionale più ampia.

Secondo il suo portavoce, Matt Miller, i paesi arabi sono disposti a collaborare con gli Stati Uniti su soluzioni a breve e lungo termine per i palestinesi di Gaza, ma solo se Israele è disposto ad aderirvi.

“Abbiamo viaggiato in nove paesi e incontrato i leader di ciascuno di essi, e siamo stati in grado di garantire accordi con tutti questi partner arabi, così come con la Turchia, che erano disposti ad avere quei colloqui, ed erano disposti ad avere quei discorsi.” Coordinamento con gli Stati Uniti e siamo pronti a compiere passi concreti per migliorare la vita del popolo palestinese a Gaza e a considerare come ricostruire Gaza e stabilire un governo a guida palestinese a Gaza”. Miller ha detto venerdì ad Andrea Mitchell di MSNBC.

Miller ha continuato: “Ma sarebbero disposti a farlo solo se avessero un partner dall’altra parte in Israele e se Israele fosse pronto a compiere passi concreti per creare uno stato palestinese indipendente”.

Blinken si è recato in Turchia, Grecia, Giordania, Qatar, Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Israele, Egitto e Cisgiordania per continuare le discussioni diplomatiche mentre aumentano le tensioni nella regione per la guerra tra Israele e Hamas.

L'ultimo viaggio è stata la quarta visita di Blinken nella regione da quando Hamas ha invaso Israele il 7 ottobre con un attacco a sorpresa che ha ucciso 1.200 israeliani e preso più di 200 in ostaggio. Nei mesi successivi, Israele lanciò un contrattacco mortale e devastante che uccise più di 23.000 palestinesi e costrinse alla fuga quasi l’intera popolazione della regione.

READ  Nave giapponese scomparsa: ritrovate nove persone, dice la Guardia Costiera

Miller ha detto che durante l’ultimo viaggio “c’era già una differenza” perché i partner arabi con cui hanno parlato dopo gli attacchi iniziali non erano disposti a discutere di ricostruzione, sicurezza e governance a Gaza, ma ora lo sono.

Secondo quanto riferito, Blinken ha avuto una “conversazione molto franca” con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e altri funzionari del governo israeliano sui partner che il paese otterrebbe nel mondo arabo se accettasse il futuro di Gaza.

“Ma guardate, ci vorranno scelte difficili, e non solo scelte difficili da parte dei partner arabi nella regione, ma scelte davvero difficili da parte di Israele”, ha detto Miller. “Quindi gli Stati Uniti non possono fare scelte difficili per Israele. Non possiamo fare scelte difficili per nessuno di questi paesi”.

Miller ha affermato che gli Stati Uniti intendono svolgere un ruolo di leadership nel presentare la propria visione per la ricostruzione di Gaza, e che Blinken “continuerà a dare risultati” e “manterrà alta la pressione” nei prossimi viaggi nella regione nelle prossime settimane e mesi.

Copyright 2023 Nexstar Media Inc. tutti i diritti sono salvi. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.