Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Mosca si impegna a rispondere all'adesione della Svezia alla NATO

Mosca si impegna a rispondere all'adesione della Svezia alla NATO

Il Ministero degli Esteri russo ha annunciato che la Russia adotterà misure contro la Svezia dopo la sua adesione all'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO). Egli ha detto Mercoledì.

Lunedì la Svezia ha superato l’ultimo ostacolo per diventare il 32esimo membro dell’alleanza militare guidata dagli Stati Uniti, dopo che l’Ungheria, l’ultimo ostacolo nei negoziati di adesione, ha ratificato l’adesione del paese del nord Europa.

Stoccolma ha abbandonato anni di non allineamento militare quando ha presentato domanda di adesione alla NATO insieme alla Finlandia in seguito all’invasione su larga scala dell’Ucraina da parte della Russia.

“Monitoreremo da vicino ciò che fa la Svezia nell'aggressivo blocco militare e come implementerà nella pratica la sua adesione”, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in una conferenza stampa settimanale.

Ha detto che la ritorsione “militare e tecnica” di Mosca dipenderà dal tipo di armi e unità della NATO che la Svezia schiera, nonché dai tipi di addestramento e strategie che adotta come membro dell’alleanza militare.

“Sulla base di ciò, svilupperemo la nostra politica di risposta, nonché misure militari e tecniche per fermare le minacce alla sicurezza nazionale russa”, ha aggiunto Zakharova.

La sua dichiarazione fa eco all'ambasciata russa a Stoccolma, che alla cautela Martedì scorso, aveva affermato che la risposta di Mosca era condizionata “alle circostanze e alla portata dell’adesione della Svezia alla NATO, compreso il possibile dispiegamento di unità NATO, sistemi d’attacco e d’arma”.

L'anno scorso, l'ambasciatore russo a Stoccolma aveva affermato che i nuovi membri della NATO sarebbero diventati un “bersaglio legittimo delle misure di ritorsione russe”.

READ  Incidente ferroviario in Grecia: il primo ministro Kyriakos Mitsotakis si scusa per la tragedia