Luglio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Negli ultimi 300 anni abbiamo interpretato erroneamente una legge fondamentale della fisica

Negli ultimi 300 anni abbiamo interpretato erroneamente una legge fondamentale della fisica

Quando Isacco Newton Nel 1687 scrisse su pergamena le sue famose leggi del moto e sperava solo che le avremmo discusse tre secoli dopo.

Newton spiegò che scriveva in latino Tre principi universali Una descrizione di come viene controllato il movimento degli oggetti nel nostro universo, che è stata tradotta, copiata, discussa e dibattuta a lungo.

Ma secondo il filosofo del linguaggio e della matematica, potremmo aver interpretato in modo un po' sbagliato la precisa formulazione di Newton della sua prima legge del movimento.

Il filosofo della Virginia Tech Daniel Hook necessario “Per mettere le cose in chiaro” dopo aver scoperto cosa aveva fatto Descrivere come una “goffa traduzione errata” nella traduzione inglese originale del 1729 del latino di Newton i principi.

Sulla base di questa traduzione, innumerevoli accademici e insegnanti hanno interpretato la prima legge di Newton Interruzione Ciò significa che il corpo continuerà a muoversi in linea retta o rimarrà fermo salvo che Interviene una forza esterna.

È una descrizione che funziona bene finché non ci si rende conto che le forze esterne sono costantemente all'opera, qualcosa che Newton deve aver preso in considerazione nella sua formulazione.

Rivisitando gli archivi, Hooke si rese conto che questa parafrasi comune implicava un’interpretazione errata che era rimasta sotto il radar fino al 1999, quando due studiosi scoprirono la traduzione di una parola latina trascurata: quatenus, che significa “in una certa misura”, e niente più.

Al gancio, questo Fa la differenza. Invece di descrivere come un oggetto manterrebbe la sua quantità di moto se nessuna forza agisse su di esso, Hooke afferma che la nuova lettura mostra che Newton intendeva dire che ogni cambiamento nella quantità di moto di un oggetto – ogni sussulto, flessione, imbardata e boom – era dovuto a forze esterne.

READ  Un collezionista di fossili scopre il dinosauro più completo del Regno Unito dal 1923

“Mettendo quella parola dimenticata [insofar] ritornare al suo posto, [those scholars] Ha riportato uno dei principi fondamentali della fisica al suo splendore originario.” Hooke Lui spiega In un post sul blog descrive le sue scoperte, che sono state pubblicate a livello accademico in una rivista Documento di ricerca 2022.

Tuttavia, questa correzione critica non ha mai preso piede. Anche adesso potrebbe avere difficoltà a guadagnare slancio sotto il peso di secoli di ripetizione.

“Alcuni trovano le mie letture troppo selvagge e poco ortodosse per essere prese sul serio”, Hook Commenti. “Altri pensano che questo sia così evidentemente vero che difficilmente vale la pena discuterne.”

I non addetti ai lavori potrebbero concordare sul fatto che questo suona come una questione semantica. E gancio Confessa La reinterpretazione non ha cambiato e non cambierà la fisica. Ma un esame più attento degli scritti di Newton rende chiaro cosa pensava il principale matematico dell'epoca.

“Molto inchiostro è stato versato sulla questione di cosa sia la legge di inerzia veramente A,” Lui spiega Hooke, che da studente era rimasto confuso su cosa intendesse Newton.

Se prendiamo la traduzione prevalente, cioè che i corpi si muovono in linea retta finché non vengono forzati diversamente da una forza, sorge la domanda: perché Newton dovrebbe scrivere una legge sui corpi privi di forze esterne quando non esiste una cosa del genere nel nostro universo? Quando gravità e attrito sono sempre presenti?

“Lo scopo principale della prima legge è dedurre l’esistenza della forza”, ha affermato George Smith, filosofo della Tufts University ed esperto degli scritti di Newton. Raccontare La giornalista Stephanie Pappas Scientifico americano.

Infatti Newton fornì tre esempi concreti per illustrare la sua prima legge del moto: Secondo HookEssendo una trottola rotante, come sappiamo, rallenta in un vortice teso a causa dell'attrito dell'aria.

READ  Un malfunzionamento nell'Hubble rinnova il discorso su una missione di manutenzione speciale

“Dando questo esempio”, Hook Lui scrive“Newton ci mostra chiaramente come la prima legge, come la intende lui, si applica ai corpi in accelerazione soggetti a forze, cioè si applica ai corpi nel mondo reale.”

Hooke afferma che questa interpretazione rivista porta a casa una delle idee più fondamentali di Newton che all'epoca era piuttosto rivoluzionaria. Cioè, i pianeti, le stelle e gli altri corpi celesti sono tutti soggetti alle stesse leggi fisiche degli oggetti sulla Terra.

“Ogni cambio di velocità e ogni inclinazione di direzione”, ha detto Hook Lui pensa – Dagli sciami di atomi alle galassie vorticose – “governate dalla prima legge di Newton”.

Facendoci sentire tutti ancora una volta connessi ai confini più remoti dello spazio.

Il documento è stato pubblicato in Filosofia della scienza.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nel settembre 2023.