Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove accuse di violenza sessuale nel documento “Spacey Unmasked”

Nuove accuse di violenza sessuale nel documento “Spacey Unmasked”

“Mi sentivo come se stessi fissando un mostro senz’anima”, dice l’attore Daniel della presunta violenza sessuale subita per mano di Kevin Spacey, in un nuovo documentario di Channel 4 che promette uno “sguardo forense” sull’ascesa alla celebrità del vincitore dell’Oscar e la sua presunta relazione sessuale”. cattivo comportamento.

Spacey non convince Presenta 10 uomini, incluso Daniel, che raccontano le loro storie di presunti abusi per mano di Spacey. Nessuno di loro ha preso parte al processo londinese che ha visto l’attore assolto da nove accuse nel luglio 2023, e tutti tranne uno non hanno mai parlato pubblicamente prima. Le accuse derivano da presunti atti avvenuti dal 2001 al 2013; Spacey è stato direttore artistico dell’Old Vic Theatre di Londra dal 2004 al 2015.

Tra le sontuose clip vincitrici di premi e gli imbrogli dei talk show, Spacey non convince Presenta le testimonianze di un gruppo di uomini, identificati solo dai loro nomi, nell’arco di cinquant’anni, dall’adolescenza di Spacey al suo periodo di massimo splendore. Castello di carte Fama, così come il suo tempo all’Old Vic.

Molte vittime sostengono che Spacey sia rimasto colpito dalla star, sconvolto dalla sua promessa di aiutarli nella loro carriera, solo per rendersi presto conto che ciò è avvenuto a scapito dello scambio di presunti “favori sessuali”, spesso mentre erano sul set, sostengono. “Rapire” i membri dell’equipaggio per “gestire le linee”.

Il documentario in due parti, diretto e prodotto da Katherine Haywood e con la produzione esecutiva di Dorothy Byrne e Mike Lerner, sarà presentato in anteprima nel Regno Unito il 6-7 maggio. Le date di messa in onda negli Stati Uniti di Max e Investigation Discovery saranno annunciate la prossima settimana. Roast Beef Productions è prodotto in associazione con All3Media International, che gestisce le vendite internazionali del documentario.

READ  "Lei non si è scusata" - Scadenza

Giovedì l’attore ha risposto al doc, Si è rivolto a X, ex Twitter, per negare le accuse mosse nel documentario e nel programma dell’emittente britannica. “Non ho intenzione di sedermi e farmi attaccare da un documentario unilaterale su di me proveniente da una rete morente nel disperato tentativo di ottenere ascolti”, ha scritto. In un lungo thread. “C’è un canale appropriato per affrontare le accuse contro di me e non è Canale 4. Ogni volta che mi è stato concesso il tempo e la sede appropriata per difendermi, le accuse hanno fallito sotto esame e sono stato assolto.”

Il premio Oscar ha accusato il canale di non avergli dato abbastanza spazio per rispondere alle dichiarazioni fatte nel programma.

“Nella scorsa settimana, ho chiesto ripetutamente a @Channel4 di concedermi più di 7 giorni per rispondere alle accuse contro di me risalenti a 48 anni fa e di fornirmi dettagli sufficienti per indagare su tali questioni che ritengono che la richiesta di rispondere entro 7 giorni ad accuse nuove, anonime e non specificate sia una “giusta opportunità” per me di confutare qualsiasi accusa mossa contro di me,” ha detto, prima di promettere una risposta completa al documentario da parte di Il suo conto è X alla fine di questa settimana. “Channel 4 e RoastBeef TV potrebbero restare senza parole, ma io non lo sarò più.”

Dichiarazione di Canale 4 data a Reporter di Hollywood In risposta al post di Spacey si legge: “Kevin Spacey ha avuto ampie opportunità di rispondere”.

In Spacey non convinceUn attore, Scott, dice agli spettatori: “Se non paghi per i servizi sessuali, avrai una carriera decente, ma non vedrai il tuo nome sotto i riflettori”.

READ  Taylor Swift sta facendo aumentare del 43% il prezzo dei biglietti della NFL per la partita tra New York Jets e Kansas City Chiefs dopo che è emerso che sarebbe stata lì per guardare Travis Kelce giocare

È stato intervistato anche il fratello di Spacey, Randy. Nel documento afferma di aver subito abusi sessuali da parte del padre, che quando era adolescente teneva “incontri nazisti” nella loro casa di famiglia. Randy aggiunge che suo fratello Kevin non ha subito abusi, per quanto ne sappia, anche se ciò non significa che non ci sia stato un “trauma psicologico”.

Le accuse in Spacey non convince Includono anche che la star abbia spinto il suo inguine in faccia a un lavoratore dell’Old Vic mentre lavorava come manager del locale e che si sia masturbato davanti a un aspirante attore mentre guardava Salvate il soldato Ryan In un teatro pubblico, prima di provare a muovere la mano della vittima per raggiungerla.

“Ho sentito tutto il suo inguine in faccia… potevo sentirne l’odore”, dice Danny, un dipendente dell’Old Vic dal 2007 al 2008. “Mi sentivo come se si stesse divertendo… Era tutta una questione di ‘posso fare questo, posso farti questo’. Sono Kevin Spacey.”

Un ex marine ha detto che Spacey si è imposto con lui mentre era a una festa di Bruce Willis, mentre diversi intervistati hanno suggerito che alla star piaceva predare uomini eterosessuali, “godendosi la caccia” nel tentativo di “eccitarli”. “Lo sanno tutti: se non vuoi andare a casa con Kevin, non essere l’ultimo ragazzo al bar con lui”, dice l’ex collega di Spacey, Jesse, nel documento.

Il documentario tenta di evidenziare le testimonianze delle vittime e la loro colpa per non aver rivelato prima il presunto comportamento di Spacey. Molti di loro dicono di aver avuto la sensazione che denunciare Spacey, che in privato si è rifiutato di parlare della sua sessualità alla stampa prima che le accuse contro di lui venissero alla luce, equivalesse a smascherarlo. (Sulla base di un’accusa fatta dal collega attore Anthony Rapp nel 2017 secondo cui Spacey avrebbe molestato Rapp dopo una festa nel 1986, Spacey si è dichiarato gay.)

READ  Coachella abbandona tutte le precauzioni COVID

I contributori al documentario hanno espresso preoccupazione per l’impatto che potrebbe avere sulle loro carriere, con Spacey che promette continuamente di aiutare gli attori in erba e i membri della troupe a raggiungere un grande successo. “Si è appena strappato il cazzo e mi ha messo la lingua in bocca”, Jesse, un membro della troupe del film del 1999. Grande KahunaLui ricorda. “Ricordo di aver pensato: ‘Bene, è così che è Hollywood?’”

Gli uomini nel documentario commentano anche la perseveranza e il coraggio di Spacey. Royari, che era attore all’Old Vic Theatre nel 2013, racconta di essere stato aggredito dall’attore che lo aveva allontanato dai fotografi durante una festa nella capitale britannica. Spacey, come “lo squalo”, presumibilmente “è andato in modalità push-up” per le telecamere.

Spacey non convince Andrà in onda su Canale 4 il 6 e 7 maggio alle 21:00 ora locale.