Maggio 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nuove incisioni antiche scoperte nelle Linee Masca del Perù

commento

I ricercatori hanno identificato più di 150 nuovi progetti nella pianura di Nazca, nel sud del Perù, nota per le sue misteriose opere d’arte su larga scala scolpite nel deserto.

Le ultime immagini sono state scoperte da archeologi di Giappone e Perù, che hanno utilizzato immagini aeree e di droni ad alta risoluzione scattate tra giugno 2019 e febbraio 2020 per identificare 168 nuovi geoglifi di animali e umani, tra cui uccelli, orche assassine e serpenti, che sono stati scolpiti da la Regione. popolazione preispanica.

Le Linee di Nazca, parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO, Copre un’area di circa 175 miglia quadrate Sulla costa pacifica del Perù.

Le linee furono “graffiate sulla superficie della terra tra il 500 a.C. e il 500 d.C.” UNESCO Dice, aggiungendo che i disegni del sito sono “tra i più grandi misteri dell’archeologia” e “la più notevole collezione di geoglifi al mondo”.

Il loro scopo rimane sconosciuto, ma l’UNESCO afferma che potrebbero aver svolto “funzioni astro-rituali”.

Si ritiene che i geoglifi scoperti più di recente risalgano tra il 100 a.C. e il 300 d.C. hanno affermato i ricercatori dell’Università giapponese di Yamagata In una dichiarazione ha annunciato la scoperta all’inizio di questo mese.

Mentre la maggior parte delle immagini più famose del sito sono troppo grandi per essere viste solo dall’alto, le immagini più recenti sono per lo più piccole, meno di 10 metri (circa 33 piedi) di diametro. Un lavoro precedente, svolto anche dall’Università giapponese di Yamagata, ha trovato 190 geoglifi tra il 2004 e il 2018.

I risultati saranno utilizzati per formulare futuri sondaggi che AI ​​effettuerà per proteggere l’area, secondo l’università.

READ  L'Iran ammette le spedizioni di droni in Russia prima della guerra in Ucraina

Il sito è minacciato dagli sviluppi urbani ed economici, Masato Sakai, investigatore principale e professore all’Università giapponese di Yamagata, Agenzia di stampa Reuters.

“Alcuni geoglifi rischiano di essere distrutti a causa della recente espansione di officine minerarie nel parco archeologico”, ha affermato.

Anche le Linee di Nazca sono state interessate da incidenti di minore entità: nel 2018 un camionista La parte interessata del sito Dopo aver ignorato i segnali di pericolo e aver attraversato l’area.

Nel 2014, gli attivisti del gruppo ambientalista Greenpeace hanno suscitato indignazione quando hanno lasciato dei cartelli sul sito mentre stavano organizzando una protesta, nonostante i ricercatori disse dopo Una sovvenzione per aiutarli a riparare il danno ha portato alla scoperta di 50 nuovi geoglifi.