Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

OpenAI lancia il suo motore di ricerca AI il giorno prima di Google I/O

OpenAI lancia il suo motore di ricerca AI il giorno prima di Google I/O

È chiaro da tempo che OpenAI sta pianificando di lanciare un motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale e, secondo un nuovo rapporto, la società intende farlo cercando di superare Google I/O 2024.

Martedì 14 maggio, Google ospiterà la sua conferenza annuale degli sviluppatori, che generalmente testimonia i più grandi annunci dell’anno da parte dell’azienda. In cima alla lista delle aspettative ci sono nuovi dettagli riguardanti i piani di Google sia con l’intelligenza artificiale che con la ricerca, incluso il modo in cui continueranno a lavorare insieme.

Ma Google potrebbe ora dover lavorare contro uno dei suoi più grandi concorrenti legati all’intelligenza artificiale per conquistare il più grande prodotto di Google, la ricerca. Reuters Rapporti OpenAI prevede di lanciare il suo concorrente Google Search, un motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale, lunedì 13 maggio.

OpenAI non ha confermato la data, ma arriva dopo le recenti notizie sull’imminente arrivo del prodotto.

All’inizio di questa settimana, Bloomberg menzionato Il motore di ricerca OpenAI sarà progettato per competere con Google e Perplexity, un prodotto di ricerca esistente basato sull’intelligenza artificiale. Questo rapporto afferma che il nuovo prodotto OpenAI consentirà effettivamente agli utenti di porre una domanda a ChatGPT e di far sì che il chatbot risponda con una risposta che include citazioni da fonti online come notizie, post di blog, Wikipedia e altro. Apparentemente verranno utilizzate anche le immagini quando la query lo richiede.

l’informazione Anche i piani di OpenAI sono stati precedentemente segnalati.

Molte fonti lo hanno indicato chatgpt.com Segnali di vita hanno iniziato ad apparire silenziosamente di recente, indicando i piani di OpenAI. Allo stato attuale, la funzionalità di ricerca è già tecnicamente disponibile per gli utenti ChatGPT, ma solo per coloro che pagano il servizio.

READ  8 Grandmaster si qualificano per le finali olimpiche di eSports a Singapore

Nel frattempo, Google sta rapidamente migliorando i suoi modelli di intelligenza artificiale e i chatbot Gemini, oltre a testare la sua esperienza di ricerca generativa (SGE) con tester “di laboratorio”. La società ha inoltre recentemente assunto un nuovo “responsabile della ricerca” mentre prendeva in giro le espansioni di SGE e ha iniziato a offrire “Risposte AI” agli utenti non registrati con “Labs”. È stato anche riferito che Google sta valutando la possibilità di rendere SGE un prodotto a pagamento.

Maggiori informazioni sull’intelligenza artificiale:

Segui Ben: Twitter/X, DiscussioniE Instagram

FTC: Utilizziamo collegamenti di affiliazione automatici per guadagnare entrate. Di più.