Giugno 17, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Orkney vota per esplorare la “regola alternativa”

Orkney vota per esplorare la “regola alternativa”

fonte dell’immagine, Immagini Getty

didascalia foto,

Ci sono state richieste affinché le Orcadi diventino parte della Norvegia

I consiglieri delle Orcadi hanno votato per indagare su modi alternativi di governo tra profonde frustrazioni su finanziamenti e opportunità.

Il presidente del Consiglio James Stockan ha affermato che l’isola è stata “messa sotto pressione” e ha accusato i governi scozzese e britannico di discriminazione.

per lui un movimento Ciò ha portato alla speculazione dei media che Orkney potrebbe lasciare il Regno Unito o diventare una provincia autonoma della Norvegia.

È stato sostenuto da 15 voti contro sei.

Ciò significa che ai funzionari del consiglio è stato chiesto di pubblicare un rapporto all’amministratore delegato delle Orcadi sulle opzioni di governance.

Ciò include l’osservazione dei “collegamenti settentrionali” dell’arcipelago e delle dipendenze della Corona come Jersey e Guernsey.

Un altro cambiamento che avrebbe portato alla rinascita di un gruppo consultivo sulla riforma costituzionale per le isole è stato approvato senza necessità di votazione.

Lunedì, il portavoce del primo ministro ha respinto il suggerimento che le isole potrebbero alleggerire i loro legami con il sindacato.

Il signor Stockan ha esortato i membri del consiglio a sostenere la sua idea di trovare nuovi modi per ottenere maggiore sicurezza finanziaria e opportunità economiche per gli Orcadiani.

Parlando ai membri del consiglio martedì, ha affermato che la proposta “non riguardava la nostra adesione alla Norvegia”.

Ha aggiunto: “Dico che è ora che il governo ci prenda sul serio e dico che è ora che esaminiamo tutte le opzioni che abbiamo.

“Siamo stati messi sotto pressione e sappiamo tutti la maggior parte di quello che posso dire oggi in termini di discriminazione contro questa comunità di governi. Sappiamo tutti quanto poco otteniamo rispetto ad altri gruppi di isole”.

didascalia foto,

Il presidente del Consiglio James Stockan afferma che le Orcadi non ricevono finanziamenti equi nel Regno Unito

Sebbene i consiglieri volessero avere una “voce più forte”, non sostenevano la piena indipendenza delle Orcadi.

Attualmente, la maggior parte dei 21 membri del consiglio dell’isola siedono come indipendenti, due dei quali sono Verdi.

Tra i problemi affrontati dagli isolani, ha affermato Stockan, c’è l’invecchiamento della flotta di traghetti.

In precedenza aveva detto alla BBC che la situazione era “critica” perché i traghetti più vecchi della flotta delle Western Isles stavano iniziando a guastarsi.

Le sue preoccupazioni sono state ampiamente condivise da altri membri del Consiglio, ma alcuni hanno sollevato questioni di autogoverno, come il costo della conduzione di tali indagini.

Cllr Steven Heddle ha anche menzionato gli svantaggi, tra cui il dover riacquistare il fondale marino e le tasse universitarie per gli studenti che desiderano studiare in Scozia.

Descrivendo gli sforzi di Stockan come “politica del risentimento”, ha detto che ogni consiglio si sentiva difficile, citando le strade di Edimburgo che erano “peggiori” delle strade delle Orcadi nonostante il consiglio avesse molti più finanziamenti.

Il portavoce ufficiale del primo ministro Rishi Sunak ha dichiarato: “Prima di tutto, non esiste alcun meccanismo per conferire la dipendenza dalla Corona o dallo status di territorio d’oltremare a nessuna parte del Regno Unito.

“Ma la posizione del governo è che il Regno Unito sia più forte unito”.

Le Orcadi erano precedentemente tenute sotto il controllo norvegese e danese fino a quando non divennero parte della Scozia nel 1472.

Le isole furono utilizzate come garanzia per la dote nuziale di Margherita di Danimarca, futura moglie del re Giacomo III di Scozia.

Il governo scozzese ha dichiarato nel 2023-24 che il Consiglio delle Isole Orcadi avrebbe ricevuto 89,7 milioni di sterline per finanziare i servizi, con ulteriori 4,6 milioni di sterline dall’aumento delle tasse comunali del 10%.

Un portavoce dell’organizzazione ha aggiunto di essere “impegnata a sostenere le comunità dell’isola”.

Il governo norvegese ha rifiutato di commentare le proposte.