Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Paese più favorito”: Biden annuncia che gli Stati Uniti si muoveranno per abolire lo status commerciale della Russia

"Paese più favorito": Biden annuncia che gli Stati Uniti si muoveranno per abolire lo status commerciale della Russia
Biden ha affermato che gli Stati Uniti, insieme al Gruppo dei Sette e all’Unione Europea, chiederanno la revoca dello status di “nazione più favorita”. Russia, denominate Relazioni commerciali normali permanenti negli Stati Uniti. Questa situazione significa che due paesi hanno accettato di commerciare alle migliori condizioni possibili, ha affermato Biden, il che potrebbe includere tariffe più basse, barriere al commercio più basse e importazioni più elevate.

La mossa richiede l’approvazione del Congresso e la legislazione dovrebbe essere introdotta dopo l’annuncio di Biden.

“L’abolizione del PNTR russo renderà difficile per la Russia fare affari con gli Stati Uniti, e farlo all’unisono con altri paesi che costituiscono metà dell’economia globale sarebbe un altro duro colpo per l’economia russa già gravemente sofferente”, disse Biden.

“Ci sono molte questioni che ci dividono a Washington, ma difendere la democrazia in Ucraina e respingere l’aggressione russa non dovrebbe essere una di quelle questioni. Il mondo libero si unisce per affrontare Putin”, ha affermato il presidente.

Il presidente ha anche ringraziato la presidente della Camera Nancy Pelosi per essere stata una “forte sostenitrice” su questo tema e per aver rinviato la legislazione alla Camera “in modo da poter allineare tutti i nostri alleati chiave per tenerci all’unisono”.

Biden ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero bandito le merci provenienti da diversi settori distinti dell’economia russa, inclusi frutti di mare, vodka e diamanti non fabbricati. La Casa Bianca afferma che ciò priverà la Russia di oltre 1 miliardo di dollari di entrate dalle esportazioni.

Il presidente firmerà anche un ordine esecutivo che pone fine all’esportazione di beni di lusso – inclusi alcolici, tabacco, abbigliamento, gioielli, automobili e oggetti d’antiquariato – verso la Russia.

READ  Casi Covid, booster vaccinali e notizie BA.2: aggiornamenti in tempo reale

Un funzionario della Casa Bianca ha detto alla CNN che l’obiettivo è continuare a danneggiare gli oligarchi russi e i ricchi del Paese privandoli delle loro comodità, mentre gli Stati Uniti continuano a cercare di fare pressione su coloro che sono vicini a Putin. Mira anche a rimuovere le strade che questi oligarchi stanno usando per proteggere i loro soldi, ha detto il funzionario, poiché sono già sempre più tagliati fuori dalle tradizionali vie finanziarie.

Gli Stati Uniti hanno importato 48.867 tonnellate di frutti di mare dalla Russia nel 2021, per un valore di circa 1,2 miliardi di dollari, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration. L’aragosta costituiva la maggior parte di queste importazioni, con gli Stati Uniti che lo scorso anno hanno acquistato ghiaccio congelato e aragosta rossa per un valore di 900 milioni di dollari. Gli Stati Uniti non vendono frutti di mare direttamente in Russia, poiché il paese ha vietato le esportazioni statunitensi di frutti di mare e pesce nel 2014.

Le importazioni di vodka russa negli Stati Uniti rappresentavano solo l’1,3% delle importazioni totali di vodka nel 2021, secondo lo United States Distilled Spirits Board. Lo United States Spirits Board ha affermato che il totale raggiungerà i 18,5 milioni di dollari nel 2021.

Il presidente ha anche annunciato che i leader del G7 cercheranno di privare la Russia della possibilità di prendere in prestito dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale.

“Continueremo a fare pressione su Putin”, ha detto Biden, aggiungendo che “Putin deve pagare il prezzo” per un attacco non provocato all’Ucraina.

“Il G7 sta anche aumentando la pressione sui miliardari russi corrotti, aggiungendo nuovi nomi alla nostra lista di obiettivi degli oligarchi e delle loro famiglie e aumentando il coordinamento tra i paesi del G7 per prendere di mira e cogliere i loro guadagni illeciti. Supportano Putin, rubano ai russi persone e cercano di nascondere i loro soldi nel nostro paese”.

La CNN ha riferito giovedì che i colloqui bipartisan al Senato si stavano preparando per intraprendere un’azione più aggressiva sulla situazione commerciale della Russia, dopo che la Casa Bianca ha effettivamente annacquato la decisione della Camera. Il progetto di legge vieta l’importazione di petrolio, gas naturale e carbone russi negli Stati Uniti.

La versione precedente della normativa includeva una disposizione che avrebbe sospeso le normali relazioni commerciali permanenti di Russia e Bielorussia. Ma la Casa Bianca ha espresso preoccupazione per quella parte del disegno di legge, che alla fine è stata cancellata. Invece, il disegno di legge che vieta le importazioni di energia russe, approvato mercoledì sera dalla Camera dei Rappresentanti, richiedeva una revisione dello status della Russia nell’Organizzazione mondiale del commercio.

READ  La Polonia ritira 100 tonnellate di pesci morti dal fiume Oder dopo una misteriosa morte di massa | Polonia

Il presidente delle finanze del Senato Ron Wyden, un democratico dell’Oregon, ha detto alla CNN di essere stato coinvolto in conversazioni con i principali scrittori fiscali del Congresso e l’amministrazione Biden sulla questione, poiché la pressione è cresciuta fino a includere un linguaggio più duro nel disegno di legge della Camera quando il Senato lo prenderà in considerazione . . Su – non appena la prossima settimana.

“Penso che i russi – il comportamento disumano della Russia non li giustifichi a raccogliere i frutti della comunità internazionale”, ha detto Wyden alla CNN.

Il senatore Mike Crabow, repubblicano dell’Idaho e repubblicano di rango nella commissione finanziaria, ha affermato che probabilmente non sosterrebbe il disegno di legge della Camera senza un linguaggio più forte sulla sua situazione aziendale – e ha chiarito che ci sarebbe stato uno sforzo per modificarlo.

“La domanda è PNTR, che è assente. E poi c’erano altre cose dell’OMC, il che è un po’ vuoto se non facciamo PNTR”, ha detto Krabow all’inizio di oggi. “Quindi, probabilmente non lo approverei perché non ha le cose di base di cui hai bisogno per una risposta commerciale adeguata”.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli giovedì.