Ottobre 1, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’India lancia missili contro il Pakistan dopo ‘guasto tecnico’ | India

L’India dice di aver lanciato un missile per errore Pakistan Questa settimana a causa di un “guasto tecnico” durante la manutenzione ordinaria, ha fornito la sua versione dei fatti dopo che il Pakistan ha convocato l’inviato indiano per protestare.

Esperti militari hanno avvertito in passato dei rischi di incidenti o errori di calcolo da parte dei vicini stati dotati di armi nucleari, che hanno combattuto tre guerre e sono stati coinvolti in molti scontri armati minori, di solito su territori contesi. Kashmir.

La tensione si è allentata negli ultimi mesi e l’incidente, che potrebbe essere il primo di questo genere, ha immediatamente sollevato interrogativi sui meccanismi di sicurezza.

“Il 9 marzo 2022, durante l’esecuzione della manutenzione ordinaria, un malfunzionamento tecnico ha portato al lancio accidentale di un missile”, ha affermato il ministero della Difesa indiano in una dichiarazione di tre paragrafi.

Si è appreso che il missile è caduto in un’area Pakistan. Sebbene l’incidente sia molto sfortunato, è un sollievo che non ci siano state perdite di vite umane a causa dell’incidente”.

Il ministero ha affermato che il governo “ha preso una posizione seria e ha ordinato la formazione di un tribunale investigativo di alto livello”.

Funzionari pakistani hanno affermato che il missile era disarmato e si è schiantato vicino alla città orientale di Mian Chanu, a 500 km (310 miglia) dalla sua capitale, Islamabad.

Convocato il ministero degli Esteri pachistano IndiaL’incaricato d’affari di Islamabad ha presentato una protesta per quella che ha descritto come una violazione ingiustificata del suo spazio aereo, affermando che l’incidente potrebbe mettere in pericolo i voli dei passeggeri e la vita dei civili.

READ  parere | La vittoria di Doug Ford in Ontario dovrebbe essere un campanello d'allarme contro l'inazione

Il Pakistan ha avvertito l’India “di essere consapevole delle spiacevoli conseguenze di tale negligenza e di adottare misure efficaci per evitare il ripetersi di tali violazioni in futuro”.

Dopo l’ammissione dell’India, il consigliere per la sicurezza nazionale del Pakistan, Moid Yusuf, ha affermato che è stato “estremamente irresponsabile” per Nuova Delhi non informare immediatamente Islamabad del lancio involontario del missile.

“Le circostanze reali che circondano questo incidente dovrebbero anche essere indagate per accertare se si tratta di un lancio non intenzionale o qualcosa di più deliberato”, ha detto Youssef su Twitter.

“India Pak dovrebbe parlare di mitigazione del rischio”, ha scritto su Twitter Aisha Seddiqa, esperta di affari militari e dell’Asia meridionale.

“I due paesi sono rimasti fiduciosi nel controllo delle armi nucleari, ma cosa accadrebbe se tali incidenti si verificassero di nuovo e avessero conseguenze più gravi?”

Un alto funzionario della sicurezza pakistano ha detto a Reuters, in condizione di anonimato, che l’incidente avrebbe potuto degenerare in una “situazione pericolosa e indesiderabile”.

“Ammettere che si trattava di un missile è stato indifferente”, ha detto. “Cosa dice questo sui loro meccanismi di sicurezza e sull’abilità tecnica di armi altamente pericolose? La comunità internazionale deve dare un’occhiata più da vicino a questo”.

Il funzionario ha affermato che probabilmente si trattava del BrahMos, un missile da crociera da attacco terrestre con capacità nucleare sviluppato congiuntamente da Russia e India.

Secondo la Arms Control Association con sede negli Stati Uniti, il missile ha una portata compresa tra 300 chilometri (186 miglia) e 500 chilometri (310 miglia), rendendolo in grado di colpire Islamabad da un lanciatore dell’India settentrionale.

READ  La nipote di Winston Churchill parla del diario di guerra di sua madre

Un “oggetto volante ad alta velocità” proveniente dalla città di Sirsa, nell’India settentrionale, si è schiantato nel Pakistan orientale, ha detto un portavoce militare pakistano in una conferenza stampa giovedì sera.

“La traiettoria di volo di questo corpo stava minacciando molti voli passeggeri nazionali e internazionali nello spazio aereo indiano e pakistano, nonché la vita umana e le proprietà sulla Terra”, ha affermato.