Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Palestinesi fuggono da un raid israeliano in un campo profughi in Cisgiordania e diverse persone rimangono ferite in un attacco automobilistico a Tel Aviv

Palestinesi fuggono da un raid israeliano in un campo profughi in Cisgiordania e diverse persone rimangono ferite in un attacco automobilistico a Tel Aviv

Martedì migliaia di residenti palestinesi sono fuggiti dal campo profughi di Jenin nella Cisgiordania occupata da Israele, poiché i funzionari sanitari palestinesi hanno affermato che il bilancio delle vittime riguardava i residenti del campo di Jenin nella Cisgiordania occupata. Il più grande raid israeliano nel campo in quasi due decenni È salito ad almeno 13, secondo l’Associated Press.

Un soldato israeliano anche ucciso Una sparatoria ha avuto luogo a Jenin, ha riferito un portavoce dell’IDF all’inizio di mercoledì.

Nel frattempo, almeno otto persone sono rimaste ferite in un attacco di speronamento contro un’affollata stazione degli autobus nella città di Tel Aviv, che secondo Hamas era una rappresaglia per il raid in corso a Jenin.

Funzionari della sicurezza israeliana hanno detto all’Associated Press che l’esercito israeliano ha iniziato a ritirare le sue forze da Jenin nella tarda notte di martedì.

Funzionari militari israeliani hanno detto a Reuters che i militanti palestinesi nella Striscia di Gaza hanno lanciato cinque razzi contro Israele poche ore dopo l’inizio del ritiro. Tutti e cinque sono stati intercettati.

L’esercito israeliano ha affermato che l’operazione israeliana di due giorni all’interno del campo di Jenin, che si trova all’interno dell’omonima città della Cisgiordania, ha incluso la confisca di armi e la distruzione di posti di comando e tunnel appartenenti a gruppi armati palestinesi. Le strade si sono increspate all’interno del campo e durante il giorno si sono uditi sporadicamente colpi di arma da fuoco ed esplosioni mentre le forze israeliane e uomini armati palestinesi si sono scontrati, sebbene i combattimenti siano stati meno intensi rispetto a lunedì.

Le forze israeliane intervengono con un raduno di palestinesi che protestano contro un raid israeliano in corso nel campo profughi di Jenin il 4 luglio 2023 a Jenin, in Cisgiordania.

Issam Rimawi/Agenzia Anadolu/Getty Images


Il sindaco di Jenin Nidal al-Obeidi ha detto che circa 4.000 persone sono fuggite dal campo profughi per cercare rifugio altrove, e i palestinesi in tutta la Cisgiordania hanno organizzato uno sciopero generale per protestare contro il raid, secondo l’Associated Press.

“Siamo preoccupati per la portata delle operazioni aeree e di terra che si stanno svolgendo a Jenin e che continuano oggi in Cisgiordania, e in particolare per gli attacchi aerei contro il campo profughi densamente popolato”, ha dichiarato Vanessa Huguenen, portavoce dell’Ufficio delle Nazioni Unite. per gli Affari Umanitari. . Ha detto di aver sentito che tre bambini erano tra i morti. Funzionari palestinesi hanno affermato che i morti avevano un’età compresa tra i 16 ei 23 anni, secondo il partner della CBS BBC News.

L’organizzazione di beneficenza Medici senza frontiere (MSF) ha affermato che le strade nel campo di Jenin sono state bloccate o distrutte e che i medici sono stati costretti a viaggiare a piedi tra colpi di arma da fuoco e attacchi di droni per raggiungere i feriti.


Funzionari palestinesi hanno detto che Israele sta lanciando un’operazione militare in Cisgiordania, almeno otto morti

“L’uso di elicotteri d’attacco e attacchi con droni in un’area così densamente popolata rappresenta un marcato aumento di intensità ed è a dir poco eclatante”, ha affermato in una nota Yovana Arsenievich, coordinatrice di MSF a Jenin. “L’ospedale dove curiamo i pazienti è stato colpito da gas lacrimogeni. Le strutture sanitarie, le ambulanze e i pazienti devono essere rispettati”.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato martedì che le forze israeliane stanno “finendo il lavoro” ma che “la nostra intensa attività a Jenin non è un’operazione una tantum”, ha riferito l’agenzia di stampa francese Agence France-Presse.

Martedì pomeriggio, un aggressore di 20 anni ha sbattuto la sua auto contro una fermata dell’autobus piena di gente a Tel Aviv, la seconda città più popolosa di Israele, prima di scendere e cercare di pugnalare le persone con un coltello. La polizia ha detto che l’aggressore è stato colpito e ucciso da un civile armato sulla scena.

Il personale di sicurezza e di emergenza israeliano lavora sul luogo di un attacco con auto speronamento a Tel Aviv il 4 luglio 2023.

GT


“Nei primi secondi pensi che l’autista possa avere torto”, ha detto un testimone a BBC News. “È uscito dalla finestra, non dalla porta – come in un film – con un coltello in mano e ha iniziato a inseguire i civili. Ora capisci che è stato un attacco. Siamo corsi per salvarci la vita”.

Il movimento militante di Hamas ha identificato l’aggressore dietro quella che ha descritto come “operazione eroica” e “legittima autodifesa” contro l’operazione israeliana a Jenin.

Il ministro della sicurezza nazionale israeliano di estrema destra, Itamar Ben Gvir, ha visitato il luogo dell’attacco a Tel Aviv e ha invitato più cittadini israeliani a prendere le armi, secondo BBC News.

READ  Daniel diventa il primo uragano della stagione atlantica 2022