Giugno 21, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Perché il cinese Xi sta cercando di fare il pacificatore in Ucraina?

Perché il cinese Xi sta cercando di fare il pacificatore in Ucraina?

Offrire al presidente cinese Xi Jinping di negoziare la pace tra Russia e Ucraina è un’impresa ad alto rischio che sembra dare a Pechino il premio più prezioso: prestigio e influenza nel suo miglior sforzo per sfidare gli Stati Uniti come leader mondiale.

Questa offerta arriva sulla scia di Pechino che ha raggiunto una nascente svolta diplomatica tra Arabia Saudita e Iran. Ma è ampiamente visto come una cortina fumogena per la Cina per approfondire le sue relazioni con la Russia. Proprio mercoledì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha descritto le relazioni tra Pechino e Mosca come molto importanti per “il panorama globale e il futuro dell’umanità”.

E mentre vincere il Premio Nobel per la pace è probabilmente un sogno irrealizzabile per il leader cinese, la proposta generale per i negoziati di pace illustra come Pechino sia concentrata sul ribaltamento dell’ordine mondiale, lontano dagli Stati Uniti e da altre nazioni democratiche.

Tuttavia, la Cina non ha quasi alcuna credibilità per essere un mediatore neutrale per Ucraina e Russia, anche se i funzionari cinesi hanno contattato Kiev per organizzare una chiamata tra Xi e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Gli esperti dicono che è un gesto vuoto e una mossa tattica, intesa in parte a salvare la faccia nella sua relazione con A.J Un’Europa che si schiera sempre più con gli Stati Uniti nell’identificare una Cina in ascesa come una potenza malvagia, ma è riluttante a rompere del tutto con Pechino.

Bonnie Glaser, amministratore delegato del programma Indo-Pacific del German Marshall Fund, ha scritto in una e-mail a The Hill.

Mentre Xi lavora per rafforzare le relazioni della Cina con la Russia, i cinesi devono fare qualcosa per evitare ulteriori danni alle loro relazioni con l’Europa. Ci sono più rischi che benefici nel mediare la fine della guerra fintanto che né Putin né Zelensky sono alla ricerca di precipizi”.

La Russia non ha mostrato alcuna indicazione di essere pronta a ritirare le sue forze dall’Ucraina. Putin ha compiuto un viaggio provocatorio nella Mariupol occupata dai russi, nel sud dell’Ucraina, poco dopo che la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti con l’accusa di crimini di guerra.

READ  In Israele, Blinken attende con impazienza la pianificazione del dopoguerra per Gaza mentre i bombardamenti e i combattimenti continuano

La Cina ha una lunga storia di mediazione, ha affermato Robert Souter, professore alla Elliott School of International Affairs, ma con pochi risultati positivi o poco impegno.

“Quello che i cinesi non fanno è che non fanno cose che gli costeranno, non si impegnano”, ha detto Sutter, che ha anche lavorato come funzionario dell’intelligence statunitense focalizzato sulla Cina.

Le scommesse dell’affare saudita-iraniano

La promozione da parte della Cina di una svolta a sorpresa tra Arabia Saudita e Iran, annunciata il 10 marzo, è stata accolta con cautela, con funzionari ed esperti statunitensi che hanno notato i ruoli cruciali svolti da Iraq e Oman nell’ospitare i colloqui nei due anni prima che Pechino offrisse la capitale cinese a ospitare i colloqui. Annuncio pubblico.

Ma resta aperta la questione se l’Arabia Saudita e l’Iran possano perseguire il ripristino delle relazioni. Gli impegni contenuti nella dichiarazione congiunta sono vaghi e non affrontano nello specifico la risoluzione di alcune questioni spinose, come il sostegno di Riyadh e Teheran alle forze opposte nella guerra civile yemenita.

Sutter ha descritto i rischi di un fallimento dell’accordo come bassi per la Cina.

“Quindi questo accordo che avevano con l’Arabia Saudita e l’Iran, non comporta alcun costo per la Cina, e questa è una vittoria per loro. Prima dovevano bilanciare queste due forze, e ora non devono farlo, ” Egli ha detto.

“Ma non vedo la vittoria in Russia e Ucraina. Penso che Putin sia molto importante per loro, e quindi continueranno a sostenerlo”.

Una visita importante in Russia

La recente visita di stato di tre giorni di Xi in Russia ha avuto un significato simbolico e strategico.

È stato il primo viaggio del presidente cinese fuori dal paese da quando si è assicurato un terzo mandato senza precedenti come leader, consolidando il suo regno per almeno altri cinque anni e presiedendo un rimescolamento di alti funzionari per sostenere il sostegno.

READ  Il corso del conflitto al confine tra Libano e Israele cambierà? | Notizie sul conflitto israelo-palestinese

“Putin è il partner estero più importante della Cina, perché Xi Jinping sta ora affrontando una forza in Occidente, un’importante resistenza, che non ha mai affrontato prima”, ha detto Sutter.

I funzionari statunitensi stanno osservando attentamente se l’approfondimento delle relazioni tra Cina e Russia attraverserà la linea rossa dell’impegno di Pechino per il supporto militare letale a Mosca, con l’amministrazione Biden che mette in guardia pubblicamente, e funzionari cinesi in privato, delle terribili conseguenze se una tale mossa verrà eseguita.

Il segretario di Stato Anthony Blinken ha affermato che i partner dell’America, vale a dire i paesi europei e le democrazie dell’Indo-Pacifico, hanno messo in guardia la Cina dal fornire armi alla Russia.

L’Europa ci seguirà?

Ma non è chiaro se i sostenitori dell’Ucraina possano lavorare di concerto con gli Stati Uniti per imporre costi – probabilmente visti come sanzioni – alla Cina se continua a fornire assistenza militare alla Russia.

“È chiaro che l’imposizione di sanzioni economiche alle entità cinesi è molto più dura di quelle imposte alle entità russe, data la natura più interconnessa delle economie”, ha detto il senatore Chris Van Hollen (D-Maryland) durante un’audizione mercoledì. Il piano per rompere il vetro con i nostri partner nel caso in cui la Cina fornisca assistenza militare alla Russia? “

Blinken non ha fornito una risposta.

C’è ancora una certa riluttanza tra i paesi europei a inimicarsi troppo la Cina, ha affermato Andrew Scoble, membro anziano del programma Cina presso l’Istituto per la pace degli Stati Uniti.

Ma, ha aggiunto, quella visione si sta rapidamente erodendo.

“Quello che ho notato è che c’è una tendenza negli ultimi sette o otto anni in cui i paesi europei stanno diventando più diffidenti nei confronti della Cina e si rendono conto che mentre la Cina offre una grande opportunità economica, c’è anche un oltraggioso svantaggio nel fare affari con la Cina”.

La collocazione della Russia da parte di Xi sul piedistallo delle sue relazioni globali è solo una delle molte principali critiche della comunità democratica, tra cui il fatto che il presidente cinese stia supervisionando un presunto genocidio contro i musulmani uiguri, accusati di gravi violazioni dei diritti umani nella sua occupazione del Tibet, e ha abusato di Hong Kong. l’autonomia democratica di Kong e sta preparando un’acquisizione militare dell’autogoverno di Taiwan.

READ  La Russia prevede di assorbire la Bielorussia entro il 2030 - Rapporti dei media - DW - 21/02/2023

Xi pubblico per fare la pace

Ma il gioco della Cina per essere un pacificatore globale mira anche ad attrarre i paesi dell’emisfero meridionale e del continente africano che hanno ancora familiarità con la guerra della Russia in Ucraina – paesi i cui paesi li considerano ignorati dagli Stati Uniti nel loro mondo cosmopolita – per radunarsi supporto per Kiev.

“La maggior parte del Sud, il mondo in via di sviluppo, è abbastanza solidale con la posizione russa, tanto quanto infastidisce e lascia perplessi Washington, è vero”, ha detto Scoble.

“La Cina sta davvero giocando con quel pubblico, ed è uno che ha dimostrato di essere un importante blocco di paesi per la Cina”.

Tuttavia, Pechino attribuisce ancora la priorità allo stabilire una reputazione globale rispettata. Si sente ignorato, ad esempio, dal riconoscimento che accompagna il riconoscimento universale in settori come la scienza o la cultura – o la pace.

“La Cina ha un chip sulle spalle su molte cose, sembra che non venga rispettata, e questo si ripercuote sui premi internazionali, compresi i premi Nobel”, ha detto Scoble.

“La Cina si preoccupa di queste cose e puoi contare il numero di cittadini cinesi che hanno vinto vari tipi di Nobel su poche dita. È semplicemente drammatico. La Cina vorrebbe vincere di più? Sì.”

Aggiornato alle 9:30

Copyright 2023 Nextstar Media Inc. Tutti i diritti riservati. tutti i diritti sono salvi. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.