Maggio 26, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Perché non ho combattuto?” Salman Rushdie racconta la storia dell'orrore lancinante del 2022

“Perché non ho combattuto?”  Salman Rushdie racconta la storia dell'orrore lancinante del 2022

Teheran ha negato qualsiasi collegamento con l'aggressore.

New York:

Lo scrittore britannico-americano Salman Rushdie racconta l'accoltellamento quasi fatale durante un evento pubblico nel 2022 che lo ha lasciato cieco da un occhio, e il suo viaggio verso la guarigione nel suo nuovo libro di memorie, “The Knife”, che uscirà nei negozi martedì.

L'autore di origine indiana, naturalizzato americano con sede a New York, ha subito minacce di morte da quando il leader supremo dell'Iran ha ritenuto blasfemo il suo romanzo del 1988, I versi satanici, rendendo Rushdie un'icona globale della libera espressione.

Ma dopo essere rimasto illeso per anni, un aggressore armato di coltello è salito sul palco di un raduno artistico nelle zone rurali dello stato di New York e ha pugnalato Rushdie più volte al collo e allo stomaco. Alla fine perse l'occhio destro.

“Perché non ho combattuto? Perché non sono scappato? Sono rimasto lì come una pinata e ho lasciato che mi schiacciasse”, ha scritto Rushdie, secondo alcuni estratti del libro pubblicato da The Guardian.

“Non è stato drammatico, né particolarmente orribile. Sembrava probabile… un dato di fatto.”

Teheran ha negato qualsiasi collegamento con l'aggressore, ma ha detto che Rushdie, che ora ha 76 anni, è l'unico responsabile dell'incidente. Il sospettato, che aveva 24 anni, si è dichiarato non colpevole di tentato omicidio.

In un’intervista al New York Post, il presunto aggressore, i cui genitori sono immigrati dal Libano negli Stati Uniti, ha detto di aver letto solo due pagine di “I versi satanici” ma di credere che Rushdie “abbia attaccato l’Islam”.

READ  Le trattative proseguiranno mercoledì e un accordo è all'orizzonte - The Hollywood Reporter

“è un sogno”

“Da quel giorno orribile… stiamo aspettando la storia di come gli aspiranti assassini di Salman lo hanno finalmente catturato”, ha detto Susan Nossel, CEO del gruppo di difesa della libertà di parola PEN America.

Ha detto: “Salman, un maestro narratore, ha mantenuto questa narrazione fino ad ora, lasciandoci meravigliati a distanza dal suo coraggio e dalla sua resilienza”.

In un'intervista con “60 Minutes” della CBS prima della proiezione di “The Knife”, Rushdie ha raccontato che due giorni prima dell'attacco aveva sognato di essere stato pugnalato in un anfiteatro e aveva pensato di non partecipare all'evento.

“Poi ho pensato: 'Non essere sciocco. È un sogno'”, ha detto.

Nel libro scrisse anche che gli sarebbe stato pagato un compenso “generoso” per l'evento, denaro che intendeva utilizzare per le riparazioni della sua casa.

Rushdie è stato invitato a parlare della protezione degli scrittori le cui vite erano minacciate, un'ironia che non gli è sfuggita di mente.

“Si è scoperto che non era uno spazio sicuro per me”, ha detto al suo intervistatore.

Rushdie dice nel libro di aver sofferto di incubi in seguito all'attacco, secondo The Guardian.

'leggerezza'

Rushdie è nato a Mumbai e si è trasferito in Inghilterra da ragazzo, e ha attirato l'attenzione con il suo secondo romanzo, I figli della mezzanotte (1981), che ha vinto il prestigioso Booker Prize britannico per la sua rappresentazione dell'India post-indipendenza.

Ma I Versetti Satanici gli procurarono un’attenzione molto maggiore, e spesso sgradita.

L'autore ateo, i cui genitori erano musulmani non praticanti, fu costretto alla clandestinità.

Ha ricevuto la protezione della polizia in Gran Bretagna dopo che i suoi traduttori ed editori sono stati uccisi o hanno tentato di essere uccisi, e si è spostato ripetutamente mentre era nascosto.

READ  Seth Rogen, moglie Lauren Miller, intervento chirurgico per aneurisma cerebrale di Rogen

Rushdie non iniziò a fuggire dalla sua vita fino alla fine degli anni '90, dopo che l'Iran dichiarò che non avrebbe sostenuto il suo assassinio.

È diventato un appuntamento fisso nel circuito dei concerti internazionali, apparendo anche in film come “Il diario di Bridget Jones” e nella serie comica televisiva americana “Seinfeld”.

L'autore è stato sposato cinque volte e ha due figli.

Dopo l’attentato ha pubblicato anche il romanzo “Victory City” (2023).

Ha nuovamente visitato l'istituto Chautauqua, dove si è verificato l'evento quasi fatale, e ha scritto nel libro che il viaggio è stato catartico.

“Mentre eravamo lì nell'immobilità”, ha scritto Rushdie, “mi sono reso conto che un peso mi era stato in qualche modo sollevato, e la parola migliore che sono riuscito a trovare per descrivere ciò che stavo provando era leggerezza.”

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)