Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Più intelligente di quanto si pensasse: gli scienziati hanno scoperto una struttura di Neanderthal sorprendentemente avanzata

Più intelligente di quanto si pensasse: gli scienziati hanno scoperto una struttura di Neanderthal sorprendentemente avanzata

Lo strumento di pietra è stato cementato in un manico fatto di bitume liquido con l'aggiunta del 55% di ocra. Non è più appiccicoso e può essere facilmente maneggiato. Credito: Patrick Schmidt

L'analisi di strumenti risalenti a 40.000 anni fa ha rivelato un livello di costruzione sorprendentemente sofisticato.

Un team di ricercatori ha scoperto che i Neanderthal producevano strumenti di pietra utilizzando una colla multicomponente avanzata. Questa scoperta, il più antico esempio conosciuto di un adesivo così avanzato in Europa, suggerisce che questi primi parenti umani possedessero un grado maggiore di sofisticazione intellettuale e culturale di quanto si pensasse in precedenza.

Opera, riportata sulla rivista Progresso della scienzaCiò includeva ricercatori della New York University, dell’Università di Tubinga e dei Musei Nazionali di Berlino.

Innovazioni tecniche dei Neanderthal

“Questi strumenti sorprendentemente ben conservati mostrano una soluzione tecnica molto simile agli esempi di strumenti realizzati dai primi esseri umani moderni in Africa, ma la ricetta esatta riflette la 'spin' di Neanderthal, la produzione di manici per strumenti portatili”, afferma Radu Iovita. , Professore Associato presso Università di New YorkCentro per lo Studio delle Origini Umane.

Il gruppo di ricerca, guidato da Patrick Schmidt del Dipartimento di ecologia della preistoria e del quaternario dell'Università di Tubinga, e di Ewa Dutkiewicz del Museo di preistoria e storia antica dei Musei nazionali di Berlino, ha riesaminato i precedenti reperti rinvenuti nel sito archeologico del Mostier di Berlino. Francia, scoperta all’inizio del XX secolo.

Micrografia che mostra tracce di corrosione su uno strumento

Micrografia che mostra tracce di usura su uno strumento utilizzato dai Neanderthal durante il Paleolitico medio. Le posizioni delle micrografie sul manufatto sono indicate in rosso nel disegno (in alto a sinistra). A) Lucidatura o brillantezza sul bordo attivo del manico dell'utensile. b) Lucidare i punti colorati all'interno dell'area ricoperta di adesivo. c) La cresta tra superfici concave formata dalla rimozione di pezzi di pietra che sono stati rimossi, anziché usurati naturalmente. d) Bordo sbiadito o sfilacciato nell'area di presa ricoperta di adesivo. Il confronto tra (c) e (d) indica che la parte usurata si trova all'interno dell'area coperta dalla presa adesiva progettata. Le immagini sono mostrate in micron. Fonte immagine: disegno del Dr. Greenert, Staatliche Museen di Berlino

Gli strumenti di pietra di Le Moustier – utilizzati dai Neanderthal durante il Paleolitico medio del Musteriano tra 120.000 e 40.000 anni fa – sono conservati nella collezione del Museo di Preistoria e Protostoria di Berlino e non sono mai stati esaminati in dettaglio prima. Gli strumenti sono stati riscoperti durante la revisione interna del gruppo e il loro valore scientifico è stato riconosciuto.

READ  Gli scienziati si aspettano che il sistema solare possa collassare a causa del passaggio di una stella

“Gli articoli sono stati confezionati singolarmente e non sono stati toccati dagli anni '60”, afferma Dutkiewicz. “Di conseguenza, i resti aderenti di materia organica sono molto ben conservati”.

Alla scoperta delle vecchie tecnologie

I ricercatori hanno scoperto tracce della miscela di ocra e bitume su molti strumenti di pietra, come raschietti, scaglie e lame. L'ocra è un pigmento naturale della terra. Il bitume è un componente dell'asfalto e può essere prodotto dal petrolio greggio, ma si trova naturalmente nel terreno.

“Siamo rimasti sorpresi dal fatto che fosse più del 50% di ocra”, afferma Schmidt. “Questo perché il bitume essiccato all'aria può essere utilizzato come adesivo senza modifiche, ma perde le sue proprietà adesive quando vengono aggiunte proporzioni così grandi di ocra.”

Lui e il suo team hanno esaminato questi materiali in prove di trazione, utilizzate per determinare la resistenza e altri parametri.

Bitume liquido e colorante per terra

Bitume liquido e ocra terrosa prima della miscelazione. Credito: Patrick Schmidt

“La situazione era diversa quando utilizzavamo bitume liquido, che non è particolarmente adatto all'adesione. Se si aggiunge il 55% di ocra si forma una massa malleabile”, afferma Schmidt.

La miscela era sufficientemente appiccicosa perché lo strumento di pietra rimanesse attaccato ad esso, ma non si attaccasse alle mani, rendendolo un materiale adatto per il manico.

L'importanza dei risultati

Infatti, l'esame microscopico delle tracce di usura su questi strumenti di pietra ha rivelato che gli adesivi trovati sugli strumenti di Le Mustier venivano utilizzati in questo modo.

“Gli utensili presentavano due tipologie di usura microscopica: la prima è la tipica lucidatura sugli spigoli vivi che solitamente è causata dall’azione di altri materiali”, spiega Iovita, che ha condotto questa analisi. “L'altro è un rivestimento lucido distribuito su tutta la parte presumibilmente tenuta in mano, ma da nessun'altra parte, che interpretiamo come il risultato dell'usura dell'ocra dovuta al movimento dello strumento all'interno del manico.”

READ  Il cambiamento climatico fa sì che gli alberi facciano fatica a “respirare”

Implicazioni per l'evoluzione umana

L'uso di adesivi multicomponente, comprese varie sostanze appiccicose come le resine degli alberi e l'ocra, era già noto ai primi esseri umani moderni. Homo sapiens, in Africa ma non dai primi Neanderthal in Europa. Nel complesso, lo sviluppo e l’uso degli adesivi nella realizzazione di utensili è considerato una delle migliori prove fisiche dell’evoluzione culturale e delle capacità cognitive dei primi esseri umani.

“Gli adesivi combinati sono tra le prime espressioni dei moderni processi cognitivi ancora attivi oggi”, afferma Schmidt.

Gli autori sottolineano che nella regione di Le Moustiers, l'ocra e il bitume dovevano essere raccolti da siti remoti, il che richiedeva un grande sforzo, una pianificazione e un approccio mirato.

“Tenendo conto del contesto generale dei ritrovamenti, presumiamo che questo adesivo sia stato realizzato dai Neanderthal”, conclude Dutkiewicz.

“Ciò che il nostro studio mostra è che i primi Homo sapiens in Africa e i Neanderthal in Europa avevano modelli di pensiero simili”, aggiunge Schmidt. “Le loro tecniche adesive sono altrettanto importanti per la nostra comprensione dell’evoluzione umana”.

Riferimento: “Gli adesivi compositi a base di ocra nel sito di scrittura musteriano documentano conoscenze complesse e investimenti elevati” di Patrik Schmidt, Radu Iovita, Armel Shari Duhaut, Günter Müller, Abai Namin e Ewa Dutkiewicz, 21 febbraio 2024, Progresso della scienza.
doi: 10.1126/sciadv.adl0822