Agosto 9, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Protesta dell’Arizona: i lacrimogeni sono stati usati per disperdere i manifestanti fuori dall’edificio del Campidoglio dell’Arizona, affermano i funzionari

Secondo una ricerca della CNN, dimostrazioni simili sono previste in tutto il paese durante il fine settimana. Le organizzazioni che organizzano eventi includono aziende come Planned Parenthood, Pons of Ever Bodies e Women’s March.

Venerdì scorso, le forze dell’ordine in Arizona hanno usato gas lacrimogeni per disperdere una folla di attivisti per i diritti dell’aborto che protestavano fuori dalla capitale dello stato di Phoenix.

“Le truppe hanno sparato gas lacrimogeni dopo che i manifestanti hanno ripetutamente bussato alle porte di vetro dell’edificio del Senato dello stato”, ha detto alla Galileus Web Bart Graves, portavoce del Dipartimento di pubblica sicurezza dell’Arizona.

La folla si è poi spostata a Wesley Boll’s Plaza dall’altra parte della strada, dove un monumento è stato danneggiato e la polizia ha usato bombe lacrimogene, ha detto Graves.

“Mentre lavoravamo all’interno, siamo stati interrotti dal rumore della collisione e dall’odore dei gas lacrimogeni”, ha detto Sarah Liquori, democratica dell’Arizona. L’ha twittato Dall’interno dell’edificio. Ha aggiunto: “I manifestanti sono stati rimossi dal Campidoglio”.

Le proteste arrivano dopo che diversi fornitori di aborti dell’Arizona hanno affermato di aver sospeso prematuramente i servizi di aborto a causa della mancanza di chiarezza legale sulla questione, secondo i post sui loro siti web.

Rappresentante dello Stato dell’Arizona Justin Wilmeth, repubblicano L’ha twittato Quando è stato chiesto dai manifestanti, i legislatori stavano lavorando su una o due questioni politiche.

“Come ho sentito, alcune persone si sono schiantate contro le finestre del senato o le hanno rotte, e poi il DPS ha lanciato fumogeni per disperdere la folla. Caos per un po’”, ha twittato Wilmot.

Le proteste si sono svolte davanti alla Corte Suprema

Nella capitale del paese, uno dei manifestanti ha fatto strada davanti alla Corte Suprema, gridando “Giù le mani! Giù le mani!” E “Il mio corpo! La mia volontà!” Chiama e rispondi.

Disse una donna Consociata della CNN WJLA Quel risultato fu un oltraggio.

“È illegale. È illegale abortire”, ha detto la donna. “La maternità forzata è illegale”.

READ  La FIFA dà il nome alle città dei Mondiali 2026: annunci in diretta

I manifestanti hanno chiesto ai presenti di donare agli avvocati dell’aborto e di acquistare pillole abortive da distribuire ad altri.

Anche gli oppositori del diritto all’aborto si sono presentati in Cassazione. Dopo la fine, una persona – in piedi tra i tabelloni tra cui “Row is dead” e “I’m post-Row” – ha spruzzato champagne in aria sopra gli altri durante la celebrazione. Decine di manifestanti per i diritti all’aborto erano sul posto quel pomeriggio, ma la sera sembravano aver lasciato la folla.

Migliaia di persone hanno marciato per le strade di Greenwich, New York, cantando slogan. Uno slogan ha diretto la parolaccia sul giudice Brett Kavanagh. C’erano alcuni attivisti anti-aborto durante la marcia, ma avevano un profilo basso e non vedevano il gruppo della CNN camminare con i manifestanti.

A Los Angeles, i manifestanti hanno bloccato 110 corsie e bloccato il traffico mentre attraversavano il centro. quando L’aborto è legale In California, i manifestanti hanno affermato che stavano mostrando la loro preoccupazione e il loro sostegno alle donne in altri stati.

Ad Atlanta, diverse centinaia di persone si sono radunate davanti al Campidoglio in due manifestazioni separate. Quasi tutte le persone hanno protestato contro questa decisione. Un gruppo della CNN ha individuato uno dei manifestanti, dove un gruppo ha iniziato la sua marcia a poche miglia di distanza.

In Texas, una grande folla si è radunata davanti a un tribunale federale nella città di Austin. Le persone alzavano il microfono per raccontare storie con paura e frustrazione. Alcuni portavano cartelli che dicevano “Pro-vita è una bugia, a loro non importa se moriamo”.

A Washington, DC, un attivista per i diritti dell’aborto è salito in cima al Frederick Douglas Memorial Bridge, che è stato successivamente chiuso. Guido Reichstadter ha pubblicato video e foto sui social media dalla cima del ponte, dove ha srotolato un grande striscione verde. Il verde è riconosciuto come simbolo del diritto all’aborto.

READ  Questo letto da gioco motorizzato aiuta la testa del tuo giocatore a rilassarsi

Reichstadter ha piantato una bandiera sul ponte che diceva: “Non calpestare il mio grembo”.

Mentre molti negli Stati Uniti si oppongono alla sentenza della Corte Suprema, dice alla CNN che il loro sostegno è in gran parte inattivo e che non è sufficiente per garantire l’accesso all’aborto per le donne in tutto il paese.

Camila Bernal, Gary Tuchman, Whitney Wild, Eliott C. McLaughlin, Sharif Paget, Sara Smart, Natasha Chen e Nick Valencia della CNN hanno contribuito al rapporto.