Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Prove dell’esistenza del Mostro della Cumbria? Gli scienziati hanno trovato il DNA di grandi felini sulle pecore selvatiche nel Lake District

Prove dell’esistenza del Mostro della Cumbria?  Gli scienziati hanno trovato il DNA di grandi felini sulle pecore selvatiche nel Lake District



Da tempo si vocifera che i grandi felini vaghino per le campagne britanniche.

Fotografie sfocate, tracce grandi e inspiegabili e drammatiche testimonianze oculari si aggiungono regolarmente al mistero della sua esistenza.

Ma ora gli scienziati affermano di aver trovato prove conclusive che il leopardo vaga per l’area del lago, dopo aver confrontato il DNA trovato su una pecora morta con quello di grandi felini non domestici.

Il professor Reuben Alabi ha analizzato un campione prelevato da una carcassa di pecora e ha scoperto il DNA di una pantera, il che significa che deve provenire da un leone, un leopardo, un leopardo, un giaguaro o un leopardo delle nevi.

Ha detto che la presenza della tigre è molto probabile sul suolo britannico e che questa emozionante scoperta è la prima prova scientifica che i grandi felini non domestici vagano nel Regno Unito.

Gli scienziati affermano di aver trovato la prova definitiva che un leopardo vaga per il Lake District, dopo aver confrontato il DNA trovato su una pecora morta con quello di grandi felini non domestici (immagine stock)

Il biologo Professor Allaby, che ha affermato di essere sempre stato “di mentalità aperta” riguardo alla presenza di grandi felini in Gran Bretagna, ha detto alla rivista BBC Wildlife che i risultati dei suoi test non gli hanno lasciato dubbi sul fatto che ci fossero gatti che infestavano le campagne della Cumbria.

“Mi rende un convertito”, ha detto. “A giudicare dalle probabilità, penso che questo sia un vero successo.”

I resti della pecora sono stati scoperti da Sharon Larkin Snowden, residente in Cumbria, in un sito elevato sconosciuto in ottobre.

Ha disturbato ciò che si stava cibando della carcassa e l’animale è corso verso un muro di pietra prima di scomparire.

“Ho visto qualcosa di nero correre e all’inizio ho pensato che fosse un cane da pastore”, ha detto. “Poi ho ricontrollato e ho capito che era un gatto nero, correva verso un muro di pietra, si fermava e saltava sul muro. Era grande, delle dimensioni di un pastore tedesco.”

READ  In che modo i satelliti "zombi" evitano di causare danni all'atmosfera? Mandali in questo cimitero oceanico

Larkin Snowden ha preso un tampone del corpo e lo ha inviato a Rick Minter, presentatore di Big Cat Conversations, che a sua volta lo ha passato al professor Allaby.

Ha analizzato il campione nel suo laboratorio presso l’Università di Warwick e ha scoperto il DNA sia della volpe che della tigre. Ha detto che i risultati indicano che la pecora è stata mangiata da una volpe e da un grosso gatto, come una tigre.

Un’immagine sgranata, pubblicata da un gruppo Facebook chiamato Big Cats in Cumbria, corrisponde ad altri presunti avvistamenti nella campagna intorno a Bowness-on-Windermere nel South Lake District.

Il professor Alabi ha detto di essere relativamente fiducioso che il campione, che conteneva solo una piccola quantità di DNA di grande gatto, non fosse un falso, aggiungendo: “Se questo fosse un falso, mi aspetterei che ci sia molto DNA da rilevare .” Assicurati di trovarlo.

“Sarebbe molto difficile impiantare un piccolo numero di molecole con un minimo di destrezza – non credo che potrei farlo, per non parlare di una persona normale”.

Tuttavia, il professor Alabi ha affermato che non c’era abbastanza DNA per determinare il sesso esatto del grande felino.

Ha anche detto che erano necessari più campioni prima di poter pubblicare la ricerca sulle sue scoperte o dire in modo definitivo che un grosso felino vagava per la Cumbria.

Ma il dottor Egil Drøge, ricercatore di predatori-prede presso l’Università di Oxford, si è detto scettico.

Ha detto alla BBC: “Non c’erano buone foto di grandi felini della zona, e non c’erano segnalazioni di pecore macellate”. Mi piacerebbe vedere prove più convincenti e replicate.

“Se un grosso felino vagasse per l’Inghilterra, ti aspetteresti di vedere gruppi di pecore uccise. Avere un grosso felino in uno spazio ristretto, come un campo, con le pecore, porterebbe molto rapidamente alla morte di molte di quelle pecore. Ciò non passerà inosservato.”

READ  SpaceX e la NASA hanno rinviato la decodifica di speciali astronauti Ax-1 sulla Stazione Spaziale Internazionale
I resti delle pecore sono stati scoperti da Sharon Larkin Snowden, residente in Cumbria, in un sito alto e sconosciuto in ottobre (immagine stock)

Le rivendicazioni dei grandi felini nel Regno Unito non sono un fenomeno nuovo. Si dice che il cosiddetto mostro di Bodmin infesti le brughiere della Cornovaglia sin dagli anni ’70, e il test del DNA sui peli di animali trovati nel filo spinato nel Gloucestershire nel 2022 ha indicato la presenza di un grosso felino.

Ci sono stati molti possibili avvistamenti in Cumbria dall’inizio del XX secolo.

Nel 2015, Nitch Bowden, operaio alberghiero di 26 anni, ha parlato al giornale locale della sua paura di essere colpito e travolto da un grosso felino mentre camminava a Tarn Hawes Wood, tra Coniston e Hawkshead.

Ha affermato di essersi svegliato mezz’ora dopo senza alcun ricordo dell’attacco, ma aveva lividi, uno squarcio profondo di cinque pollici sulla spalla sinistra e quelli che sembravano essere quattro segni di artigli sull’avambraccio.

“So che l’intera faccenda è un po’ inverosimile, ma sembra molto vaga e non al di fuori del campo delle possibilità”, ha detto Bowden alla Westmorland Gazette.