Agosto 20, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Punto esclamativo per la Cina, fornito da margini migliori

Quattro anni dopo essere arrivati ​​secondi in uno straziante secondo alle ultime Olimpiadi, la cinese Xu Wenjing e Hong Kong hanno vinto la medaglia d’oro alla Figurine Skating Couple sabato. La loro vittoria potrebbe essere stata l’ultima medaglia per la nazione ospitante, con due settimane di prestazioni impeccabili finali corrotte e macchiate di lacrime per il loro sport, e ha aggiunto un punto esclamativo al miglior bottino di medaglie della Cina da un torneo invernale.

Shui e Han conoscevano già la differenza tra sottilissimi alle Olimpiadi. Sabato, finalmente, hanno goduto della gioia di essere dalla parte dei vincitori.

Il loro oro, come il loro argento quattro anni fa, arrivava con ottimi margini: uno-63esimo. Al Capitol Indoor Stadium di Pechino, Sui e Han sono scoppiati immediatamente in lacrime di gioia quando la loro vittoria sulla coppia russa Evgenia Tarasova e Vladimir Morozov è stata confermata e registrata sul loro tabellone. In pochi secondi, sono scomparsi in una folla celebrativa di allenatori e dirigenti della squadra che reggevano una grande bandiera cinese.

“Sento che il mio sogno si è avverato e sono così felice”, ha detto Sui.

Dopo aver vinto sia il programma corto di venerdì che il pattino libero di sabato, con un totale di 239,88 punti, Sui e Han hanno conquistato a malapena i russi Tarasova e Morozov (239,25 punti). Un’altra coppia russa, i campioni del mondo in carica Anastasia Mishina e Alexander Kaliamov, è arrivata terza, a due punti di distanza.

Quando gli eventi della coppia ai Giochi di Pechino furono definiti come l’evento finale di pattinaggio artistico, la Cina si aspettava la vittoria di Xu e Han. Questa è la prima volta in 60 anni che l’ultimo evento di pattinaggio dei Giochi Invernali si tiene senza un evento top come il singolare femminile.

READ  Randall Quarles si è dimesso alla fine dell'anno, aprendo la strada a un ulteriore rifacimento della Federal Reserve di Biden.

In un’esibizione commovente chiamata “Bridge Over the Problem”, Sui e Han hanno saltato su Tarasova e Morozov, che pochi minuti fa hanno preso il comando con il loro interessante free skate. Tuttavia, la coppia cinese ha avuto lo slancio alle spalle: ha stabilito un record mondiale di punti nel programma corto venerdì, quindi ha battuto il record di punteggi totali sabato. Hanno fatto tutto dal punto di vista di una nazione.

In vista dei Giochi, il ministro cinese dello sport ha fissato un obiettivo per la squadra cinese: superare le precedenti medaglie del paese ai Giochi invernali. Numero cinque da colpire. L’oro di Sui e Han è la nona medaglia cinese a Pechino.

Entrambi sono amati in Cina e potrebbero essere il miglior soprannome per gli olimpionici. Sul sito di social media cinese Weibo, Xui e Han sono conosciuti collettivamente come il Secchio di Scalogno. Sui ha detto che il nome era quando erano adolescenti e il suo corpo aveva la forma di un barile. Poiché il nome di Kang è sinonimo della parola mandarina Scolian, i fan li hanno messi insieme.

Sui e Han, entrambi della lunga e dura città invernale di Harbin, erano ansiosi di riprendersi dopo aver perso di un punto contro la squadra tedesca nel 43° secolo ai Giochi di Pyongyang del 2018.

A Pechino, la coppia cinese ha dovuto affrontare la dura concorrenza di tre coppie russe, che erano in classifica dopo un breve spettacolo. Sabato è stato costruito il pattino libero alla fine, uno dopo l’altro una squadra russa ha preso il comando, cedendolo ai russi che li hanno seguiti pochi minuti dopo.

READ  Il programma self-service di Apple ti consente di riparare da solo iPhone e Mac

Nessuno dei russi, però, è stato abbastanza bravo da battere Sui e Han, che si sono bagnati tra gli applausi di una piccola folla di loro connazionali invitati a guardare il free skate.

Successivamente, Xui ha elogiato la Cina, i suoi prodotti olimpici, il supporto che loro e Han hanno ricevuto e i loro allenatori.

“E”, ha aggiunto, “vogliamo ringraziare i nostri genitori, devono essere andati molto davanti ai televisori”.

Liu Yi ha contribuito alla ricerca.