Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quanto sbaglia il mercato

Il mercato delle criptovalute ha subito un duro colpo quest’anno, cancellando oltre $ 2 trilioni dal suo valore dal suo picco nel novembre 2021. Le criptovalute sono state sotto pressione dopo il crollo del principale scambio FTX.

Jonathan Ra | Norfoto | Immagini Getty

L’anno 2022 ha visto l’inizio di un nuovo “inverno delle criptovalute”, con il crollo di aziende importanti su tutta la linea e i prezzi delle criptovalute che sono crollati in modo spettacolare. Gli eventi dell’anno hanno colto di sorpresa molti investitori e hanno reso molto più difficile il compito di prevedere il prezzo del Bitcoin.

Il mercato delle criptovalute è stato inondato di esperti che hanno fatto chiamate frenetiche su dove andrà il bitcoin. È stato per lo più positivo, anche se alcuni hanno predetto correttamente che la criptovaluta sarebbe scesa sotto i $ 20.000 a moneta.

Ma molti osservatori del mercato sono rimasti sorpresi da ciò che stava accadendo Un anno tumultuoso per la criptovalutacon il fallimento di aziende e progetti di alto profilo che hanno provocato onde d’urto nel settore.

È iniziato a maggio con il crollo di terraUSD, o UST, uno stablecoin algoritmico che avrebbe dovuto essere collegato uno a uno con dollaro Americano. Il suo fallimento ha portato al collasso del token gemello di terraUSD Luna e ha colpito le aziende con esposizione a entrambe le criptovalute.

Three Arrows Capital, un hedge fund con una visione rialzista sulla criptovaluta, Si sono lasciati andare al filtraggio E il Fallimento archiviato a causa della sua esposizione a terraUSD.

Poi è arrivato un file Ripartizione FTX di novembre, uno dei più grandi scambi di criptovalute al mondo gestito da Sam Bankman-Fried, un dirigente spesso sotto i riflettori. Le ricadute di FTX continuano a diffondersi nel settore delle criptovalute.

Oltre ai fallimenti specifici delle criptovalute, gli investitori hanno dovuto anche fare i conti con l’aumento dei tassi di interesse, che ha messo sotto pressione gli asset a rischio, comprese le azioni e le criptovalute.

Bitcoin è sceso di circa il 75% da quando ha raggiunto il massimo storico di quasi $ 69.000 nel novembre 2021 e oltre $ 2 trilioni sono stati cancellati dal valore dell’intero mercato delle criptovalute. Venerdì, il bitcoin veniva scambiato sotto i 17.000 dollari.

CNBC ha contattato le persone dietro alcune delle più audaci chiamate sui prezzi dei bitcoin nel 2022, chiedendo loro come hanno sbagliato e se gli eventi dell’anno hanno cambiato la loro visione della più grande valuta digitale del mondo.

Tim Draper: $ 250.000

Nel 2018, in una conferenza tecnologica ad Amsterdam, Tim Draper ha predetto che il bitcoin avrebbe raggiunto i 250.000 dollari entro la fine del 2022. Il famoso investitore della Silicon Valley indossava una cravatta viola con i loghi dei bitcoin, e persino Ha eseguito il rap Informazioni sulla valuta digitale sul palco.

Quattro anni dopo, sembra improbabile che l’invito di Draper si materializzi. Quando gli è stato chiesto del suo obiettivo di $ 250.000 all’inizio di questo mese, il fondatore di Draper Associates ha dichiarato alla CNBC che $ 250.000 sono “ancora digitali”, ma sta estendendo la sua previsione di sei mesi.

“Mi aspetto un viaggio verso criptovalute di qualità e decentralizzate come il bitcoin, e alcune delle monete più deboli diventino reliquie”, ha detto alla CNBC via e-mail.

Bitcoin dovrebbe aumentare di quasi il 1.400% rispetto al suo prezzo attuale di poco meno di $ 17.000 affinché la previsione di Draper si materializzi. Il suo ragionamento è che, nonostante la liquidazione di attori di mercato di alto profilo come FTX, rimane un enorme gruppo demografico non sfruttato per bitcoin: le donne.

“Presumo che, dato che l’80% della spesa al dettaglio è controllata da donne e solo 1 portafoglio bitcoin su 7 è attualmente detenuto da donne, la diga sta per rompersi”, ha affermato Draper.

Nexo: $ 100.000

Ad aprile, Anthony Trenchev, CEO del prestatore di criptovaluta Nexo, ha dichiarato alla CNBC che credeva che la più grande criptovaluta del mondo potesse Aumento di oltre $ 100.000 entro 12 mesi. Anche se mancano ancora quattro mesi, Trenchev riconosce che è improbabile che il bitcoin raggiunga presto tale livello.

Bitcoin è stato “su una traiettoria molto positiva” con una crescente adozione istituzionale, afferma Trenchev, ma “sono intervenute alcune forze importanti”, tra cui l’accumulo di leva finanziaria, prestiti non garantiti o di bassa qualità e attività fraudolente.

“Sono piacevolmente sorpreso dalla stabilità dei prezzi delle criptovalute, ma non credo che siamo ancora fuori pericolo e gli effetti di secondo e terzo ordine sono ancora in gioco, quindi sono un po’ scettico per quanto riguarda il V -la forma va”, ha detto Trenchev.

L’uomo d’affari afferma di aver anche fatto previsioni sui prezzi dei bitcoin. “Il mio consiglio a tutti, tuttavia, non è cambiato”. “Prendi un punto percentuale a una cifra delle tue risorse investibili in bitcoin e non guardarlo per 5-10 anni. Grazie più tardi.”

Guido Buehler: $ 75.000

Il 12 gennaio, Guido Bühler, ex CEO della Ciba Bank regolamentata in Svizzera, che si concentra sulle criptovalute, ha affermato che la sua azienda ha un “modello di valutazione interno” compreso tra $ 50.000 e $ 75.000 per bitcoin nel 2022.

Il ragionamento di Buehler era che gli investitori istituzionali avrebbero aiutato a far salire il prezzo.

Il CEO di SEBA Bank afferma che gli investitori istituzionali stanno cercando il momento giusto per entrare nelle criptovalute

A quel tempo, il bitcoin veniva scambiato tra $ 42.000 e $ 45.000. Bitcoin non ha mai raggiunto i 50.000$ nel 2022.

Il CEO, che ora gestisce la propria società di consulenza e investimento, ha affermato che il 2022 è stato un “anno orribile”, rispondendo alle domande della CNBC su cosa è andato storto con la chiamata.

“La guerra in Ucraina a febbraio ha sconvolto il paradigma del sistema globale e dei mercati finanziari”, ha affermato Boehler, sottolineando le conseguenze dell’aumento della volatilità del mercato e dell’aumento dell’inflazione alla luce delle interruzioni di materie prime come il petrolio.

Un altro fattore chiave è stata “la consapevolezza che i tassi di interesse sono ancora il fattore trainante per la maggior parte delle classi di attività”, comprese le criptovalute, che “è stato un duro colpo per la comunità delle criptovalute, poiché si credeva che questa classe di attività non fosse correlata alle attività tradizionali”.

Buehler ha affermato che anche la mancanza di gestione del rischio nel settore delle criptovalute, la mancanza di regolamentazione e le frodi sono stati fattori importanti che hanno influenzato il prezzo.

Il CEO rimane ottimista sul bitcoin, tuttavia, affermando che raggiungerà $ 75.000 “in futuro”, ma è “tutta una questione di tempismo”.

“Credo che BTC abbia dimostrato la sua forza durante la crisi dal 2008 e continuerà a farlo”.

Paolo Arduino: $ 50.000

Paolo Ardoino, chief technology officer di Bitfinex e Tether, ha detto alla CNBC ad aprile che si aspettava che il bitcoin scendesse bruscamente sotto i 40.000 dollari, ma alla fine dell’anno “molto sopra” i 50.000 dollari.

“Sono una persona rialzista sui bitcoin… Vedo molto da fare in questo settore e così tanti paesi sono interessati ad adottare bitcoin che sono davvero positivo”, ha detto all’epoca.

Il CTO di Bitfinex prevede che Bitcoin lo sarà

Il giorno dell’intervista, il bitcoin era scambiato a oltre $ 41.000. La prima parte della chiamata di Ardoino era corretta: il bitcoin è sceso sotto i $ 40.000. Ma non si è ripresa.

In un’e-mail di follow-up di questo mese, Arduino ha affermato di credere nella resilienza di Bitcoin e nella tecnologia blockchain alla base.

Ha detto alla CNBC: “Come accennato in precedenza, le previsioni sono difficili da fare. Nessuno avrebbe potuto prevedere o prevedere quante aziende, che sono così apprezzate dalla comunità globale, falliranno in modo così spettacolare”.

“Ci sono ancora alcune legittime preoccupazioni e domande sul futuro della criptovaluta. Potrebbe essere un settore volatile, ma le tecnologie sviluppate dietro di esso sono incredibili.”

Banca tedesca: $ 28.000

Uno degli argomenti principali nel 2022 è stata la correlazione di Bitcoin con gli indici azionari statunitensi, in particolare l’high-tech Nasdaq 100. A giugno, gli analisti di Deutsche Bank hanno pubblicato una nota secondo cui il bitcoin potrebbe chiudere l’anno a un prezzo vicino a $ 27.000. Al momento della scrittura, il bitcoin veniva scambiato a poco più di $ 20.000.

Ciò si basava sulla convinzione degli analisti azionari di Deutsche Bank che l’S&P 500 salirà a $ 4.750 entro la fine dell’anno.

Ma è improbabile che questa chiamata si materializzi.

In che modo il crollo della criptovaluta da 60 miliardi di dollari ha preoccupato i regolatori

Marion Laborie, uno degli autori del rapporto preliminare di Deutsche Bank sulle criptovalute di giugno, ha affermato che la banca ora si aspetta che il bitcoin finisca l’anno a circa $ 21.000.

“È probabile che l’elevata inflazione, la stretta monetaria e la lenta crescita economica aumentino la pressione al ribasso sull’ecosistema delle criptovalute”, ha detto Laborie alla CNBC, aggiungendo che gli asset tradizionali come le obbligazioni potrebbero iniziare a sembrare più attraenti per gli investitori rispetto al bitcoin.

Laboure ha anche affermato che i crolli di alto profilo continuano a colpire il sentimento.

“Ogni volta che un attore importante nel settore delle valute digitali fallisce, l’ecosistema subisce una crisi di fiducia”, ha affermato.

“Oltre alla mancanza di regolamentazione, i maggiori ostacoli delle criptovalute sono la trasparenza, i conflitti di interesse, la liquidità e la mancanza di dati disponibili affidabili. Il crollo di FTX ci ricorda che questi problemi rimangono irrisolti.”

JPMorgan: $ 13.000

In una nota di ricerca datata 9 novembre, l’analista di JPMorgan Nikolaos Panegirzoglou e il suo team hanno previsto che il prezzo del bitcoin sarebbe sceso a 13.000 dollari “nelle prossime settimane”. Hanno beneficiato del senno di poi dopo la crisi di liquidità di FTX, che secondo loro avrebbe inaugurato una “nuova fase di riduzione dell’indebitamento delle criptovalute”, esercitando una pressione negativa sui prezzi.

Gli analisti hanno affermato che il costo necessario ai minatori per produrre nuovi bitcoin ha storicamente agito da “base” per il prezzo del bitcoin ed è probabile che rivisiti il ​​minimo di $ 13.000 visto durante i mesi estivi. Questo non è così lontano dall’attuale prezzo di Bitcoin come alcune altre previsioni, ma è ancora ben al di sotto del prezzo di venerdì di poco meno di $ 17.000.

Un portavoce di JPMorgan ha detto che Panigirzoglu “non è disponibile per ulteriori commenti” sulle proiezioni del suo gruppo di ricerca.

Ultima ricerca strategica: $ 13.000

Ian Harnett, co-fondatore e chief investment officer della società di ricerca macro Absolute Strategy Research, Attenzione a giugno È probabile che la valuta digitale più importante del mondo scenda a $ 13.000.

Spiegando la sua chiamata ribassista in quel momento, Harnett ha affermato che nei passati rally di criptovaluta, Bitcoin tende successivamente a scendere di quasi l’80% rispetto ai massimi storici. Nel 2018, ad esempio, il token è sceso di quasi $ 3.000 dopo aver raggiunto quasi $ 20.000 alla fine del 2017.

L’obiettivo di Harnett è più vicino della maggior parte, ma il bitcoin dovrebbe scendere di un altro 22% per raggiungere quel livello.

Bitcoin potrebbe scendere fino a $ 13.000 mentre la Fed si restringe, avverte lo stratega

Quando gli è stato chiesto come si sentiva riguardo alla chiamata di oggi, Harnett ha detto di essere “molto felice di sottolineare che siamo ancora in fase di deflazione nella bolla dei bitcoin” e che un calo vicino a $ 13.000 è ancora sulle carte.

“Le bolle di solito vedono circa l’80% di riflettività”, ha detto in risposta alle domande via e-mail.

Con la Federal Reserve americana pronta ad alzare ulteriormente i tassi di interesse il prossimo anno, secondo Harnett non si può escludere un ulteriore calo da $ 13.000 a $ 12.000 o addirittura $ 10.000.

“Sfortunatamente, non esiste un modello di valutazione intrinseco per questo asset – infatti, non c’è accordo se si tratti di una merce o di una valuta – il che significa che c’è ogni possibilità che questo possa scendere se vediamo condizioni di liquidità strette e/o il fallimento degli enti/scambi”, ha detto altri digitali.

Mark Mobius: $ 20.000, poi $ 10.000

Carol Alexander: $ 10.000

Nel dicembre 2021, un mese dopo il massimo storico del bitcoin, Carol Alexander, professoressa di finanza all’Università del Sussex, ha dichiarato di aspettarsi che il bitcoin scenda a $ 10.000 “o più” nel 2022.

Il bitcoin all’epoca è sceso di circa il 30% dal suo record vicino a $ 69.000. Tuttavia, molte persone che parlavano di criptovaluta all’epoca si aspettavano maggiori guadagni. Alexander era una delle rare voci che andavano controcorrente.

Come Wall Street ha imparato ad amare Bitcoin

“Se fossi un investitore ora, prenderei in considerazione l’idea di uscire presto da Bitcoin perché il suo prezzo probabilmente crollerà l’anno prossimo”, ha detto all’epoca. Il suo richiamo all’orso si basava sull’idea che il bitcoin ha poco valore intrinseco e viene utilizzato principalmente per la “speculazione”.

Bitcoin non è sceso fino a $ 10.000, ma Alexander si sente bene con la sua previsione. “Rispetto alle previsioni di altre persone, la mia era di gran lunga la più vicina”, ha detto nei commenti inviati via e-mail alla CNBC.

READ  Bitcoin recupera, balza del 7,6% superando i 20.400$