Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Quattro ostaggi tenuti al Festival di Noè liberati durante un raid a Gaza

Quattro ostaggi tenuti al Festival di Noè liberati durante un raid a Gaza
Titolo del video, L’ostaggio israeliano liberato Noah Arkamani si riunisce a suo padre

  • autore, Alex Therrien
  • azione, notizie della BBC
  • Rapporto da Londra

Quattro ostaggi rapiti da Hamas dal festival musicale Noah durante gli attacchi del 7 ottobre sono stati salvati in un raid in pieno giorno nel centro di Gaza.

Noah Arkamani, 26 anni, Almok Meir Jan, 22, Andriy Kozlov, 27, e Shlomi Ziv, 41, sono stati liberati da due edifici separati nell’area di Nusirat durante una “operazione complessa e ad alto rischio”, hanno detto le forze di difesa israeliane.

L’IDF ha detto che i quattro erano in buone condizioni e che erano stati trasferiti al centro medico “Sheba” di Tel-Hashomer, dove erano stati fotografati in attesa di cure da parte dei familiari.

Decine di persone, compresi bambini, sono state uccise e ferite nell’area in cui ha avuto luogo l’operazione, con immagini e filmati che mostrano un numero significativo di vittime.

Secondo quanto riferito, il personale dell’ospedale di Al-Aqsa sta lottando per curare i feriti.

Il raro salvataggio degli ostaggi – un’operazione congiunta dell’IDF, dell’Agenzia per la difesa israeliana e della polizia israeliana – avviene otto mesi dopo l’inizio della guerra con Hamas a Gaza.

Il portavoce dell’IDF Daniel Hagari ha detto che l’operazione si basava su informazioni di intelligence “precise” e che le forze israeliane hanno aperto il fuoco durante l’operazione.

Un ufficiale delle forze speciali è morto in ospedale dopo essere rimasto ferito durante il salvataggio di ostaggi a Gaza, ha detto la polizia israeliana.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha elogiato le forze israeliane per aver agito in modo creativo e coraggioso.

“Non lasceremo andare finché non avremo completato la missione e riportato a casa tutti gli ostaggi, sia vivi che morti”, ha aggiunto.

didascalia dell’immagine, Ostaggio liberato Almok Meir Jan reagisce dopo che l’esercito ha affermato che le forze israeliane hanno salvato vivi quattro ostaggi dal centro della Striscia di Gaza.

La signorina Arkamani, cittadina israeliana di origine cinese, è stata rapita al festival Noè il 7 ottobre, quando la 26enne ha gridato: “Non uccidermi!” Lo mostrava mentre veniva portato dietro una motocicletta mentre urlava.

Dopo la notizia dell’operazione di salvataggio di sabato, è emerso un nuovo video che la mostrava riunita con suo padre, sorridente e abbracciata nel veicolo.

Sia il signor Kozlov che il signor Ziv, un russo che ha visitato Israele nel 2022, stavano lavorando come guardie di sicurezza al festival quando sono stati rapiti.

Il giorno dopo il suo rapimento, il signor John avrebbe dovuto iniziare un lavoro presso una grande azienda tecnologica.

fonte dell’immagine, Belle foto

didascalia dell’immagine, Andrey Kozlov è un russo-israeliano che lavorava nella sicurezza del festival musicale dirottato il 7 ottobre.

Il quartier generale dell’Hostage Families Forum, un gruppo che rappresenta le famiglie degli ostaggi, ha descritto il salvataggio come “una vittoria miracolosa” e ha ringraziato l’IDF per la sua “azione eroica”.

Il gruppo ha aggiunto: “Il governo israeliano deve ricordare il suo impegno a riportare indietro tutti i 120 ostaggi ancora detenuti da Hamas – quelli che vivono per la riabilitazione, quelli uccisi per la sepoltura -“.

Il salvataggio avviene nel contesto di un cessate il fuoco tra Israele e Hamas e degli sforzi per garantire il rilascio degli ostaggi.

Netanyahu è stato sollecitato a raggiungere un accordo, ma deve affrontare l’opposizione degli alleati di estrema destra che affermano che l’azione militare è l’unica opzione per salvare gli ostaggi.

L’operazione di sabato è stata il salvataggio di ostaggi di maggior successo da parte dell’esercito israeliano durante la guerra – e potrebbe cambiare i calcoli di un primo ministro sotto pressione.

didascalia dell’immagine, Il ministero della Sanità guidato da Hamas ha affermato che decine di persone, compresi bambini, sono state uccise e ferite nel centro di Gaza

In risposta all’offensiva militare del Nusirat, il capo politico di Hamas Ismail Haniyeh ha affermato che Israele non può imporre le sue scelte al gruppo.

Ha detto che il gruppo non accetterà un accordo di cessate il fuoco a meno che non venga raggiunta la sicurezza per i palestinesi.

Un attacco di Hamas il 7 ottobre nel sud di Israele ha ucciso circa 1.200 persone e ne ha catturate altre 251.

Nei territori palestinesi si trovano circa 116 persone, di cui 41 morti, secondo l’esercito.

Un accordo raggiunto a novembre prevedeva che Hamas liberasse 105 ostaggi e 240 prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane in cambio di un cessate il fuoco di una settimana.

Sabato, il ministero della Sanità gestito da Hamas ha dichiarato che il bilancio delle vittime a Gaza è ora pari a 36.801.

didascalia dell’immagine, Shlomi Ziv faceva parte della guardia di sicurezza presente alla cerimonia
READ  Gli Eagles affrontano Bucks Joe Burrow per giocare per i Bengals contro i Rams