Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Questo uccello africano ti condurrà al miele, se lo chiami nel modo giusto

Questo uccello africano ti condurrà al miele, se lo chiami nel modo giusto

L’uccello selvatico africano che conduce le persone verso alberi pieni di favi sembra aver in qualche modo imparato i fischi e i richiami degli esseri umani in cerca di cibo che vivono nelle vicinanze.

Gli scienziati si interrogano da tempo su questa insolita relazione di cooperazione tra esseri umani e animali selvatici. Questo tipo di uccello, il grande mieleguida, non è mai stato addomesticato e nessuno lo addestra.

Tuttavia, in Tanzania, i raccoglitori Hadza possono usare un fischio speciale per attirare questo uccello, che poi svolazzerà e inizierà a chiacchierare per condurli al miele.

In Mozambico, invece, i cacciatori di miele della comunità Yao attireranno questi uccelli con un suono monotono seguito da un grugnito basso che suona come… brrr-hmph.

In Mozambico, un uccello guida del miele ha condotto il cacciatore di miele Yao, Carvalho Issa Nangwar, a questo nido di api. Usa il fumo e un’ascia per raccogliere il miele.

Secondo un nuovo rapporto, ovunque gli uccelli sono più reattivi ai suoni prodotti dalla cultura locale Stare Nella rivista Scienze.

Ha scoperto che gli uccelli erano più propensi a presentarsi e condurre una persona al miele quando sentivano registrazioni del tipo di richiamo effettuato dai loro abituali partner umani, rispetto ai suoni emessi dai cacciatori di miele di un altro paese.

“Si tratta di un risultato molto forte che supporta l’idea che sia coinvolto un processo educativo”, afferma. Brian Woodun antropologo dell’Università della California, che ha condotto questo nuovo lavoro in collaborazione con… Claire Spottiswoode Università di Cambridge e Università di Città del Capo.

Secondo i ricercatori, i cacciatori di miele umani imparano a comunicare con questi uccelli dagli anziani, e questi ricercatori dicono che si attengono ai richiami tradizionali delle loro comunità perché è il modo per ottenere la maggior quantità di miele.

READ  L'Iran emette pene detentive per aver abbattuto un aereo passeggeri ucraino nel 2020 | Notizia

Ma come imparano gli uccelli? Non è ancora chiaro.

Ciò che è chiaro è che questa comunicazione uomo-animale sembra avvantaggiare entrambe le parti e potrebbe risalire a diverse migliaia di anni fa. È un raro esempio di esseri umani e animali selvatici che collaborano tra loro Esempio Siamo delfini e persone che pescano insieme in Brasile.

In Africa, gli uccelli guida del miele hanno molte più informazioni su ciò che fanno le api rispetto agli esseri umani. Gli uccelli agiscono come occhi nel cielo, seguendo gli alberi che hanno i favi nascosti al loro interno.

Quindi, quando un raccoglitore li chiama, la guida del miele volerà giù, cinguettierà forte e aprirà la strada.

“L’uccello è molto articolato. Sai, volerà verso gli Hadza con la sua voce chiacchierone”, dice Wood, aggiungendo che l’uccello sembra dire: “Ehi, sono qui e so dove si trova il miele”. Quindi seguimi.”

Una volta che l’uccello raggiunge un albero contenente del miele, si siederà vicino all’alveare e resterà in silenzio. “Questo è un segnale per gli Hadza che iniziano davvero a cercare”, dice Wood. Presto i ricercatori individueranno l’alveare e apriranno il tronco dell’albero.

Quando il favo esce, gli uccelli prendono parte della cera d’api scartata, che a loro piace mangiare.

I raccoglitori umani ottengono il miele, che è una quantità enorme Importante Cibo Hadza. Wood ha calcolato che gli Hadza ottengono circa il 10% delle calorie della loro dieta annuale con l’aiuto dei favi.

“Quindi abbiamo questa straordinaria partnership in cui gli uccelli condividono la loro conoscenza della posizione di questi alberi di api e i cacciatori di miele condividono le loro straordinarie abilità, coraggio e talenti per riuscire a procurarsi il miele che contengono”, afferma Wood. “L’uccello sta già fornendo loro un aiuto importante.”

READ  Analisi: l'assenza del presidente cinese Xi Jinping dal vertice del G20 potrebbe far parte del suo piano per rimodellare la governance globale

A dice un report Uno studio sul rapporto tra esseri umani e guide del miele, pubblicato decenni fa, descriveva come i Boran del Kenya usassero conchiglie cave per emettere fischi acuti che attiravano gli uccelli.

Ma lui e Spottiswoode si sono resi conto in modo indipendente che le comunità con cui lavoravano in Tanzania e Mozambico utilizzavano tipi diversi di segnali.

“Entrambi abbiamo pensato che sarebbe stato fantastico collaborare a un progetto in cui indagavamo se le api mellifere nei nostri siti sul campo hanno imparato a riconoscere e rispondere in modo differenziale a questi segnali culturalmente divergenti”, afferma. “È stato molto divertente fare questa ricerca.”

Lui e Spottiswoode hanno utilizzato apparecchiature di registrazione per raccogliere esempi di segnali utilizzati dai cacciatori di miele.

L’anno successivo, tornarono in ciascuno dei loro siti di ricerca con una serie standard di registrazioni: fischi dalla Tanzania, ululati dal Mozambico e anche registrazioni di persone che pronunciavano semplicemente i loro nomi, come suono di controllo che avrebbe semplicemente avvisato gli uccellini della presenza degli uccelli. presenza. persona.

In ogni sito, hanno condotto un esperimento che ha coinvolto un cacciatore di miele che camminava attraverso il paesaggio. Uno dei ricercatori lo seguiva da vicino, tenendo in mano un altoparlante calibrato per trasmettere campioni audio a un certo volume (misurato in decibel). Ogni volta che appare un uccello guida del miele, il ricercatore lo nota.

Ciò che hanno scoperto è che gli uccelli avevano maggiori probabilità di apparire quando veniva trasmesso il segnale familiare utilizzato dalla gente del posto.

In Tanzania, le guide del miele sono apparse nell’82% delle rappresentazioni di fischietti Hadza. Ma gli uccelli sono comparsi solo nel 24% dei casi quando i ricercatori hanno suonato i tipi di trilli tradizionalmente usati in Mozambico.

READ  I sentieri escursionistici più pericolosi del mondo

Per gli uccelli che vivono in Mozambico è vero il contrario. Hanno risposto alle grida il 73% delle volte, ma solo il 26% delle volte quando i fischi venivano trasmessi dalla Tanzania.

Ciò dimostra che gli uccelli hanno dovuto imparare cosa fanno i loro vicini umani quando vogliono collaborare e andare a caccia di miele.

Il fatto che questi uccelli possano rispondere a specifici segnali culturali è notevole, dice Steve Nowickiun ricercatore sulle comunicazioni degli uccelli presso la Duke University che ha co-scritto un commento che ha accompagnato il rapporto dei ricercatori sulle loro scoperte.

Sottolinea che questi uccelli appartengono a un gruppo di uccelli che non si distinguono per l’apprendimento vocale, a differenza dei pappagalli o degli uccelli canori.

“Ecco perché penso che sia sorprendente che le guide al miele sottolineino queste differenze culturali specifiche della popolazione”, afferma Nowicki.

Gli uccelli non possono aver imparato questo dai loro genitori, perché le guide del miele depongono le uova nei nidi di altre specie che poi allevano la prole.

Ma Wood sottolinea che quando i raccoglitori aprono un albero ed espongono un favo, di solito più di una guida del miele vola lì per godersi la ricompensa.

I cacciatori di miele nella Riserva privata di Niassa, in Mozambico, lasciano una deliziosa cera per gli uccelli guida del miele che li conducono ai loro alveari.
I cacciatori di miele nella Riserva privata di Niassa, in Mozambico, lasciano una deliziosa cera per gli uccelli guida del miele che li conducono ai loro alveari.

“Ci sono spesso più honeyguide, fino a sei o più”, afferma Wood. Ciò significa che è possibile che gli uccelli più giovani osservino come gli uccelli più anziani interagiscono con gli esseri umani e poi inizino a imitare quel comportamento.

Se così fosse, gli uccelli guida del miele apprenderebbero questi richiami speciali dagli anziani, proprio come fanno i loro partner umani.

Diritto d’autore 2023 NPR. Per saperne di più, visitare https://www.npr.org.