Maggio 27, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Riforme pensionistiche in Francia: il Consiglio costituzionale autorizza l’aumento dell’età a 64 anni

Riforme pensionistiche in Francia: il Consiglio costituzionale autorizza l’aumento dell’età a 64 anni
  • Scritto da Kathryn Amstrong
  • notizie della BBC

spiegare il video,

Guarda: le riforme delle pensioni di Macron sono “violente”, secondo un manifestante a Parigi

Il più alto organo costituzionale francese ha assolto la mossa profondamente impopolare del governo di Macron di aumentare l’età pensionabile statale da 62 a 64 anni.

Anche il Consiglio costituzionale ha respinto le richieste di referendum degli oppositori politici, ma ha annullato alcune riforme per vizi giuridici.

Da gennaio ci sono stati 12 giorni di proteste contro le riforme.

A marzo, il governo ha utilizzato uno speciale potere costituzionale per imporre cambiamenti senza voto.

Il presidente Emmanuel Macron sostiene che sono necessarie riforme per prevenire il collasso del sistema pensionistico, e il primo ministro Elisabeth Borne ha twittato venerdì: “Stasera non c’è vincitore o perdente”.

Il ministro del lavoro Olivier Dussopp si è impegnato a migliorare i tassi di occupazione per gli ultracinquantenni nel tentativo di alleviare le preoccupazioni sulle implicazioni finanziarie dell’innalzamento dell’età pensionabile.

Le autorità avevano vietato le manifestazioni davanti all’edificio del Consiglio costituzionale a Parigi fino a sabato mattina, ma folle di manifestanti si sono radunate nelle vicinanze e la sentenza è stata accolta con il ridicolo.

Alcuni manifestanti hanno cantato che avrebbero continuato a protestare fino a quando i cambiamenti non fossero stati ritirati.

Successivamente, molti incendi sono stati appiccati in tutta la città mentre la polizia antisommossa cercava di contenere la situazione, a volte usando gas lacrimogeni. Un funzionario della polizia di Parigi ha detto che 112 persone sono state arrestate.

Falò sono stati accesi anche durante le manifestazioni a Rennes e Nantes, mentre a Lione si sono verificati talvolta scontri tesi tra manifestanti e polizia.

I sindacati hanno lanciato un ultimo appello al presidente affinché non firmi l’aumento dell’età pensionabile, di fronte al “massiccio rifiuto pubblico di questa riforma”. I sindacati hanno notato che la Corte aveva bocciato sei concessioni aggiunte alle riforme, quindi ciò che era ingiusto ora era “ancora più sbilanciato”.

Tra le riforme annullate dai nove membri del Consiglio costituzionale c’è il cosiddetto “grande indice” volto a spronare le aziende con più di 1.000 lavoratori ad assumere dipendenti di età superiore ai 55 anni.

Mentre l’Eliseo ha dichiarato che il presidente è aperto al dialogo, dovrebbe approvare la legge entro due giorni. Dussopp ha detto che prevede di attuare le riforme entro l’inizio di settembre.

Lucy, 21 anni, era tra i manifestanti che si sono radunati davanti al municipio e ha detto alla BBC di essere delusa “non abbiamo più il potere”.

“Nessuno ci ascolta, non importa quanto forte piangiamo”, ha aggiunto, giurando di continuare a parlare.

didascalia foto,

Lucy (a sinistra) e Raphael (a destra) sono tra coloro che protestano contro la riforma delle pensioni

Raphael, anche lei 21enne, ha detto di sperare che ci sia qualcosa nella decisione del consiglio che rifletta il grande consenso che c’è stato nelle strade contro le riforme.

Barricate sono state allestite nelle strade vicino al tribunale e la polizia antisommossa è stata dispiegata in caso di ulteriori proteste, che potrebbero diventare violente.

I sindacati hanno invitato i lavoratori di tutta la Francia a tornare in piazza il 1° maggio, un’altra giornata di mobilitazione nazionale contro le riforme.

Lucas, 27 anni, ha detto di essere preoccupato per il futuro e per ciò che Macron intende per il resto della sua presidenza.

L’Alleanza dei nubiani di sinistra è stato uno dei gruppi che ha fatto appello alla corte per le riforme, e il suo leader, Jean-Luc Melenchon, ha detto che i “combattimenti” continueranno.

Ha detto: “La decisione del Consiglio costituzionale mostra che è più attento ai bisogni della monarchia presidenziale che ai bisogni del popolo sovrano”.

Marine Le Pen del partito di estrema destra Raduno Nazionale, anch’essa appellatasi alla corte, ha risposto sui social che “il destino politico della riforma delle pensioni non è deciso”.

E mentre il tribunale ha respinto un primo tentativo di indire un referendum sulle riforme, deciderà il mese prossimo su un’altra proposta di voto di sinistra a livello nazionale.

L’analista politico francese Antoine Prestel ha detto alla BBC che non pensava che ci sarebbe stata presto una fine alle proteste scoppiate in tutta la Francia negli ultimi tre mesi.

“Molte persone hanno affermato che le riforme passeranno e la Corte costituzionale non le eluderà, quindi non è una sorpresa”, ha affermato.

“Ma penso che nelle prossime ore e alla fine della settimana assisteremo a molti disordini e scioperi nel Paese perché c’è ancora il 70% dei francesi contro le riforme”.

READ  La polizia turca interrompe il Gay Pride Parade di Istanbul, ne arresta decine