Maggio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rocket Lab Electron viene lanciato in una missione di rimozione dei detriti spaziali – Spaceflight Now

Rocket Lab Electron viene lanciato in una missione di rimozione dei detriti spaziali – Spaceflight Now
Un razzo Electron decolla dal sito di lancio del Rocket Lab sulla penisola di Mahia in Nuova Zelanda trasportando il satellite ADRAS-J per Astroscale. Foto: Laboratorio missilistico.

Un piccolo satellite che esaminerà un oggetto missilistico abbandonato è stato lanciato in orbita domenica/lunedì con una missione per sviluppare tecniche di rimozione dei detriti spaziali. Il satellite costruito dalla giapponese Astroscale è stato lanciato in cima al Rocket Lab Electron dalla penisola di Mahia in Nuova Zelanda alle 3:52 ora della Nuova Zelanda (9:52 EDT/1452 UTC).

Un'operazione attiva di rimozione dei detriti da parte del satellite Astroscale-Japan, o ADRAS-J, si avvicinerà e monitorerà lo stadio superiore esaurito di un razzo H-2A lanciato nel gennaio 2009. Fa parte di un'operazione commerciale di rimozione dei detriti intrapresa dall'Agenzia aerospaziale giapponese (JAXA). Il programma dimostrativo è progettato per gettare le basi per una futura missione per rimuovere lo stadio del razzo, prevista provvisoriamente per il 2026. Un contratto per questa seconda fase del programma non è stato ancora assegnato.

ADRAS-J è stato schierato per 64 minuti di volo dopo due lanci del kick stage Curie di Electron per posizionare con precisione la navicella spaziale sulla rotta per un rendezvous nello spazio.

“Missione riuscita al 100%”, ha scritto il CEO di Rocket Lab Peter Beck in un post sui social media. “Grande giornata per il Congresso Generale Nazionale [Guidance Navigation and Control] Una squadra con la scusa perfetta per colpire il fondo.

La missione, denominata “On Closer Inspection”, è stato il 44esimo lancio di Electron fino ad oggi e la seconda missione di Rocket Lab del 2024.

La navicella spaziale ADRAS-J si avvicinerà inizialmente al corpo del razzo abbandonato utilizzando i dati di osservazione da terra, ma poi si rivolgerà ai sensori di bordo per completare il rendezvous. È dotato di telecamere di visione e infrarossi e sensori LiDAR. Una volta vicino, valuterà le condizioni del corpo del missile e misurerà la probabilità che cada. Orbiterà attorno allo stadio superiore e si avvicinerà, ma non tenterà di aggrapparsi al razzo.

READ  Guarda il lancio del razzo Artemis 1 SLS sulla superluna della NASA in un webcast gratuito

Lo stadio superiore H-2A si trova attualmente in un'orbita di 622 x 557 chilometri, inclinata di un angolo di 98,2 gradi rispetto all'equatore, ha una massa di tre tonnellate, è lungo 11 metri e ha un diametro di quattro metri.

Il satellite ADRAS-J si avvicina allo stadio del razzo H-2A scartato nell'impressione di questo artista. Immagine: scala stellare.

“Scattare immagini nello spazio può sembrare facile, ma farlo con un oggetto mal equipaggiato che non fornisce dati sulla posizione e si muove a circa 7,5 chilometri al secondo è estremamente difficile”, ha affermato Nobuo Okada, fondatore e CEO di Astroscale. “In effetti, questo tipo di operazione è una delle capacità più impegnative necessarie per i servizi orbitali”.

Astroscale è stata fondata nel 2013 con l'obiettivo di fornire assistenza in orbita e rimozione dei detriti spaziali. Ha sede in Giappone con filiali nel Regno Unito, Stati Uniti, Francia e Israele.