Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Si scopre che il pianeta Star Trek nella vita reale è solo un’illusione stellare

Si scopre che il pianeta Star Trek nella vita reale è solo un’illusione stellare

Un concetto artistico del pianeta potenziale precedentemente proposto, HD 26965 b – spesso paragonato al fittizio “Vulcano” nell’universo di Star Trek. Credito: Jet Propulsion Laboratory-Caltech

Una nuova ricerca confuta l’esistenza di Vulcano, un pianeta che si ritiene orbiti intorno a 40 Eridani A, e attribuisce i segnali rilevati all’attività superficiale della stella.

Il pianeta che si ritiene orbiti attorno alla stella 40 Eridani A – che ospita il pianeta immaginario di Spock, Vulcano, nell’universo di “Star Trek” – è in realtà una sorta di illusione astronomica causata dalle pulsazioni e dalle contrazioni della stella stessa. È quanto emerge da un nuovo studio pubblicato su Rivista astronomica.

Entusiasmo iniziale e successivi dubbi

La potenziale scoperta di un pianeta in orbita attorno a una stella resa famosa dalla serie Star Trek ha suscitato entusiasmo e molto interesse quando è stata annunciata nel 2018. Solo cinque anni dopo, il pianeta sembrava trovarsi su un terreno instabile mentre altri ricercatori si chiedevano se esistesse. affatto. . Ora, usa misurazioni accurate NASA– Lo strumento NSF, installato qualche anno fa sul Kitt Peak in Arizona, sembra aver riportato il pianeta Vulcano più precisamente nel regno della fantascienza.

Metodi per rilevare gli esopianeti

Due metodi per scoprire gli esopianeti – i pianeti in orbita attorno ad altre stelle – dominano tutti gli altri nella continua ricerca di strani nuovi mondi. Il metodo del transito, che osserva il piccolo calo di luce stellare quando un pianeta attraversa la faccia della sua stella, è responsabile della stragrande maggioranza dei rilevamenti. Ma anche il metodo della “velocità radiale” ha ottenuto una buona quota di Pianeta extrasolare Scoperte. Questo metodo è particolarmente importante per i sistemi contenenti pianeti che non intersecano le facce delle loro stelle dal punto di vista terrestre. Tracciando i sottili cambiamenti nella luce stellare, gli scienziati possono misurare l'”oscillazione” della stella stessa, poiché la gravità del pianeta attorno a cui orbita la trascina in una direzione, poi in un’altra. Per i pianeti molto grandi, il segnale della velocità radiale spesso porta a rilevamenti planetari inequivocabili. Ma i pianeti non grandi possono essere un problema.

READ  Come le fusioni di galassie danno vita a buchi neri supermassicci nascosti

Mettere in dubbio l’esistenza di Vulcano

Persino gli scienziati che hanno fatto la possibile scoperta originale di HD 26965 b – rispetto al pianeta immaginario Vulcano – avvertono che potrebbe rivelarsi solo un disordinato divagare stellare mascherato da pianeta. Hanno riportato prove dell’esistenza di “super-Terre” – più grandi e più piccole della Terra Nettuno – In un’orbita di 42 giorni attorno a una stella simile al Sole a circa 16 anni luce di distanza. La nuova analisi, utilizzando misurazioni della velocità radiale ad alta risoluzione che non erano ancora disponibili nel 2018, conferma che la cautela riguardo alla potenziale scoperta era giustificata.

Lo strumento NEID chiarisce le incertezze

La brutta notizia per i fan di Star Trek arriva da uno strumento noto come NEID, una recente aggiunta al complesso del telescopio dell’Osservatorio nazionale di Kitt Peak. Il NEID, come altri strumenti di velocità radiale, si basa sull’effetto “Doppler”: spostamenti nello spettro ottico di una stella che ne rivelano i movimenti oscillatori. In questo caso, l’analisi del presunto segnale del pianeta a diverse lunghezze d’onda della luce, provenienti da diversi livelli del guscio esterno della stella, o fotosfera, ha rivelato differenze significative tra le singole misurazioni della lunghezza d’onda – i loro spostamenti Doppler – e il segnale complessivo quando erano tutti combinato. Ciò significa che, con ogni probabilità, il segnale del pianeta è in realtà un lampo di qualcosa sulla superficie della stella che coincide con una rotazione di 42 giorni – forse la vibrazione degli strati più caldi e più freddi sotto la superficie della stella, chiamata convezione, insieme a caratteristiche della superficie stellare. Come gli spot e i “piatti”, che sono aree luminose e attive. Entrambi possono modificare i segnali di velocità radiale della stella.

READ  I ricercatori fanno una scoperta sorprendente sulla luna lontana

La possibilità di scoperte future

Anche se la nuova scoperta, almeno per ora, priva la stella 40 Eridani A del suo potenziale pianeta Vulcano, le notizie non sono del tutto negative. La dimostrazione di misurazioni della velocità radiale così precise promette di fare distinzioni osservative più precise tra i pianeti reali e le oscillazioni e i tremori sulla superficie delle stelle distanti.

Anche la distruzione di Vulcano era prevista nell’universo di Star Trek. Vulcano fu identificato per la prima volta come il pianeta natale di Spock nella serie televisiva originale degli anni ’60. Ma nel film del 2009 “Star Trek”, un cattivo romulano di nome Nero utilizza un dispositivo artificiale. Buco nero Per far sparire il mondo natale di Spock.

Un team scientifico guidato dall’astronoma Abigail Burroughs del Dartmouth College, ex membro del Jet Propulsion Laboratory della NASA, ha pubblicato un articolo che descrive la nuova scoperta, “La morte di Vulcano: il NEID rivela il candidato pianeta in orbita HD 26965 è un’attività stellare”. Rivista astronomica Nel maggio 2024 (Nota: HD 26965 è una designazione alternativa per la stella 40 Eridani A.)

Riferimento: “Death of Vulcan: NEID Reveals Planet Candidate Orbiting HD 26965 Is Stellar Activity*” di Abigail Burrows, Samuel Halvorson, Jared C. Siegel, Christian Gilbertson, Jacob Lunn, Jennifer Burt, Chad F. Bender, Arpita Roy, Ryan C . Therrien, Selma Vangsten, Suvrath Mahadevan, Jason T. Wright, Paul Robertson, Eric B. Ford, Gumundur Stefansson, Joe B. NeenanColin H. Blake, Michael W. McElwain, Christian Schwab e Jinglin Zhao, 26 aprile 2024, Rivista astronomica.
doi: 10.3847/1538-3881/ad34d5