Giugno 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sotto pressione, Biden consente all’Ucraina di usare le armi statunitensi per colpire la Russia

Sotto pressione, Biden consente all’Ucraina di usare le armi statunitensi per colpire la Russia

La decisione arriva dopo settimane di intensi colloqui dietro le quinte con gli ucraini, divenuti più urgenti dopo che la Russia ha iniziato un’importante offensiva su Kharkiv intorno al 10 maggio.

Tre giorni dopo, il 13 maggio, Sullivan, Austin e il presidente dei capi di stato maggiore congiunti, generale Charles Brown Jr., hanno tenuto una delle videoconferenze sicure regolarmente programmate con le loro controparti ucraine. Ancora una volta, gli ucraini hanno fatto pressioni su Biden affinché revocasse le restrizioni statunitensi sul fuoco in territorio russo, sostenendo che le preoccupazioni del presidente riguardo ad un’escalation erano esagerate. Ma hanno detto che la questione ora è più urgente perché i russi stanno bombardando siti civili intorno a Kharkiv dall’interno dei loro confini, sapendo che gli ucraini non avrebbero potuto rispondere pienamente.

Dopo l’incontro, Sullivan, Austin e il generale Brown hanno deciso di raccomandare al presidente di invertire la sua posizione, hanno detto i funzionari. Ma hanno mantenuto la decisione molto vicina. Due giorni dopo, il 15 maggio, Sullivan ha trasmesso la raccomandazione a Biden, il quale ha affermato – per la prima volta – di essere propenso a creare un’eccezione che consentisse agli ucraini di rispondere, anche se fossero arrivati ​​attacchi russi. A poche miglia oltre il confine russo. A quel punto, Blinken era già a Kiev e ha ascoltato la richiesta di un ritiro direttamente dal presidente Volodymyr Zelenskyj.

Lo stesso giorno dell’incontro privato con il signor Sullivan, il Presidente ha incontrato il generale Christopher J. Cavoli, comandante a quattro stelle del Comando Europeo degli Stati Uniti e Comandante Supremo Alleato in Europa. Era a Washington per un incontro annuale di tutti i comandanti combattenti e ha detto a Biden che era anche d’accordo sul fatto che il divieto di sparare contro la Russia rappresentasse un rischio per l’Ucraina – sebbene anche lui, ha detto un funzionario, fosse preoccupato per le potenziali risposte russe.

READ  I legami tra Putin e Xi sono stati messi alla prova dall'invasione russa dell'Ucraina

Il signor Blinken è tornato da Kiev e ha incontrato il signor Biden e il signor Sullivan la sera del 17 maggio nello Studio Ovale, dicendo che si era convinto che gli Stati Uniti dovessero cambiare la loro posizione. I funzionari hanno affermato che ormai era chiaro che Biden era a bordo, ma il presidente ha insistito sul fatto che prima di prendere una decisione formale, avrebbe voluto tenere un incontro con i “funzionari” della sicurezza nazionale per considerare i rischi. L’incontro non ha avuto luogo fino alla settimana scorsa, proprio quando è trapelata la notizia del cambiamento di opinione del signor Blinken.