Aprile 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Stati Uniti e Taiwan: perché così tanti membri del Congresso si recano a Taipei?

Stati Uniti e Taiwan: perché così tanti membri del Congresso si recano a Taipei?
  • Scritto da Robert Wingfield Hayes
  • Notizie della BBC, Taiwan

Commenta la foto,

Manifestanti prima della visita di Nancy Pelosi nel 2022

“Cosa ne pensi se iniziassimo a inviare delegazioni ufficiali a Honolulu per incontrare i leader separatisti che vogliono l'indipendenza delle Hawaii dagli Stati Uniti? Cosa faresti se iniziassimo a vendere loro armi?”

Può sembrare una falsa equivalenza, ma questa è una linea di argomentazione spesso utilizzata dalla legione cinese di guerrieri da poltrona, che ricorre ai social media per condannare qualsiasi visita a Taiwan da parte di funzionari governativi statunitensi, in particolare di membri del Congresso americano. La Cina considera Taiwan una provincia separatista che alla fine finirà sotto il controllo di Pechino, quindi per gli utenti dei social media tali visite rappresentano una provocazione inaccettabile e un’interferenza negli affari interni della Cina.

Naturalmente, tali visite – come quella effettuata questa settimana dal deputato Mike Gallagher, presidente del Comitato della Camera degli Stati Uniti sulla Cina – sono viste in modo molto diverso a Washington e Taipei, che si considera separata dalla Cina continentale, con una propria costituzione e leader democraticamente eletti…

Ma la domanda sorge spontanea: qual è il loro obiettivo? Sono una vera dimostrazione di sostegno che aiuta a scoraggiare la Cina – o sono atti di propaganda che servono a provocare Pechino e rafforzare l’idea che Washington sia intenzionata a separare permanentemente Taiwan?

Le visite non sono prive di conseguenze. Il modo in cui gli Stati Uniti gestiranno le loro relazioni con Pechino e Taipei contribuirà notevolmente a determinare se l’attuale situazione di stallo attraverso lo Stretto di Taiwan rimarrà intatta o peggiorerà.

“Siamo venuti qui per riaffermare il sostegno degli Stati Uniti a Taiwan ed esprimere solidarietà nel nostro impegno condiviso per i valori democratici”, hanno detto i deputati Ami Bera e Mario Diaz-Balart al termine del loro viaggio qui a gennaio. Sono stati i primi a compiere il pellegrinaggio a Taipei dopo le elezioni presidenziali del 13 gennaio.

Commenta la foto,

La presidente Tsai Ing-wen ha incontrato a gennaio i rappresentanti degli Stati Uniti Ami Bera (a destra) e Mario Diaz-Balart

Questa tendenza è stata fortemente incoraggiata dall’attuale presidente di Taiwan, Tsai Ing-wen, e la parte americana non sembra averla scoraggiata. In effetti, il presidente Joe Biden è stato il leader americano più esplicito fino ad oggi nella sua difesa di Taiwan, pur rimanendo fedele alla politica americana di un’unica Cina.

“È importante”, afferma J. Michael Cole, ex ufficiale dell'intelligence canadese ed ex consigliere del presidente Tsai. “Gli Stati Uniti continuano a dire che abbiamo un fermo impegno nei confronti di Taiwan. Ma c'è bisogno di un elemento pubblico in questa pratica. Questo è ciò che preoccupa Pechino, questo è ciò che spinge i giornalisti a scriverne.”

“Abbiamo ricerche che dimostrano che le visite ad alto livello aumentano la fiducia delle persone nelle relazioni tra Stati Uniti e Taiwan”, afferma Chen Fangyu, professore di scienze politiche all’Università Soochow di Taipei.

Tali visite, spiega, favoriscono un atteggiamento più amichevole nei confronti dell’America da parte di coloro che rimangono scettici sul fatto che gli Stati Uniti parteciperebbero effettivamente se Taiwan venisse attaccata dalla Cina. Tuttavia, ci sono altri qui che hanno assorbito teorie del complotto, molte delle quali hanno origine nello Stretto di Taiwan, secondo cui l’America sta spingendo Taipei sulla strada della guerra con la Cina, proprio come i teorici della cospirazione dicono che abbia fatto con la guerra dell’Ucraina con la Russia.

Nel frattempo, i deputati americani hanno le loro ragioni, non sempre altruistiche, per venire qui. I pellegrinaggi a Taipei sono diventati sempre più un modo per la destra di mostrare le proprie credenziali anti-cinesi agli elettori in patria, anche se in questi giorni la sinistra sembra desiderosa di dimostrare le sue posizioni intransigenti quando si tratta di Pechino.

Spiegazione video,

Nancy Pelosi a Taiwan: La democrazia è una fonte di forza

La crescente ripetizione e la propaganda sfacciata mostrano quanto sia cambiato tra Washington e Pechino.

“Prima del 2016, la gente pensava che le visite qui dovessero essere semplici”, afferma Chen Fangyu. “Volevano evitare di far arrabbiare la Cina. Ma ora sempre più persone si rendono conto che qualunque cosa facciano, faranno arrabbiare la Cina.”

Il rapporto di Taiwan con il Congresso degli Stati Uniti è profondo e di lunga data. Quando il presidente Jimmy Carter ruppe i legami con Taipei nel 1979 e riconobbe Pechino, fu il Congresso degli Stati Uniti a costringerlo a firmare il Taiwan Relations Act. Questo atto è ciò che sostiene il rapporto con Taipei fino ad oggi. Impegna esplicitamente gli Stati Uniti a opporsi con forza a qualsiasi tentativo di modificare lo status quo attraverso lo Stretto di Taiwan e a fornire a Taiwan armi sufficienti per difendersi dalla Cina.

Negli anni ’70 Taiwan era una dittatura militare. I suoi alleati negli Stati Uniti erano repubblicani. La Guerra Fredda era ancora molto fredda e le isole erano viste come un baluardo contro il comunismo. Oggi l’anticomunismo può ancora svolgere un piccolo ruolo. Ma ciò che è ancora più importante è la solidarietà con un’altra democrazia. Taiwan non è più una questione del Partito Repubblicano. Sulla scia di cose come le guerre commerciali di Trump, la controversia sulle origini del Covid e il rilevamento di palloncini spia negli Stati Uniti, il sostegno a Taiwan tra gli americani si sta ora diffondendo in entrambi i partiti.

Inoltre, gli Stati Uniti hanno anche importanti interessi economici e di sicurezza nazionale legati a Taiwan, in particolare il commercio di semiconduttori.

Tutto ciò significa che, a differenza di quanto accaduto in Ucraina, non ci sono voci al Congresso che chiedano che gli Stati Uniti interrompano il loro sostegno militare a Taiwan. Semmai è il contrario.

Commenta la foto,

Reazione alla visita di Pelosi nei media cinesi

Ma questa domanda rimane. Le visite fanno più male che bene? Quando Nancy Pelosi arrivò qui nell’estate del 2022, Pechino rispose lanciando per la prima volta missili balistici sulla parte superiore dell’isola, inclusa la capitale Taipei. I sondaggi d'opinione condotti dopo la visita hanno mostrato che la maggioranza qui credeva che la visita avesse danneggiato la sicurezza di Taiwan.

Al giorno d'oggi è fin troppo comune sentire gli specialisti di studi di Taiwan citare il vecchio adagio del presidente Theodore Roosevelt: “Parla piano e porta con sé un grosso bastone”. J. Michael Cole afferma che questo è esattamente ciò che stanno facendo gli Stati Uniti e Taiwan. Secondo lui le visite del Congresso americano possono essere simboliche, ma rappresentano buone relazioni pubbliche per Taipei e per i membri del Congresso. Con l'eccezione della visita di Pelosi, anche queste questioni ricadono al di sotto della soglia di ciò che realmente preoccupa Pechino.

Ma, come dice J. Michael Cole, cosa significano realmente queste visite per le relazioni USA-Taiwan? Dopotutto, “l'aspetto veramente sostanziale… come l'aumento degli scambi ad alto livello su cose come l'intelligence, come la difesa, non fa notizia.”

“È costruttivo”, continua. “Gli Stati Uniti sono determinati a far sì che queste informazioni non vengano rilasciate dal governo taiwanese.”

READ  Il capo Wagner pubblica il primo video dall'insurrezione in Russia e lascia intendere che si trova in Africa | Notizie della guerra tra Russia e Ucraina