Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sultan Al Jaber: il capo del vertice sul clima COP28 ha affermato che non c’è “nessuna scienza” dietro la necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili, preoccupando gli scienziati

Sultan Al Jaber: il capo del vertice sul clima COP28 ha affermato che non c’è “nessuna scienza” dietro la necessità di eliminare gradualmente i combustibili fossili, preoccupando gli scienziati

Sean Gallup/Getty Images

Sultan Al Jaber, presidente del vertice sul clima COP28, parla durante una presentazione a Dubai il 2 dicembre 2023.



CNN

Capo della Vertice sul clima COP28Sultan Al Jaber di recente Ha affermato che non esiste “nessuna scienza” per affermare che l’eliminazione graduale dei combustibili fossili è necessaria per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali, in commenti che hanno allarmato scienziati e sostenitori del clima.

Il ruolo futuro dei combustibili fossili è una delle questioni più controverse con cui i paesi si stanno confrontando al vertice sul clima COP28. Mentre alcuni insistonosbarazzarsi diAltri chiedono un linguaggio più debole per “ridurre gradualmente”. Rapporti scientifici hanno dimostrato che i combustibili fossili devono essere tagliati rapidamente per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi – l’obiettivo dell’accordo sul clima di Parigi, un limite oltre il quale gli scienziati avvertono che sarà difficile per gli esseri umani e gli ecosistemi adattarsi.

Al Jaber ha rilasciato queste dichiarazioni durante È un evento del panel sul cambiamento climatico Il 21 novembre, venuto alla luce domenica in Storia pubblicata da The GuardianNel video recensito dalla CNN. Mary Robinson, ex presidente dell’Irlanda e attuale presidente degli Elders, un gruppo indipendente di leader mondiali, ha chiesto ad Al Jaber se sarebbe disposto a guidare l’eliminazione graduale dei combustibili fossili.

Nella sua risposta, Al Jaber ha detto a Robinson: “Non esiste scienza o scenario che affermi che l’eliminazione graduale dei combustibili fossili sia ciò che consentirà di raggiungere l’1,5”. Ha detto che si aspettava di partecipare all’incontro She Changes Climate per avere una “conversazione sobria e matura” e che non era “impegnato in alcuna discussione preoccupante”.

READ  La Russia mette in guardia il Giappone dal fornire sistemi di difesa aerea Patriot all’Ucraina

Ha continuato dicendo che l’obiettivo di 1,5 gradi è la sua “stella polare” e che la graduale riduzione ed eliminazione dei combustibili fossili è “inevitabile” ma “dobbiamo essere reali, seri e pratici al riguardo”.

In una serie di risposte sempre più tese a Robinson che lo portarono a questo punto, Al Jaber le chiese: “Per favore, aiutami, mostrami una tabella di marcia per l’eliminazione graduale dei combustibili fossili che consentirà uno sviluppo sociale ed economico sostenibile, a meno che tu non voglia Esso.” Per riportare il mondo nelle caverne”.

La presidenza di Al-Jaber del vertice COP28 È stato controverso. L’uomo d’affari degli Emirati è l’inviato per il clima degli Emirati Arabi Uniti e presiede il consiglio di amministrazione della sua società di energia rinnovabile, ma presiede anche… Compagnia petrolifera nazionale di Abu Dhabi (ADNOC), di proprietà statale.

“Questa storia è solo un altro tentativo di minare l’agenda della presidenza, che è stata chiara, trasparente e sostenuta da risultati tangibili da parte del presidente della COP e del suo team”, ha detto in una nota alla Galileus Web un portavoce del team COP28.

02:01- Fonte: CNN

Scopri come si sono evoluti i vertici sul clima in 28 anni in 2 minuti

“Il Presidente della COP è chiaro sul fatto che la riduzione e l’eliminazione graduale dei combustibili fossili è inevitabile e che dobbiamo mantenere l’1,5°C a portata di mano”, aggiungendo: “Siamo entusiasti dei progressi che abbiamo fatto finora e di fornire un piano ambizioso (globale)”. inventario) decisione. “I tentativi di indebolire questa questione non indeboliranno la nostra determinazione”.

I combustibili fossili sono il principale motore della crisi climatica e, mentre il mondo continua a bruciare petrolio, carbone e gas, le temperature globali stanno aumentando a livelli senza precedenti. Quest’anno è stato testimone Record della temperatura globalechi ha guidato Eventi meteorologici estremi mortali.

READ  Migliaia di persone evacuate in India prima che i giganteschi grattacieli crollassero

Produzione di combustibili fossili nel 2030 Si prevede che sarà più che raddoppiato Un recente rapporto di diverse istituzioni scientifiche, incluso il Programma ambientale delle Nazioni Unite, ha scoperto cosa sarebbe necessario per mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi. Per giungere alla sua conclusione, questo rapporto ha utilizzato gli scenari sviluppati dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) e dall’Agenzia internazionale per l’energia (IEA).

“Se l’IPCC e l’IEA non sono considerati scienza, allora non so cosa lo sia”, ha affermato Ploy Achakolisut, ricercatore sul clima presso lo Stockholm Environment Institute e uno degli autori del rapporto. Ha detto alla CNN di aver concluso che “tutti i combustibili fossili devono essere gradualmente eliminati, soprattutto se la rimozione su larga scala di CO2 e la CCS falliscono”.

La cattura del carbonio si riferisce a… Un insieme di tecnologie Ha lo scopo di rimuovere l’inquinamento da carbonio dall’aria e catturare ciò che viene prodotto dalle centrali elettriche e da altri impianti inquinanti. Mentre alcuni sostengono che la cattura del carbonio sarà uno strumento importante per ridurre l’inquinamento causato dal riscaldamento del pianeta, altri sostengono che queste tecnologie sono costose, ampiamente non provate e distraggono dalle politiche per ridurre l’uso dei combustibili fossili.

Scienziati e gruppi climatici hanno fortemente criticato i commenti di Al Jaber.

Roman Ewalalen, responsabile delle politiche globali presso l’organizzazione no-profit Oil Change International, ha affermato in una dichiarazione che i commenti di Al Jaber durante la tavola rotonda erano “allarmanti”, “negano la scienza” e “sollevano profonde preoccupazioni sulla capacità della presidenza di guidare le Nazioni Unite sul clima”. parla.” “. “.

READ  Ragno botola gigante scoperto in Australia: NPR

Guiri Rogelj, professore di clima all’Imperial College di Londra, ha affermato di raccomandare vivamente Aljaber Esaminare l’ultimo rapporto Dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici.

“Questo rapporto, approvato all’unanimità da 195 paesi tra cui gli Emirati Arabi Uniti, mostra una varietà di modi per limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C, tutti indicatori di un’effettiva eliminazione graduale dei combustibili fossili nella prima metà del secolo. “Questo riporterà il mondo alle caverne? Assolutamente no”, ha detto in una nota.

Mohammed Addo, direttore del think tank sul clima Power Shift Africa, ha affermato che i commenti di Al Jaber sono un “campanello d’allarme” per il mondo e per i negoziatori della COP28. “Non riceveranno alcun aiuto dalla presidenza della COP per raggiungere un risultato forte sull’eliminazione dei combustibili fossili”, ha affermato in una nota.

Questo vertice COP concluderà il primo bilancio globale, in cui i paesi faranno il punto sui progressi compiuti nell’azione per il clima e scopriranno come farlo. Metti il ​​mondo sulla strada giusta Per ridurre il catastrofico riscaldamento globale.

Angela Dewan e Rachel Ramirez della CNN hanno contribuito al reportage