Giugno 14, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tesla trascorre il fine settimana tagliando i prezzi delle auto e i programmi FSD

Tesla trascorre il fine settimana tagliando i prezzi delle auto e i programmi FSD

(Bloomberg) – Tesla Inc. ha trascorso il fine settimana tagliando i prezzi dei suoi modelli in Cina, Europa e Stati Uniti a causa del calo delle vendite e dell'eccesso di inventario.

I più letti da Bloomberg

Sabato scorso, la società guidata da Elon Musk ha anche tagliato il prezzo del software di assistenza alla guida che chiama FSD, o Full Self-Driving, di un terzo, portandolo a 8.000 dollari negli Stati Uniti. Erano $ 12.000.

La promessa di un veicolo completamente autonomo è stata a lungo un fattore chiave nell’alta valutazione di Tesla. Nelle ultime settimane, Tesla ha lanciato nuove versioni del suo software FSD e Musk si è impegnato a svelare un robotaxi personalizzato l’8 agosto.

Il sito web di Tesla afferma che i clienti riceveranno una prova di 30 giorni della piena capacità di guida autonoma quando acquisteranno una nuova auto. “Le funzionalità attualmente abilitate richiedono la supervisione attiva del conducente e non rendono il veicolo autonomo”, afferma il sito.

All’inizio del fine settimana, Tesla ha tagliato i prezzi in Cina e negli Stati Uniti, i suoi due mercati principali, così come in Europa, dopo che le deludenti vendite del primo trimestre hanno contribuito all’ingrossamento delle scorte.

In Cina, Tesla ha tagliato i prezzi su tutta la sua gamma, con il prezzo della Model 3 rinnovata che è sceso a 231.900 yuan ($ 32.000) dai 245.900 yuan precedenti. La Model Y è stata scontata a 249.900 yuan – ovvero circa 34.500 dollari – da 263.900 yuan.

Negli Stati Uniti, la versione più economica della Model Y ha ora un prezzo di 42.990 dollari, riportando il prezzo di partenza del SUV al minimo storico. Tesla ha anche scontato di 2.000 dollari le altre due versioni più costose del Modello Y e ha tagliato il prezzo del Modello

READ  La produzione cinematografica resterà elevata e gli asset televisivi verranno venduti

I tagli coronano una settimana selvaggia per la casa automobilistica con sede ad Austin. Tutto è iniziato quando Musk ha annunciato in una nota indirizzata a più di 140.000 dipendenti dell’azienda che avrebbe ridotto il numero dei dipendenti di oltre il 10% a livello globale. Se ne sono andati anche due dirigenti senior.

Per saperne di più: I massimi dirigenti di Tesla se ne vanno in mezzo ai tagli globali ai posti di lavoro

Mercoledì Tesla ha dichiarato nella sua dichiarazione di delega che chiederà agli azionisti di votare nuovamente su un pacchetto di risarcimenti da 56 miliardi di dollari per Musk, che è stato invalidato da un tribunale del Delaware a gennaio.

Venerdì, la società ha richiamato quasi 3.900 camioncini Cybertruck per riparare o sostituire i pedali dell’acceleratore che possono spostarsi e causare l’accelerazione involontaria del veicolo, aumentando il rischio di incidenti.

Musk ha anche rinviato un viaggio programmato in India, dove avrebbe dovuto incontrare il primo ministro Narendra Modi, dicendo che avrebbe dovuto affrontare “pesanti responsabilità” presso Tesla.

Per saperne di più: Musk rinvia la visita in India a causa dei pesanti impegni di Tesla

Tesla ha riportato gli utili del primo trimestre il 23 aprile. Le sue azioni sono scese di oltre il 40% quest’anno a causa dei timori per il calo delle vendite, dell’intensificarsi della concorrenza in Cina e del rischioso piano di Musk di muoversi verso l’autonomia.

La casa automobilistica ha registrato il primo calo delle vendite anno su anno dai primi giorni della pandemia, consegnando 386.810 veicoli nel primo trimestre, ben al di sotto delle stime degli analisti.

READ  L'aumento dei tassi ipotecari fa sì che più venditori di case abbassino i prezzi richiesti

In Cina, la quota di mercato di Tesla è scesa a circa il 6,7% nell’ultimo trimestre del 2023, dal 10,5% nei primi tre mesi dell’anno, secondo i calcoli di Bloomberg basati sui dati della China Passenger Car Association.

Bloomberg ha riferito alla fine del mese scorso che la casa automobilistica ha recentemente ridotto i programmi di produzione nel suo stabilimento di Shanghai. Le spedizioni dalla sua fabbrica di Shanghai – che produce veicoli elettrici per la Cina e per l’esportazione in altre parti dell’Asia, Europa e Canada – sono diminuite nei primi due mesi rispetto all’anno precedente, anche se le vendite complessive di autovetture in Cina sono aumentate.

I più letti da Bloomberg Businessweek

©2024 Bloomberg L.P