Luglio 20, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

The National – Recensione ‘Laugh Track’: un disco più pesante

The National – Recensione ‘Laugh Track’: un disco più pesante

La tradizione e la narrazione giocano un ruolo enorme in ogni album pubblicato dai The National, e nel loro nono album, “First Two Pages of Frankenstein”, pubblicato ad aprile, la narrazione è più importante che mai. Dopo la collaborazione con Taylor Swift sui suoi album pandemici “Folklore” e “Evermore”, il loro profilo è cresciuto, anche se le dinamiche della band sembrano “fragili” tra i cambiamenti della vita e l’assedio dello scrittore Matt Berninger. Ma quei conflitti erano evidenti nella musica NME Lo hanno definito “il meglio in un decennio” e hanno detto di essere riusciti a “dimostrare che possono farlo da soli così come possono con un mondo in attesa”.

“Laugh Track” è stato descritto come un “doppio album a sorpresa”, sia perché è stato pubblicato senza preavviso (insieme ad alcune inquietanti fughe di notizie su un forum di fan), sia perché il desiderio di pubblicare questo materiale si è insinuato in loro. Parlando con NME All’inizio di quest’anno, Aaron Dessner ha rivelato che più di 25 canzoni erano state completate nelle sessioni precedenti e che era orgoglioso della “convinzione” che la band aveva nello scegliere le 11 canzoni che compongono “First Two Pages…”.

Questo fino all’inizio di giugno, quando la band iniziò il soundcheck di quella che sarebbe diventata la traccia di chiusura “Smoke Detector”, una jam di quasi otto minuti che presenta aspetti grezzi che alcuni credono manchino da “First Two Pages…”. Le rappresentazioni di quel palco sono qui conservate in una forma per lo più originale, sorprendentemente cruda, la scintilla della frase di Berninger “Rilevatore di fumo, rilevatore di fumo / Tutto quello che devi fare è proteggerla.” Crudo e indimenticabile come il suo migliore. Da allora la canzone è diventata un punto fermo del loro recente tour estivo.

READ  Teaser Trailer - Kevin Bacon recita allo Slasher Summer Camp

Questa velocità, che ricorda “Alligator”, contribuisce al successo di “Laugh Track”. La band ha ri-registrato nove delle nuove canzoni del lotto attuale, oltre a fare spazio alla loro collaborazione con Bon Iver del 2022 “Weird Goodbyes”. La batteria di Brian Devendorf – fragorosa, complessa e tagliente – è più importante per ogni canzone: “Deep End (Paul’s In Pieces)” sembra immediatamente memorabile, così come l’avvincente versione di “Dreaming”. Il crescendo di “Space Invader” è difficile come lo è stato “Daddy Rockers” negli ultimi tempi, con la batteria semplice che in gran parte distrae i contributi elettronici su “First Two Pages…”

Ci sono graditi collegamenti tra le due registrazioni: Phoebe Bridgers appare di nuovo con i cori nella title track di “Laugh Track”, mentre “Coat On A Hook” e “Hornets” intervallano le nozioni oblique di Berninger di una relazione in crisi: “Cosa significa quando ti si addormentano le braccia? / E come ti sbarazzi delle vespe prima del fine settimana? Pensa a quest’ultimo. Ti ricontatteremo su questo argomento. “Crumble” è esaltata dal suo duetto con Roseanne Cash – figlia di Johnny e John – e dal suo suono country, e “Alphabet City” è piena di una tensione vocale che suona molto simile al materiale del disco precedente.

La rigidità delle canzoni di “First Two Pages…” come “Tropic Morning News” e “Eucalyptus” è più o meno assente, anche se le strutture più sciolte e la risoluzione che consentono allo spazio delle canzoni di crescere, sia melodicamente che liricamente, ripagano . In una dichiarazione condivisa con The Record, Berninger ha detto che questo periodo “sembra come cambiare pelle” e che la band sta camminando verso l’ignoto ancora una volta nel suo prossimo ciclo creativo: emergerà sicuramente un nuovo entusiasmante capitolo.

READ  Mayim Bialik stava aspettando la co-protagonista Leslie Jordan quando è morto

dettagli

  • data di rilascio: 18 settembre 2023
  • Segna registrazione: 4 milioni