Febbraio 28, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Trump chiede la sospensione della Corte Suprema nel caso delle elezioni del 2020

Trump chiede la sospensione della Corte Suprema nel caso delle elezioni del 2020
  • Di Chloe Kim e Nadine Yusif
  • notizie della BBC

fonte dell'immagine, Belle foto

L'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha chiesto alla Corte Suprema di sospendere la sentenza di un tribunale di grado inferiore secondo cui non gode dell'immunità presidenziale.

Nel suo caso di interferenza elettorale aveva affermato che non poteva essere indagato come presidente.

Tre giudici della corte di grado inferiore non furono d'accordo, stabilendo che avrebbe potuto essere citato in giudizio come qualsiasi altro cittadino.

Ma i suoi avvocati hanno affermato che Trump non dovrebbe essere indagato durante la campagna.

“Condurre un'indagine penale di un mese sul presidente Trump nel pieno della stagione elettorale minerebbe seriamente la capacità del presidente Trump di fare campagna contro il presidente Biden”, hanno scritto gli avvocati di Trump nel documento.

La Corte Suprema deciderà ora se sospendere la sentenza, consentendo a Trump di ricorrere in appello.

L’alta corte a maggioranza conservatrice potrebbe portare a un lungo ritardo nello storico procedimento penale che accusa Trump di cospirazione per illegittimare le elezioni del 2020, forse fino a dopo le elezioni di novembre.

Tuttavia, se la Corte Suprema rifiuta di sospendere la sentenza, in primavera sarà programmato un processo federale supervisionato dal giudice Tanya Sudkan.

Mentre Trump si candida alla Casa Bianca, deve affrontare altre tre indagini penali oltre a questa.

Il terzo, con sede a New York, riguardava l'occultamento di pagamenti alla star del cinema per adulti Stormy Daniels. Si è dichiarato non colpevole di tutte le accuse.

Anche il team legale di Trump ha tentato ripetutamente di ritardare le sue indagini penali dopo le elezioni del 2024.

Nell’indagine sulle interferenze elettorali federali, Trump è accusato di quattro capi di imputazione: cospirazione per frodare gli Stati Uniti, cospirazione per ostacolare l’azione ufficiale, ostruzione all’azione ufficiale e cospirazione contro i diritti civili.

Ha ripetutamente negato ogni addebito e i suoi avvocati hanno sostenuto che i presidenti sono immuni da procedimenti giudiziari per crimini commessi mentre erano in carica, anche dopo aver lasciato la Casa Bianca.

La scorsa settimana, la tesi è stata respinta da un collegio di tre giudici della Corte Circondariale DC, un nominato repubblicano e due democratici, stabilendo che “qualsiasi immunità dall'ordine esecutivo che avrebbe potuto proteggerlo mentre era presidente non lo protegge più”. Ha contestato il caso”.

Ora, gli avvocati di Trump chiedono alla Corte Suprema di sospendere la sentenza del tribunale di grado inferiore per concedere a tutti i giudici attivi della Corte Circondariale di D.C. il tempo di riconsiderare il caso.

Nella loro dichiarazione, hanno avvertito che negare l’immunità all’ex presidente costituirebbe un precedente “in cui tali casi si ripresenteranno e diventeranno sempre più comuni”.

Gli avvocati di Trump hanno sostenuto che “senza l'immunità dai procedimenti penali, la presidenza cesserebbe di esistere”.

La Corte Suprema può rispondere alla richiesta di Trump in alcuni modi.

Potrebbe respingere la sua richiesta di sospendere la sentenza che riaprirebbe l'indagine federale. Potrebbe negare la richiesta di revisione di Trump, mettendo di fatto a tacere la sua tesi sull’immunità.

La corte potrebbe decidere di ascoltare immediatamente l’appello di Trump, aggirando il riesame del tribunale di grado inferiore. Potrebbe farlo in modo accelerato, così come fa un caso separato che attualmente valuta se Trump è idoneo a votare nelle elezioni del 2024.

Potrebbe anche decidere di ascoltarlo secondo il programma regolare della corte, il che potrebbe ritardare l'udienza del caso oltre la data delle elezioni di novembre.

La Corte Suprema aveva respinto in precedenza una richiesta avanzata alla fine dell’anno scorso dal consigliere speciale Jack Smith, il procuratore capo del caso, di concedere una rapida sentenza sulla questione dell’immunità di Trump.

Non è chiaro quando la Corte Suprema si pronuncerà sulla richiesta di Trump.