Dicembre 8, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un misterioso segnale radio dallo spazio profondo che fa lampeggiare la Terra 2.000 volte in due mesi: il Sole americano

Un misterioso segnale radio dallo spazio profondo che fa lampeggiare la Terra 2.000 volte in due mesi: il Sole americano

Segnali potenti vengono trasmessi verso la Terra dallo spazio profondo a una velocità senza precedenti.

Secondo gli scienziati, è stata registrata la fonte di una frequente esplosione radio veloce scoperta l’anno scorso che rilascia più di 1.800 esplosioni sulla nostra strada in un arco di due mesi.

1

Si ritiene che le esplosioni radio veloci provengano da potenti oggetti chiamati magnetismoCredito: AP

La natura iperattiva dell’esplosione ha permesso ai ricercatori di identificare una galassia ospite e la sua fonte.

il nome della cosa FRB 20201124A, l’oggetto è stato rilevato utilizzando il Five Hundred Meter Aperture Spherical Radio Telescope (FAST) in Cina.

È descritto in un documento di ricerca condotto dall’astronomo Heng Shu dell’Università di Pechino in Cina.

Le esplosioni radio veloci, o FRB, sono un fenomeno spaziale misterioso.

Le immagini mostrano una navicella spaziale della NASA che si scontra con un asteroide durante la
Come vedi Giove che illumina il cielo la sera quando il pianeta raggiunge il punto più vicino alla Terra

Le emissioni ad alta intensità di solito durano solo una frazione di secondo e le loro origini non erano note fino a tempi recenti.

Alcune migliaia sono state catturate dagli scienziati da quando è stato scoperto il primo nel 2007.

Tutti gli FRB sono insoliti, ma quello ritrovato era particolarmente strano.

Oltre 82 ore di osservazione nell’arco di due mesi, secondo l’articolo pubblicato su Nature, FAST 1863 ha rilevato un’esplosione.

La sua polarizzazione e la potenza del segnale hanno oscillato notevolmente, rendendolo il primo FRB a mostrare questo tipo di variazioni nelle sue onde, ha affermato l’autore dello studio Feiyin Wang dell’Università di Nanchino. inverso.

Le prove finora indicano che la sua sorgente è una magnetar, una stella di neutroni con un forte campo magnetico.

Tuttavia, il modo in cui la sua polarizzazione è cambiata nel tempo suggerisce che un altro organismo potrebbe contribuire ai segnali.

READ  Come hanno fatto le piante a trasformarsi in un predatore | Ars Tecnica

“Queste osservazioni ci hanno riportato al tavolo da disegno”, ha detto l’astrofisico Peng Zhang dell’Università del Nevada a Las Vegas.

“Gli FRB sono chiaramente più misteriosi di quanto immaginassimo. Sono necessarie più campagne di osservazione a più lunghezze d’onda per rivelare la natura di queste cose”.

Tutti gli FRB che sono stati scoperti finora provengono da un luogo troppo lontano per spiegare dove hanno avuto origine.

Solo una manciata è stata ripetuta e ancora meno sono ancora in uno schema prevedibile.

Ciò rende il loro studio notoriamente difficile, il che significa che le loro origini sono sfuggite agli studiosi per più di un decennio.

Si ritiene che i segnali provengano da massicce esplosioni nello spazio profondo che svaniscono in meno di un secondo.

Nel 2020, i ricercatori hanno affermato di aver identificato con precisione le radiobombe provenienti da Un oggetto noto come magnete.

Le magnetar sono un tipo di stella di neutroni con un campo magnetico estremamente forte: si pensa che solo una manciata di esse si trovi nella Via Lattea.

I fisici in precedenza avevano ipotizzato che le magnetar potessero produrre FRB, ma non c’erano prove per dimostrarlo.

Ciò significa che i segnali non provengono da civiltà aliene, una teoria promossa da alcuni cacciatori di UFO ma rifiutata dagli scienziati.

Scopri di più sulla scienza

Vuoi saperne di più sullo strano e meraviglioso mondo della scienza? Dalla luna al corpo umano, ti abbiamo coperto…


Paghiamo per le tue storie! Hai una storia per il team di The Sun Online Tech & Science? Scrivici a tech@the-sun.co.uk