Novembre 30, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un nuovo satellite eclissa alcune delle stelle più luminose del cielo

Un nuovo satellite eclissa alcune delle stelle più luminose del cielo

Lo scorso novembre, un satellite in orbita terrestre bassa è esploso in un ampio raggio di circa 700 piedi quadrati, più o meno le dimensioni di un monolocale.

Da allora, il satellite BlueWalker 3 è diventato uno degli oggetti più luminosi nel cielo, superando alcune delle stelle più luminose della Via Lattea, secondo Studio pubblicato lunedì In natura, è solo il primo di dozzine di satelliti simili sviluppati da AST SpaceMobile, una società che mira a mantenere gli smartphone connessi dall’orbita.

Gli astronomi erano già preoccupati per l’emergere di massicce costellazioni di satelliti, come Starlink di SpaceX, che presentano superfici luminose che a volte interferiscono con la visione dello spazio dalla Terra. Il lancio e l’implementazione di BlueWalker 3 hanno esacerbato queste preoccupazioni.

“Non è necessariamente un satellite, ma è un progenitore o un prototipo di una costellazione, quindi prima o poi ce ne saranno molti là fuori”, ha detto Siegfried Eagle, astrofisico dell’Università dell’Illinois a Urbana-Champaign e autore del nuovo studio.

Lanciato inizialmente nel settembre 2022, BlueWalker 3 è il fiore all’occhiello dei satelliti BlueBird di AST SpaceMobile, destinati a fungere da rete di torri cellulari orbitanti con l’obiettivo di “democratizzare l’accesso alla conoscenza e alle informazioni, indipendentemente da dove le persone vivono e lavorano”. ha detto il portavoce della compagnia. Ha detto ad AST SpaceMobile. Il mese scorso BlueWalker 3 è stato lanciato con successo Ha trasmesso la sua prima connessione 5G A uno smartphone nel divario di copertura cellulare sulla Terra.

AST SpaceMobile è una delle tante aziende che lottano per soddisfare la crescente domanda di connettività globale a banda larga. SpaceX ha lanciato circa 5.000 satelliti nello spazio come parte della sua rete Starlink, che fornisce già un servizio Internet via satellite. Per i clienti Intorno al mondo. E altre aziende, come Amazon (che è destinata a… Venerdì verrà lanciato il suo primo prototipo di satellite) e OneWeb hanno ambizioni simili e molti paesi stanno sviluppando i propri mega cluster di telecomunicazioni.

READ  La straordinaria immagine del telescopio spaziale James Webb scatena la frenesia scientifica

“In questo momento, sappiamo che ci sono 18 costellazioni pianificate in tutto il mondo”, ha detto il dottor Eagle. “Il numero totale di satelliti è sconcertante: mezzo milione di persone stanno pianificando di installarli. Si tratta di 100 volte di più di quelli che già abbiamo.”

La rapida proliferazione dei satelliti negli ultimi anni ha allarmato gli osservatori delle stelle di ogni ceto sociale. Quando le navicelle spaziali si muovono nel cielo, creano scie luminose e un bagliore ambientale nel cielo che può rovinare le immagini astronomiche e oscurare deboli oggetti celesti che potrebbero essere visibili a occhio nudo.

“Ci sarà un grande cambiamento in queste costellazioni”, ha detto Jeremy Tregloan-Reid, astronomo dell’Università di Atacama in Cile e autore dello studio.

AST SpaceMobile ha reso l’array BlueWalker 3 molto grande per trasmettere una potente copertura cellulare direttamente ai telefoni a terra. Il satellite è costituito da tante piccole antenne in grado di collegare gli smartphone esistenti, un approccio che distingue l’azienda da Starlink e da altre torri progettate che attualmente si affidano ad antenne o parabole terrestri.

Per trovare l’impatto specifico di BlueWalker 3, gli autori del nuovo studio hanno compilato osservazioni satellitari registrate da astronomi dilettanti e professionisti in Cile, Stati Uniti, Messico, Nuova Zelanda, Paesi Bassi e Marocco. Questa campagna globale ha rivelato che BlueWalker 3 aveva raggiunto una dimensione che la rendeva luminosa quanto Procione e Achernar, due delle 10 stelle più luminose del cielo, secondo lo studio.

“Mi piace molto il modo in cui hanno utilizzato così tanti telescopi diversi da così tanti posti diversi nel mondo; fa luce”, ha detto Samantha Lawler, un’astronoma dell’Università di Regina nel Saskatchewan, che non è stata coinvolta nello studio ma ha scritto un documento di accompagnamento Articolo di Nature: “Su come questo sia un problema veramente globale.” “Un paese, o una piccola azienda, lancia un satellite e può essere visto ovunque nel mondo.”

READ  Il Megarocket della NASA è vicino al suo primo lancio dopo il successo dei test sui motori

AST SpaceMobile ha affermato che sta lavorando con gli astronomi su tecniche per ridurre la turbolenza. Ha inoltre confrontato il numero del suo gruppo con le decine di migliaia pianificate da altre società. Il portavoce ha detto che potrebbe “fornire una significativa copertura globale con circa 90 satelliti”.

Anche se il numero di satelliti BlueBird sarà molto inferiore, saranno almeno 64 volte più grandi di un satellite Starlink e molto più luminosi. Anche gli orbiter di SpaceX sono più luminosi nei giorni successivi al lancio, ma diventano più fiochi una volta che si stabilizzano nelle orbite target.

Gli astronomi si aspettano che le lune Bluebird rimangano luminose nel cielo per gran parte della loro vita. Di conseguenza, uno di questi satelliti potrebbe interferire con i dati catturati dagli osservatori astronomici.

“È così brillante che distruggerebbe intere immagini registrate con telescopi ad ampio campo, come ad esempio l’Osservatorio Vera Rubin”, ha detto il dottor Eagle.

Al momento non esistono normative che impediscano alle aziende di lanciare massicce e luminose costellazioni di satelliti, anche se molti scienziati e sostenitori del cielo oscuro, compresi i gruppi per i diritti degli indigeni, stanno difendendo le regole. Anche se molte aziende si sforzano di oscurare i propri satelliti, continuano a lanciarli a un ritmo vertiginoso.

“Non dovremmo fare progressi ad ogni costo”, ha detto il dottor Tregloan-Reid. “È come costruire un progetto completamente nuovo su un sito storico. Non puoi farlo semplicemente. Devi proteggere queste cose.”

Ha anche riconosciuto che gli astronomi non possiedono il cielo notturno ma hanno interesse a preservarlo.

“Quello che vorremmo fare è condividere il cielo notturno e far capire al pubblico che questo è un potenziale problema”, ha detto.

READ  Il telescopio Webb spia le nuvole sotto la foschia della luna di Saturno, Titano